LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

E all'alba l'obelisco di Axum, rubato dai fascisti, torn a casa
Giancarlo Lannutti
Liberazione




Dopo anni di trattative e resistenze il monumento (una prima parte) trafugato 68 anni fa da Mussolini atterrato ieri in Etiopia. Una stele simbolo della leggendaria Regina di Saba, che divenne testimonianza della mortificazione colonialista del Duce.

Ci sono voluti decenni di richieste, di polemiche, di trattative ma finalmente alle prime luci di ieri mattina l’obelisco di Axum "ritornato a casa", nella citt dell'Etiopia settentrionale dalla quale fu trafugato - questo il termine esatto - dalle truppe fasciste esattamente 68 anni fa. In realt tornato a casa in parte: alto nel complesso 24 metri e pesante 160 tonnellate, stato suddiviso in tre tronconi, ed il primo di questi - quello mediano, di 58 tonnellate - che gi stato trasferito dall'Italia all'Etiopia con un gigantesco aereo da trasporto Antonov della omonima compagnia ucraina; gli altri due frammenti seguiranno nei prossimi giorni, in teoria entro la fine del mese ma con qualche possibile ritardo, poich l'alta temperatura che si registra ad Axum e la brevit della locale pista di atterraggio consentono a un aereo di quelle dimensioni di operare solo in determinate circostanze.
L'operazione comunque ha preso finalmente il via e questo stato salutato dal governo e dalle autorit religiose etiopiche, ma anche dalla popolazione, come "un momento storico", secondo le parole del ministro della Cultura Teshome Toga. Ad attendere le stele ai bordi della pista, ieri mattina alle 6.20 ora locale (le 5.20 in Italia), c'erano autorit statali, personalit religiose, tutti i membri del Comitato etiopico per il ritorno dell'obelisco e l'ambasciatore d'Italia Guido La Telia; la signora Netsannet Asfan, ministro dell'Informazione, non riuscita a trattenere le lagrime e ha detto: Finalmente una parte della nostra identit tomata a casa con un biglietto senza ritorno, mentre la pi alta autort copta della regione, Abuna Isaias, recitava una Dreshiera in onore della stele.
Per capire l'importanza annessa all'avvenimento, bisogna tener presente che l'obelisco di Axum non era soltanto un prezioso "pezzo" di archeologia nonch un simbolo concreto della mortificazione colonialista inflitta dai conquistatori fascisti (non a caso Mussolini lo aveva voluto a Roma). Axum, gi capitale del leggendario regno axumita, per i copti d'Etiopia la loro citt santa, "la madre delle citt", nella cui Cattedrale, Enda Mariam Sion, venivano incoronati gli imperatori; era dunque la capitale storica e morale dell'Impero e per questo l'obelisco (anche se non era l'unico esistente) era percepito da tutti gli etiopi come il simbolo della loro identit nazionale e religiosa.
Axum fu occupata dalle truppe fasciste nell’ottobre 1935; l'obelisco -che era il secondo per grandezza, il maggiore misurando 33 metri- fu asportato nel 1937 e arriv nel porto di Napoli il 27marzo di quell'anno, per essere infine ricomposto nella sua interezza e inaugurato a Roma il 31 ottobre; il viaggio dall'Etiopia e Napoli era durato due mesi. Il problema della sua restituzione si posto fin dai primi anni dopo la fine della guerra e la proclamazione della Repubblica, proprio per marcare una svolta anche psicologica nei rapporti con la ex-colonia, ma la questione si poi trascinata fino ai giorni nostri. Ora anche questa penosa pagina finalmente si chiude.
La storia di Axum ci riporta indietro di almeno tre millenni; l'epoca esatta del suo inizio tuttora incerta, ma fra il 980 e il 950 a.C. la citt era la capitale del leggendario regno della regina di Saba (Sheba per gli ebrei, Makeda per gli etiopici, Bilqis per gli arabi) protagonista del viaggio a Gerusalemme per incontrare il re Salomone, un viaggio compiuto con settecento cammelli carichi di oro, avorio ed altri doni e raccontato dalla Bibbia nel Libro dei re, 1/10, e nelle Cronache, 11/9. Secondo la storia (o la leggenda) etiopica, un figlio di Saba e di Salomone, Menelik, avrebbe portato da Gerusalemme ad Axum la cosiddetta Arca dell'alleanza (fra Dio e gli uomini) che sarebbe tuttora conservata in segreto in quella citt, mentre come noto per gli ebrei ortodossi si troverebbe sul Monte Moriah sotto la spianata delle moschee di Gerusalemme; da Menelik avrebbe preso il via il regno di Axuma, che al massimo del suo splendore si estendeva dalle confluenza fra il Nilo Bianco e il Nilo azzurro fino a quasi tutto l'attualeYemen e dal quale poi derivato l'Impero etiopico.
Va ricordato in proposito che l'ultimo imperatore, il Negus Haile Selassie, ancora si fregiava del titolo di Leone di Giuda. Con i suoi 24 metri di altezza, l'obelisco che fino all'anno scorso svettava a Roma di fronte al palazzo della Fao rappresentava dunque un bagaglio unico di storia e di leggenda, ma anche di spirito religioso, visto che proprio da Axum preso il via nel IV secolo d. C. anche l'introduzione nel regno del cristianesimo, che poi sarebbe diventato nella sua versione copta la religione ufficiale dell'Etiopia. Quanto basta per giustificare un'impresa, come quella della restituzione ai legittimi proprietari, che avr alla fine un costo di due milioni di euro e che ha posto complessi problemi di natura tecnica; l'Antonov che ha riportato a casa l'obelisco ha fatto tra l'altro uno scalo intermedio "di prova" a Bengasi, in Libia, e aveva a bordo un archeologo incaricato di monitorare la "salute" del pesante pezzo di basalto per tutto il tragitto.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news