LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

(Torino) Replica a Sgarbi. Su piazza Vittorio e piazza San Carlo le scelte sono state sempre collegiali
Marina Sapelli Ragni, Soprintendente ai beni archeologici del Piemonte
STAMPA Torino


GENTILE Onorevole Sgarbi,
La ringrazio per l'occasione offertami dal Suo articolo apparso sulla Stampa di domenica 17 aprile, in cui ha sollevato importanti questioni, per tornare sulle scelte adottate in merito ai lavori di Piazza Vittorio e Piazza San Carlo, sulle quali per altro c' stato un ampio dibattito in ambiti di discussione pubblica con una certa eco sulla stampa cittadina.
Sui cantieri in questione le decisioni sono maturate in un rapporto di quotidiana discussione e confronto realmente collegiale instaurato con la Soprintendenza per i beni architettonici e il paesaggio del Piemonte, il Direttore Regionale per i beni culturali del Piemonte e il Direttore Generale per i beni archeologici presso il Ministero per i Beni e le Attivit Culturali. La funzione di questo "collegio" infatti -come ben sa- quella di non lasciare soli i soprintendenti davanti alle loro responsabilit e di confrontare a pi vasta scala i singoli casi per assicurare un metro di giudizio omogeneo per tutte le situazioni simili.
Sarebbe infatti molto semplice escludere sempre e comunque qualsiasi asportazione di resti archeologici, ma proprio la legge ad affidarci la discrezionalit tecnico-scientifica nell'assegnare o no un bene alla categoria dei ritrovamenti di importante interesse.
In base a queste premesse ho affrontato con grande serenit i compiti propri della Soprintendenza, che non si affatto sottratta a una valutazione sui resti emersi nelle due piazze, ma anzi ha cercato di prescindere da ogni condizionamento confrontando la natura, la qualit e i1 grado di conservazione delle strutture, il loro significato storico nell'ambito del territorio di appartenenza e le possibilit di conservare in vista per la fruibilit pubblica le strutture ritrovate. Per rimanere al caso del settore di insediamento rustico di et romana di piazza Vittorio, si tenuto conto del fatto che le murature residue appartenevano a una sola manica di un pi vasto e gi in gran parte perduto impianto di tipo agricolo, non diverso da tanti insediamenti simili scoperti in Piemonte, e che le strutture non conservavano pi traccia n degli elevati, n dei piani pavimentali ed erano quindi ridotte alle sole fondazioni, peraltro in stato conservativo precario, tale da impedire sia ogni ipotesi di creazione di un'area archeologica a cielo aperto, sia una sistemazione sotto la piazza compatibile con la quota molto superficiale delle strutture stesse. Le Soprintendenze hanno avviato quindi ripetuti incontri con i responsabili degli Uffici Tecnici del Comune per approfondire ogni aspetto del problema. Si ulteriormente richiesta una consulenza storico-urbanistica ad illustri docenti universitari del Politecnico di Torino e soltanto dopo un intenso lavoro di confronto stata avviata la procedura prevista dal nuovo Codice dei Beni Culturali: le relazioni delle due Soprintendenze competenti, con corredo di tutta la documentazione grafica e fotografica, sono state inviate, attraverso la Direzione Regionale, al Direttore Generale per i Beni Archeologici, che ha espresso parere definitivo dopo approfondita valutazione. L'iter procedurale cos articolato, nelle continue fasi di controllo delle Soprintendenze e degli Uffici Tecnici comunali ha permesso di giungere alla scelta di conservare testimonianza dei manufatti attraverso le tracce a pavimento delle strutture emerse e l'allestimento sul luogo di una documentazione in grado di offrire alla cittadinanza una possibilit di lettura della stratificazione storica della citt e delle sue trasformazioni.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news