LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Reggia di Caserta, crollo ignorato per una settimana
Antonella Palermo
Corriere del Mezzogiorno 10/5/2014

La Soprintendenza: Non c'era alcun pericolo. Ieri via alla manutenzione

CASERTA Rimozione del materiale caduto, installazione di una copertura provvisoria e messa in sicurezza dell'area: sono partiti ieri pomeriggio i lavori di somma urgenza per la riparazione del buco di trenta metri quadrati apertosi nel tetto dell'angolo sud-ovest del quarto cortile della Reggia di Caserta. Un intervento che, per quanto di somma l'urgenza, ha richiesto tra i necessari carteggi burocratici una settimana di tempo tra la scoperta della falla e l'avvio concreto delle operazioni di prima necessit.
Era il primo maggio scorso, un gioved pomeriggio, quando ci si accorti che una trave era ceduta e che si era aperto uno squarcio nella copertura. Il giorno dopo, il venerd racconta l'architetta Flavia Berardelli, responsabile del settore architettonico della Soprintendenza abbiamo provveduto ad inviare una relazione tecnica al Polo museale per chiedere l'avvio dei lavori di somma urgenza. Ma i lavori sono materialmente cominciati ieri, dunque ad una settimana dalla scoperta.
Quattro giorni lavorativi, precisa l'architetta che argomenta: L'area pericolante dunque non si poteva intervenire con il nostro personale. D'altro canto bene chiarire che non c'erano rischi per il monumento; visto che c' il controsoffitto, non c'era alcun pericolo n per il patrimonio n per il personale. Sono stati comunque effettuati dei sopralluoghi, anche dai Vigili del fuoco. Si poteva far prima? In teoria s ribatte l'architetta ma solo se ci fosse stata una ditta a passeggio nel cortile. Nel concreto, i quattro giorni intercorsi sono stati necessari intanto alla verifica della competenza di spesa, se spettava al Polo museale o al Mibac, e poi alle procedure imposte dalla normativa vigente per l'affidamento alla ditta, l'accettazione della ditta stessa e l'avvio materiale dei lavori. Il carteggio ha parzialmente interessato anche i militari della Scuola specialisti. Nello stesso pomeriggio della Festa dei lavoratori anche l'Aeronautica militare, che occupa gli spazi sottostanti, stata infatti avvisata della presenza della falla nel tetto. Abbiamo avviato immediatamente le procedure di sgombero dei locali sottostanti (gli spazi adibiti a servizi igienici e due camerate da sei letti ciascuna), spostandole in un'altra ala attigua, spiega al Corriere del Mezzogiorno il colonnello Veniero Santoro, comandante della Scuola specialisti dell'Arma azzurra e il giorno dopo, il 2 maggio, abbiamo chiesto alla Soprintendenza di indicarci la linea d'azione. La normativa vigente continua l'ufficiale assegna infatti la competenza diretta della manutenzione, specialmente quella esterna, al ministero. Noi, invece, ci occupiamo della manutenzione delle aree che occupiamo, in termini ad esempio di verniciature, di interventi ordinari e comunque di mantenimento e di cura di tutto quanto necessario. Dopo quella nostra comunicazione abbiamo poi appreso, verbalmente, che erano stati effettuati dei sopralluoghi ed avviate le procedure per la somma urgenza.
Un disagio logistico comunque contenuto per i militari che attendono per anche loro l'avvio dei lavori per la liberazione delle impalcature di una parte della facciata della Reggia.
La scuola specialisti dell'Aeronautica ospita 560 persone tra militari e civili della Difesa e occupa il piano sottostante il tetto (da cui comunque diviso da una copertura) e il piano ancora inferiore dove sono presenti le aule. Solo pi gi, al primo piano, ci sono gli appartamenti reali aperti ai turisti. La presenza dell'Aeronautica in un'area della Reggia stata sempre oggetto di vivace discussione in citt e cos, all'indomani della diffusione della notizia del crollo, il sindaco della citt Pio Del Gaudio ha voluto con una nota ufficiale stoppare sul nascere ogni eventuale polemica: Ancora una volta, in modo a mio giudizio preoccupante, da parte di taluni si mette in discussione il ruolo dell'Aeronautica militare nella Reggia di Caserta e nella citt. Allora, ancora una volta voglio essere chiaro e definitivo: nessuno si permetta neanche di pensare di spostare l'Aeronautica militare dalla citt di Caserta e dalla Reggia. Pio Del Gaudio ribadisce che l'Aeronautica e con essa l'esercito e tutte le forze armate rappresentano per il territorio e per Caserta un valore aggiunto. La citt di Caserta ne consapevole ed cresciuta culturalmente e moralmente con sentimenti di gratitudine e affetto nei confronti dell'Arma azzurra e delle Forze Armate tutte. Il sindaco parla anche di frasi sibilline di chi vorrebbe attribuire colpe a chi per il dovere imposto dalla divisa non pu rispondere e rivendica a s il compito di replicare alle presunte polemiche: Lo faccio io. Caserta ama l'Aeronautica, i suoi rappresentanti, l'Esercito e i soldati che con le loro divise da sempre rendono vive le nostre strade e contribuiscono a reggere'' la nostra economia. In difesa della Scuola militare, il primo cittadino rivendica anche l'impegno profuso dall'Arma per la manutenzione del monumento: Tutti i casertani sanno che la Reggia manutenuta per due terzi dall'Arma Azzurra con costi pari a un decimo rispetto ai vecchi e copiosi budget del ministero dei beni culturali. E chiude con un nuovo appello al ministro Dario Franceschini e al direttore del Polo museale Fabrizio Vona: Confido nel senso di responsabilit dell'ottimo sovrintendente Vona e nel senso del dovere del ministro Franceschini. Si affrontino le questioni relative alla Reggia guardando avanti e non mettendo in discussione valori colori, principi e significati che appartengono alla storia di Caserta, citt conclude il sindaco orgogliosamente Militare che spera di diventare citt di accoglienza turistica".Anche al sindaco sembra per rivolta la sollecitazione della direttrice pro-tempore della Reggia Antonella Cucciniello: La Reggia deve trainare il territorio, ma anche il territorio deve uscire dal degrado per rilanciare l'immagine della stessa Reggia. Penso a piazza Carlo III, che andrebbe valorizzata, al problema degli ambulanti, su cui noi non possiamo fare granch. I casertani forse hanno smesso di vedere il proprio Palazzo Reale.
Per il resto, getta acqua sul fuoco: Il crollo di una piccola porzione di tetto nell'ala della Reggia di Caserta occupata dall'Aeronautica non segnale inquietante, ma di certo non va sottovalutato e ci dice che necessario effettuare una buona manutenzione ordinaria, ma per farlo ci vogliono fondi adeguati. Si tratta spiega di un incidente fisiologico in un palazzo di 262 anni come la Reggia; il legno un materiale pregiato ma si deteriora. chiaro per che con una buona manutenzione ci non sarebbe avvenuto. I lavori costeranno tra i 20mila e i 30mila euro; a pagare sar il Polo Museale.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news