LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Montanari: Nell'Emilia colpita dal sisma l'arte va rifatta com'era
Stefano Miliani


19 aprile 2014

Lanno scorso, il 5 maggio, ci fu la chiamata a raccolta di storici dellarte, architetti e professionisti affini a LAquila per vedere con i propri occhi il terremoto che non era finito con le scosse. Vennero tanti giovani, venne lex ministro Bray, la giornata tra i ponteggi e le rovine fu drammatica e appassionante al tempo stesso: lideatore di quella giornata fu Tomaso Montanari, docente alluniversit Federico II di Napoli, a oggi il polemista pi temuto insieme a Settis da chi gestisce cose e potere nel patrimonio artistico. Questanno si fa il bis domenica 4 maggio per in una cittadina che ha subito i colpi delle forti scosse del 20 e poi del 29 maggio 2012 in Emilia, Lombardia e Veneto, ovvero a Mirandola, nel modenese. Stavolta la paternit dellidea spetta a Italia Nostra che per ha voluto lo studioso come Virgilio per colleghi, appassionati e cittadini consapevoli che palazzi e chiese e opere darte sono il fascio di nervi che tiene in funzione i neuroni rimasti a noi italiani.



Montanari, da dove viene lidea di una giornata a Mirandola?

Non unidea mia stavolta, una richiesta molto forte venuta da Italia Nostra dellEmilia Romagna. A Mirandola il problema non drammatico come a LAquila, pi sottile e ha comunque ripercussioni pesanti.

E quale ritiene sia il problema?

In Emilia ha prevalso una linea drastica sui monumenti danneggiati che ha avuto il culmine in abbattimenti come quello del municipio di SantAgostino. Qui il pericolo che si distinguano con una eugenetica del territorio i pezzi pregiati da salvare e quelli da non salvare. Di quel municipio si disse che non aveva importanza ma una visione commerciale da top ten, era un edificio comunque di oltre 70 anni e vincolato. E conta il tessuto del territorio.

Cosa contesta di questa impostazione?

Lidea che quando un monumento troppo danneggiato o lo si lascia come rudere o lo si abbatte. Tra alcuni storici del restauro, architetti e dirigenti dei beni culturali del ministero in Emilia Romagna passa la linea del comera ma non dovera. E questa linea trova consensi tra i vescovi che stanno per bandire concorsi per rifare chiese. un purismo formale legato a un pensiero alla Ruskin (il letterato, esteta, disegnatore e critico darte inglese di met 800 innamorato dellItalia, ndr) dove conta la materialit delle pietre. La trovo una posizione intellettualistica che, senza cattive intenzioni, bene dirlo, si salda con la speculazione e con linteresse di lavorare per tanti architetti.

A LAquila per il dramma ben diverso, l le persone non abitano nemmeno pi nei loro luoghi storici, nelle case, il centro storico un cantiere pur se molti lavori sono partiti, almeno nell'ultimo anno,

Non solo un problema estetico ma civile e sociale: questi monumenti e architetture sono la mappa della vita di una comunit. Al cittadino non importa se la chiesa ha le solite pietre. Il concetto di ricostruire un monumento comera e dovera stato fondamentale nella storia italiana: nel caso contrario non avremmo in ponte di Santa Trinita di Firenze n il Tempio malatestiano di Rimini, che furono ricostruiti anche pesantemente cercando di rifare quel che non cera in modo simile o nel modo pi simile possibile. Se non si fosse seguito quel principio per secoli oggi saremmo in unItalia diversa.

La chiamata a raccolta del 4 maggio a cosa serve?

A ribadire il motto comera dovera in opposizione al motto comera ma non dovera.

A costo di ripeterci, ma in Emilia lo scenario del dopo sisma molto differente da quello abruzzese.

Certo, le cose sono andate meglio ma questo problema esiste e gli storici dellarte devono esserne consapevoli, non possono essere interessati solo agli oggetti originali, devono interessarsi ai luoghi pi che alla conversazione feticistica di un pezzo. Ritengo sia meglio rischiare un falso storico che rischiare la perdita di identit d una comunit e quindi la giornata di Mirandola in continuit con quella de LAquila. Ed unoccasione per riparlare della citt abruzzese, infatti verranno anche cittadini aquilani. Daltronde nella zona ci sono ancora monumenti chiusi: la Galleria Estense, a Mantova la Camera degli sposi del Mantegna

Per info e partecipare alla giornata del 4 maggio CLICCA QUI

http://www.unita.it/culture/montanari-settis-mirandola-aquila-italia-nostra-terremoto-sisma-culturali-arte-arts-franceschini-1.564602


news

26-02-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 febbraio 2020

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

Archivio news