LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI - De Magistris, l'espropriatore. Anzich ridurre il patrimonio immobiliare, l'aumenter
di Giovanni Bucchi



Qualcuno penser che s' montato la testa. C' chi gli dice che cos va incontro a una raffica di contenziosi da riempire di cause tutte le stanze di Palazzo San Giacomo. Altri gli fanno notare che in questo modo legittima le occupazioni abusive degli edifici e va ad ingrossare un patrimonio immobiliare comunale che invece dovrebbe essere sottoposto a una cura dimagrante, come gli ha intimato la Corte dei conti. La quale, peraltro, ha pure bocciato il piano di riequilibrio finanziario del suo Comune. Ma lui alza le spalle e tira dritto. Il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, ha infatti l'intenzione di combinarne un'altra delle sue per provare a dare una scossa a un'amministrazione comunale falcidiata in tre anni da scandali, inchieste della Procura e dimissioni di assessori.

Il primo cittadino della (fallita?) rivoluzione arancione ha fatto approvare in giunta due delibere per espropriare beni privati e pubblici abbandonati e lasciati in disuso dai legittimi proprietari, che siano lo Stato tramite l'Agenzia del Demanio oppure un privato cittadino o un'impresa. Non solo, nel mirino ci sono anche gli immobili pubblici occupati abusivamente, le cui situazioni di irregolarit verrebbero in qualche modo sanate. O perlomeno, si aprirebbe un percorso per arrivare a una soluzione che non comporti lo sgombero - nessuno verr cacciato via dicono dal Comune -, visto che saranno gli stessi cittadini occupanti a poter proporre un progetto per l'utilizzo del bene.

Sono le delibere pi rivoluzionarie e creative che abbiamo scritto esulta in conferenza stampa De Magistris, spalleggiato da Paolo Maddalena, l'ex giudice della Corte Costituzionale che ha collaborato alla stesura di questi provvedimenti ora destinati ad arrivare in consiglio comunale con una via preferenziale. L'obiettivo, secondo i vertici di Palazzo San Giacomo, quello di restituire una funzione sociale ed economica agli edifici presenti sul territorio cittadino che sono inutilizzati o abbandonati, siano essi di propriet pubblica, ecclesiastica o privata. Pertanto, capannoni industriali, case, terreni agricoli, aree dismesse, giardini, garage..., il Comune di Napoli pronto ad appropriarsene, ad espropriarli. Con buona pace della propriet privata, senza guardare in faccia a nessuno e nonostante si tratti di strutture non abusive.

Secondo l'amministrazione comunale partenopea, il riferimento all'articolo 42 della Costituzione, e a quella che viene ritenuta la sua prima e storica applicazione in Italia, a giustificare (e tutelare) un tale atto di forza. Soprattutto quando recita che la propriet privata riconosciuta e garantita dalla legge, che ne determina i modi di acquisto, di godimento e i limiti allo scopo di assicurarne la funzione sociale e di renderla accessibile a tutti e pu essere espropriata per motivi di interesse generale. In questo caso, la Costituzione aggiunge anche salvo indennizzo, che invece De Magistris non sembra disposto a riconoscere ai proprietari che saranno espropriati. In poche parole, il Comune di Napoli acquisisce d'imperio i beni abbandonati dai privati, per poi utilizzarli con modalit collettive da definire. Verr comunque fatta prima una comunicazione al proprietario interessato, ma se questi entro 5 mesi non adotta provvedimenti necessari al perseguimento della funzione sociale del suo bene, si passer all'incameramento. Per gli appartamenti o le palazzine invendute, i costruttori se li vedranno sottratti nel caso non accettino di venderli a prezzi ribassati concordati con l'amministrazione comunale. Che cos, oltre a espropriare beni privati, detta pure le regole del libero mercato.

http://www.italiaoggi.it/giornali/dettaglio_giornali.asp?preview=false&accessMode=FA&id=1885249&codiciTestate=1


news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news