LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bassano Romano. Rinasce la villa da set. Al via il restauro di Palazzo Giustiniani-Odescalchi
Paolo Brogi
CORRIERE DELLA SERA – Cronaca Roma


Stop alla rovina del Palazzo Giustiniani-Odescalchi di Bassano Romano, immortalato dal cinema in celebri sequenze come la festa dei nobili nella «Dolce vita». E usato sempre come set, mentre purtroppo non se ne arrestava il degrado, anche dal cinema di De Sica, Monica Vitti, Alberto Sordi (vi è ambien-tata buona parte de «L'avaro»).
Oltre tre milioni di euro sono stati destinati dal ministero dei Beni culturali al recupero dell'importante struttura che sorge nel centro del paese del viterbese. Soldi ricavati dal Lotto (dalle trancile del 2001 e del 2004). Molti di meno dei 17 milioni di euro inizialmente previsti, ma anche molto di più della succes-siva riduzione a 642.420 euro (con un taglio di ben il 96 per cento su quanto originariamente previsto), ipotesi che aveva portato gli amministratori del Comune a manifestazioni e proteste pubbliche.
La buona notizia arriva ora dopo il tramonto dell'interesse avanzato dal Senato e dal presidente Pera che erano stati solleticati dall'idea di farne una foresteria di rango, ristrutturandolo a proprie spese. Il palazzo nel frattempo ha subito notevoli danni nel corso soprattutto degli ultimi anni, in particolare nelle coperture dei tetti, attraverso alcune infiltrazioni che hanno attaccato il salone affrescato da Paolo Guidotti e infine per i danni rilevanti che riguardano la bella Casina di Caccia.
«Partiremo col cantiere a maggio» annuncia l'architetto Agostino Bureca della Sovrintendenza ai beni architettonici e paesaggistici del Lazio.
Il feudo bassanese. in origine degli Anguillara, fu acquistato nel 1595 dal ricco commerciante e finanziere genovese Giuseppe Giustiniani, riparato a Roma dal lontano Oriente; la Villa fu restaurata e configurata nello stato attuale dal figlio Vincenzo (Chio 1564-Roma 1637) sul principio del Seicento per farne la propria casa-museo, rappresentativa sede di importanti collezioni antiquarie e di arte contemporanea e aristocratico luogo di riservate e dilettevoli attività e privilegiate frequentazioni. Passata a metà Ottocento alla famiglia Odescalchi, contiene un prezioso ciclo di affreschi, opera di importanti artisti dell'epoca (Francesco Albani, Bernardo Castello, Antonio Tempesta e soprattutto il Domenichino).
«Che dire? Due mesi fa avevamo scritto a Ciampi -dice il sindaco Giuseppe Marchetti- Qualcosa ora si farà. Bene, ma non basta. La villa, con i suoi 23 ettari di proprietà, il giardino e tutto il resto, merita ben altro».
Pragmaticamente Bureca fa l'elenco delle priorità: «Inizieremo con il giardino e col ponte. Poi ci occuperemo dei tetti, la copertura e i prospetti della Casina di Caccia, sistemeremo la corte e il cortile. Partiamo così e poi speriamo di trovare strada facendo altri soldi». E gli affreschi? «Necessitano di restauri, ma non è un problema urgente. L'unico salone colpito da infiltrazioni è quello del Guidotti».



news

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

Archivio news