LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

(Milano) Non parte il Museo del Novecento. La gelateria Viel ferma la ristrutturazione dell'Arengario
Oriana Liso
La Repubblica - cronaca Milano



I lavori dovevano iniziare già lo scorso anno ma i negozianti si oppongono allo sfratto. Il Comune: colpa della burocrazia non efficace

È UNO dei grandi progetti della Milano che verrà, celebrato e atteso per colmare un vuoto nel panorama culturale milanese. Un progetto di ristrutturazione da 25 milioni di euro, firmato da un architetto di fama internazionale, per ospitare una collezione invidiabile. Un progetto che per ora annega, è il caso di dirlo, in un bicchiere di frullato.
La storia è quella del palazzo dell'Arengario e di uno sparuto gruppo di negozianti che non hanno nessuna intenzione di sloggiare, neanche per fare posto al futuro Museo del Novecento. I lavori, in programma già un anno fa, non sono mai partiti: i commercianti mostrano regolari contratti d'affitto, il Comune risponde che devono andare via, anche con le cattive maniere. Eppure sembra dipendere proprio da una scarsa collaborazione tra uffici comunali il ritardo della nascita del museo.
L'idea era stata accarezzata dal Comune per anni. Milano, una delle capitali dell'arte del 900, dal Futurismo a Lucio Fontana, possiede una ricca collezione d'arte moderna ma non uno spazio dove ospitarla. Una sede adatta, in effetti, c'era. L'Arengario, sottoutilizzato, con un restyling sarebbe stato perfetto. Il progetto prese forma alla fine degli anni Novanta. Prima un bando di gara internazionale, poi l'assegnazione dell'appalto all'architetto Italo Rota, nel 2001. A settembre 2003 venne approvato il progetto esecutivo: inizio lavori nella primavera del 2004, fine per il 2007. Ma poi, è arrivato l'ostacolo. Il piano terra dell'Arengario è da sempre, o quasi, occupato da negozi e attività. Un gelataio -lo storico Viel-, un gioielliere, un piccolo atelier d'arte. E poi gli uffici di Milanosport e dell'Atp, in attesa di trovare sedi altrettanto centrali. L'assessorato alla Cultura aveva chiesto al Demanio di non rinnovare i contratti, per liberarsi degli scomodi inquilini. Ma con un ricorso il proprietario di Viel ha ottenuto una proroga fino a marzo scorso. Ora il Comune starebbe pensando a un contro ricorso o, più probabilmente, ad un esproprio "locativo", perché il museo è opera di pubblica utilità. Intanto i lavori sono fermi, né si può fare il bando di gara per gli appalti dei lavori, il cui inizio è rinviato a settembre. Se questa data dovesse essere quella giusta, il Comune spera di recuperare tempo in corso d'opera, per consegnare il museo fra due anni. «Non è uno scandalo, ma l'anomalia di una burocrazia non efficace», è la constatazione dell'architetto Rota. Che aggiunge: «Per un paese normale l'Arengario sarebbe un orgoglio, per noi diventa un problema di uffici, che supera la volontà di qualsiasi amministrazione».



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news