LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA-Il Cristo Portacroce di Michelangelo torna a Roma dopo 14 anni, in mostra ai Musei capitolini
Laura Larcan
Messaggero, 02/05/2014

La storia della sua scoperta sarebbe degna di un best seller in stile Dan Brown. Unavventura sul filo dellemozione, fatta di capolavori nascosti, chiese di campagna, ricerche darchivio, antiche carte. cos che dopo secoli di oblio riaffiorava nel 2000 a Bassano Romano il Cristo Portacroce di Michelangelo, quella prima versione eseguita tra il 1514 e il 1516, e lasciata incompiuta dal Buonarroti per lemergere improvviso nel marmo lattiginoso della guancia di una vena nera (seguita ventanni dopo dalla seconda versione oggi visibile nella chiesa di Santa Maria sopra Minerva). E a distanza di 14 anni dalla scoperta, che lo port a Roma per la mostra Caravaggio e i Giustiniani, il Cristo torna per la prima volta nella Capitale, protagonista della mostra Michelangelo. Incontrare un artista universale che si aprir dal 27 maggio ai Musei Capitolini, prodotta e organizzata dallassociazione culturale MetaMorfosi presieduta da Pietro Folena per i 450 anni dalla morte del Buonarroti, sotto la cura di Cristina Acidini. Lopera ci porta allinterno della creativit di Michelangelo, ci fa capire il suo modo di lavorare - avverte la Acidini - Ci lascia vedere come in un primo momento abbia tentato di incorporare il difetto nel progetto artistico. La vena nera inclusa, infatti, in una piega despressione del viso. Si percepisce il tentativo di andare avanti e utilizzare quello che doveva essere un bel blocco di marmo, ma lespediente non sufficiente e Michelangelo ha dovuto abbandonarlo. E come sottolinea Folena, Leccezionale ritorno a Roma dellopera rende pi suggestivo il confronto con il Cristo della Minerva.

A scoprire il capolavoro fu la storica dellarte Irene Baldriga, mentre eseguiva dei sopralluoghi in preparazione della mostra curata da Silvia Danesi Squarzina. Tappa, Bassano Romano, chiesa di San Vincenzo Martire. Fui fortunata - ricorda - quel giorno incontrai un monaco che mi fece entrare in sacrestia. E l notai la statua: era cementata su un altarolo e impolverata. Eppure ne comprese la qualit: Da vicino notai la vena nera che caratterizza il volto. Immediatamente la ricollegai alle fonti che parlano dellabbandono da parte di Michelangelo per quel difetto. Fu determinante la ricerca della studiosa Ludovica Sebregondi Fiorentini, che aveva pubblicato le lettere di Francesco Buonarroti e Michelangelo il Giovane, eredi del genio, da cui si evince che il Cristo abbandonato era disponibile sul mercato dellarte di Roma, potenziale acquisto dei Giustiniani. Fondamentale, riflette Baldriga, fu il restauro di Rossano Pizzinelli: Fu lui a rimuovere il perizoma di bronzo per verificare la completezza del nudo della statua, conditio per essere opera di Michelangelo. E aveva tutto.



news

25-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news