LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

AXUM Arriva il primo troncone dell'obelisco. Ma nel paese si pensa ad altro: la fame, la siccit e le tensioni con l'Eritrea
Emilio Ernesto Manfredi
il manifesto


Etiopia, il ritorno della stele. A tre settimane dal voto. La restituzione del monumento una buona mossa d'immagine per il premier Meles Zenawi, in vista delle prossime elezioni legislative del 15 maggio

Addis Abeba. Sono contento, la stele di Axum non solo un monumento che appartiene alla mia citt, propriet del nostro paese, un pezzo della nostra storia, si tratta di un grande passo avanti per noi tutti, dichiara Salomon, rispondendo al telefono dell'albergo in cui lavora. Ad Axum, gi da giorni, una serie di striscioni inneggiavano agli sforzi prodotti dal governo etiopico e dal Comitato nazionale etiope per il ritorno dell'obelisco nel suo luogo di origine. Per le strade, cortei di donne vestite degli abiti e degli ornamenti tradizionali di questa zona, il Tigray etiopico, bandiere verde giallo rosso a sventolare nella canicola, attiravano l'attenzione cantando e suonando. Si narrava di corriere provenienti dalle zone circostanti, piene di gente pronta ad accogliere l'arrivo della stele. Festeggiamenti preparati con attenzione, ma apparentemente di nuovo inutili. Ai bordi delle vie, poggiati ai muri, seduti davanti agli esercizi commerciali a cercare un po' d'ombra, gli abitanti della cittadina parevano ormai rassegnati all'ennesimo rinvio. Ed invece, incredibile a dirsi, all'alba di ieri, all'orizzonte del piccolo aeroporto di Axum, comparso l'Antonov 124-100 che sembrava non dovesse arrivare mai.
Poco dopo, sono iniziate le operazioni di scarico della prima delle tre parti in cui stata sezionata, a Roma, la stele trafugata 68 anni fa dalle truppe fasciste e rieretta nella capitale italiana per celebrare il quindicesimo anniversario della marcia su Roma. Il trasporto del monumento, ha dichiarato al manifesto questa mattina una fonte dell'ambasciata italiana,
dovrebbe essere completato agli inizi della prossima settimana, condizioni climatiche permettendo.
Ad attendere l'atterraggio del cargo, diverse autorit civili e religiose etiopiche, assieme all'ambasciatore italiano Guido La Telia, sicuramente sollevato dalla conclusione di questa imbarazzante vicenda. A rappresentare il governo etiopico, tra gli altri, era presente il ministro per la cultura, Ato Teshome Toga. Egli, dopo avere annunciato gi per mercoled scorso l'arrivo del monumento, ha potuto finalmente sfogare la propria gioia. Sono davvero felice, questo un momento storico per noi, cos a lungo atteso, ha dichiarato, mentre nella cittadina etiopica al confine con l'Eritrea i cortei celebrativi perdevano parte del loro risvolto farsesco.
Un buon risultato per il governo di Meles Zenawi, in vista delle elezioni politiche del 15 maggio prossimo. Il primo ministro etiopico non aveva di certo gradito l'ennesimo ritardo nell'arrivo della stele dall'Italia, avendo puntato molto sull'evento come pubblicit elettorale a proprio favore prima delle consultazioni. In realt, in Etiopia, soprattutto fuori da Axum, dove la propaganda governativa aveva previsto che l'obelisco fosse accolto con tutti gli onori, permane la sensazione che tutto questo non costituisca certo un problema fondamentale per la popolazione. Non so cosa sia l'obelisco, non so esattamente nemmeno dove sia Axum, non capisco. Mi sono alzata all'alba e sono scesa qui ad Alamata a piedi, due ore di cammino, per vendere delle uova e con i soldi comprare altre cose da mangiare, raccontava qualche giorno fa Roman, 18 anni, seduta a terra nella polvere, sotto il sole rovente del primo pomeriggio. Alamata un piccolo centro abitato, nella regione del Wollo, circondato da campagne, in cui si spera solamente che la stagione delle piogge imminente renda fertili a sufficienza le terre, cos da poter garantire cibo per le persone e gli animali. Nel mercato, intorno a Roman, migliaia di altre persone si arrabattano in piccoli commerci per poi ricomprare altri generi utili alla quotidiana sopravvivenza. Molto spesso la povert fa s che si rivendano farine, granaglie e olio provenienti dagli aiuti umanitari.
In questa Etiopia dimenticata, ma dove vive gran parte della popolazione locale, difficile potersi interessare alla doverosa restituzione dei patrimoni storico-culturali sottratti dall'esperienza coloniale italiana. La stele arrivata, ma pochissimi sembrano essersene accorti. Nessuna manifestazione stata organizzata per l'occasione.
Anche per le strade di Addis Abeba, la vita prosegue normale. Alla sede dell'Istituto di studi culturali etiopici si fa poco cenno a ci che avvenuto ieri Non sono state organizzate iniziative particolari poich attendiamo il rientro di tutte le parti del monumento. Quando sar completato, organizzeremo una conferenza, afferma la direttrice dell'istituto, Elsabhet Woldegeorges. L'unico che sembra davvero informato sugli avvenimenti, e sovraeccitato dalla notizia, Khruma. realmente importante ci che successo oggi, finalmente ha fine una delle vicende pi vergognose dell'occupazione italiana in Etiopia. Sprizza gioia, Khruma. Tuta da ginnastica, turbante bianco in testa, a raccogliere i dreadlocks, Khruma abita ad Addis da alcuni mesi. Ma nato in Ghana, cresciuto in Canada, e tornato nella terra promessa dei Rastafari. Escluso lui, nessuno sembra voler perdere molto tempo a parlare di ci che successo.
Di certo i ripetuti rinvii hanno messo la sordina all'uso propagandistico che il governo voleva fare di questo avvenimento, anche se, la settimana prossima, a restituzione completata, il primo ministro Meles Zenawi trover il modo di autocelebrarsi, a pochi giorni dalla tornata elettorale.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news