LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I CUSTODI DEL FUTURO
SALVATORE SETTIS
13 maggio 2014, La Repubblica



NELLA discussione sulla funzionalit del Ministero dei Beni Culturali e in particolare delle Soprintendenze, di recente rinfocolata da un documento del governo, colpiscono tre costanti.

Primo, quasi tutti gli intervenuti sembrano credere che in quel Ministero si annidino vizi e misfatti specialissimi, di cui la pubblica amministrazione per il resto esente, e pertanto meritevoli di pi accanito cannoneggiamento.

Secondo, quasi tutti sono d'accordo sull'urgentissima necessit di riforme, ma quasi nessuno si degna di precisare quali.

Terzo, si sprecano le battute sulla natura "ottocentesca" della struttura, quasi che fosse ibernata da un secolo; e si tace sul fatto che quel Ministero esso stesso il frutto di una riforma, essendo stato scorporato dalla Pubblica Istruzione nel 1975; e che di riforme da allora ce ne sono state cinque; la sesta, iniziata da Bray, ora in lista d'attesa. Se qualcosa non funziona, dunque, non perch siano mancate le riforme, ma perch ce ne sono state troppe.

Su queste riforme anche recentissime, i sermoni dei finti esperti non spendono una sillaba, n dicono una banale verit: che prima di farne una nuova bisognerebbe chiedersi con quali fini e aspettative si siano fatte le altre, e perch non abbiano funzionato. Ma questo il Paese (con la "p" sempre meno maiuscola) dove l'improvvisazione la vince sull'analisi, l'approssimazione sulla competenza. Una delle ipotesi che ora si fanno di modificare la struttura del sistema, con soprintendenze territoriali distinte per ambiti, creando soprintendenze "miste" con un solo dirigente a capo di ciascuna. Difficile dire se giusto o sbagliato; quel che certo che in Sicilia, unica regione autonoma in questa materia, le soprintendenze miste ci sono da decenni, e la prima cosa da fare sarebbe studiare che cosa ha funzionato di quel sistema e che cosa no.

Qualcuno lo sta facendo? Non risulta. Meglio tirare a indovinare. Il divorzio della Sicilia dal resto d'Italia sul fronte dei beni culturali la prova provata che la creazione stessa del Ministero fu fatta in modo confuso. Che senso ha creare un apposito ministero per un ambito tanto centrale per l'Italia ed espellerne la regione pi vasta, e tra le pi ricche di patrimonio culturale? Eppure il Ministero fu istituito il 29 gennaio 1975, e la Sicilia gli fu sottratta il 30 agosto di quell'anno, senza che l'allora ministro Spadolini aprisse bocca. Si vede cos che il nuovo Ministero rispondeva a criteri di opportunit politica, e non all'esigenza primaria di attuare la Costituzione, che pone la tutela del paesaggio e del patrimonio artistico della Nazione fra i principi fondamentali dello Stato (art. 9), e dunque impone un identico livello e criterio di tutela in tutto il territorio nazionale.

Da allora, i segni del degrado si sono moltiplicati, diventando sempre pi visibili via via che il Ministero veniva depotenziato da irresponsabili tagli di bilancio nonch da un blocco delle assunzioni, che ha ridotto i ranghi degli addetti accrescendone l'et media e impedendo un sano rinnovo con l'immissione di giovani, esperienza, entusiasmo. Intanto, leggi e leggine rendono sempre pi complesso il compito delle Soprintendenze, senza dar loro n nuovi mezzi n nuovo personale per farvi fronte. Perci molte singole lagnanze su questo o quell'episodio di disfunzione saranno anche fondate, sia perch tutti possono sbagliare sia perch pi facile sbagliare quando non si hanno i mezzi per far bene: ma un errore giudiziario non giustifica l'abolizione della magistratura, una diagnosi sbagliata non vuol dire che si devono chiudere gli ospedali, dieci cattivi insegnanti non generano la proposta di abolire la scuola.

Perch, dunque, a ogni vera o finta disfunzione delle Soprintendenze qualcuno ne chiede l'abolizione? Punto di partenza dev'essere la funzione civile del patrimonio culturale secondo la Costituzione: e cio come bene comune dei cittadini, attributo della sovranit popolare, strumento di eguaglianza e di promozione della solidariet sociale e della dignit personale. Tutto il resto (compreso il turismo) viene dopo: il patrimonio in primo luogo dei cittadini e per i cittadini. Perci le Soprin- tendenze non sono superfetazioni burocratiche, bens istituti di ricerca sul territorio, di conoscenza del patrimonio e dei paesaggi, di protezione della memoria storica, di custodia dell'anima stessa del Paese.

Se questo , tre sono le pi urgenti riforme: rimettere questo tema fra i pi meritevoli d'investimento pubblico, e non fra gli ultimi (dunque, non improvvisare riforme solo perch obbligati da una qualche spending review); riaprire le assunzioni sulla base del merito, cercando altissime competenze specifiche, tecnicoscientifiche e gestionali; infine, assicurare la completa indipendenza dei funzionari dalla politica, facendone una sorta di magistratura del territorio. Il recente documento del governo non va affatto in questa direzione. C' da augurarsi che, quando parla di abolire enti che non servono pi, le Soprintendenze non siano tra questi; ma certamente ad esse si riferisce il punto 30 (accorpamento delle Soprintendenze e gestione manageriale dei poli museali), che fa riferimento alla consueta mitologia, ignota al resto del pianeta, secondo cui tutti i manager (comunque definiti) sono efficienti, e nessuno storico dell'arte pu esserlo mai.

Altri punti del documento (21: un solo rappresentante dello Stato nelle conferenze dei servizi; 39: unificazione della modulistica di edilizia e ambiente) sono altrettante bombe a orologeria che potrebbero impedire qualsiasi tutela del territorio. Perch i funzionari delle Soprintendenze, non dimentichiamolo, non sono opachi burocrati passacarte. Sono, o meglio devono essere o diventare, i custodi del futuro. Perch, se non sapremo affidare in mani competenti i nostri tesori pi preziosi, saranno le generazioni future a pagare i costi della nostra insipienza di oggi. Nelle sue dichiarazioni al Salone del Libro di Torino, il ministro Franceschini se ne mostrato ben consapevole. Ci auguriamo che la sua voce possa prevalere nel governo Renzi, dove le opinioni opposte non mancano.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news