LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA-Il Cristo Portacroce di Michelangelo torna a Roma dopo 14 anni, in mostra ai Musei capitolini
Laura Larcan
Messaggero, 02/05/2014

La storia della sua scoperta sarebbe degna di un best seller in stile Dan Brown. Unavventura sul filo dellemozione, fatta di capolavori nascosti, chiese di campagna, ricerche darchivio, antiche carte. cos che dopo secoli di oblio riaffiorava nel 2000 a Bassano Romano il Cristo Portacroce di Michelangelo, quella prima versione eseguita tra il 1514 e il 1516, e lasciata incompiuta dal Buonarroti per lemergere improvviso nel marmo lattiginoso della guancia di una vena nera (seguita ventanni dopo dalla seconda versione oggi visibile nella chiesa di Santa Maria sopra Minerva). E a distanza di 14 anni dalla scoperta, che lo port a Roma per la mostra Caravaggio e i Giustiniani, il Cristo torna per la prima volta nella Capitale, protagonista della mostra Michelangelo. Incontrare un artista universale che si aprir dal 27 maggio ai Musei Capitolini, prodotta e organizzata dallassociazione culturale MetaMorfosi presieduta da Pietro Folena per i 450 anni dalla morte del Buonarroti, sotto la cura di Cristina Acidini. Lopera ci porta allinterno della creativit di Michelangelo, ci fa capire il suo modo di lavorare - avverte la Acidini - Ci lascia vedere come in un primo momento abbia tentato di incorporare il difetto nel progetto artistico. La vena nera inclusa, infatti, in una piega despressione del viso. Si percepisce il tentativo di andare avanti e utilizzare quello che doveva essere un bel blocco di marmo, ma lespediente non sufficiente e Michelangelo ha dovuto abbandonarlo. E come sottolinea Folena, Leccezionale ritorno a Roma dellopera rende pi suggestivo il confronto con il Cristo della Minerva.

A scoprire il capolavoro fu la storica dellarte Irene Baldriga, mentre eseguiva dei sopralluoghi in preparazione della mostra curata da Silvia Danesi Squarzina. Tappa, Bassano Romano, chiesa di San Vincenzo Martire. Fui fortunata - ricorda - quel giorno incontrai un monaco che mi fece entrare in sacrestia. E l notai la statua: era cementata su un altarolo e impolverata. Eppure ne comprese la qualit: Da vicino notai la vena nera che caratterizza il volto. Immediatamente la ricollegai alle fonti che parlano dellabbandono da parte di Michelangelo per quel difetto. Fu determinante la ricerca della studiosa Ludovica Sebregondi Fiorentini, che aveva pubblicato le lettere di Francesco Buonarroti e Michelangelo il Giovane, eredi del genio, da cui si evince che il Cristo abbandonato era disponibile sul mercato dellarte di Roma, potenziale acquisto dei Giustiniani. Fondamentale, riflette Baldriga, fu il restauro di Rossano Pizzinelli: Fu lui a rimuovere il perizoma di bronzo per verificare la completezza del nudo della statua, conditio per essere opera di Michelangelo. E aveva tutto.



news

24-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 agosto 2019

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news