LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI - LE REGOLE PER LA CITTÀ METROPOLITANA
GIUSEPPE GUIDA
LA REPUBBLICA 15 aprile 2014



PER evitare di perdere tempo ed immaginare l'inimmaginabile, è da essi che converrebbe partire. La nota teoria del "ciclo di vita delle città" identifica quattro fasi nelle dinamiche urbane: urbanizzazione, suburbanizzazione, disurbanizzazione e riurbanizzazione. Queste fasi normalmente vengono rapportate ai tassi migratori della città centrale (core) e della cintura metropolitana (ring). Mentre le altre città metropolitane italiane si trovano nella fase della suburbanizzazione, per Napoli i dati statistici (Istat 2001-2011) annunciano l'incipiente entrata nella fase della disurbanizzazione, una fase recessiva che si manifesta con tassi migratori negativi sia nel core che nel ring. Un elemento, quindi, di forte crisi, anche perché quest'andamento migratorio per l'intera area metropolitana che, per ora, è ancora di sostanziale staticità, è naturalmente legato alla più complessa crisi dei cicli della produzione e del consumo e ad una generale incapacità di invertire la rotta con interventi strutturali e di programmazione seri e con percorsi univoci. In questo scenario di declino, emergono altri dati che, nel confermare l'assenza di un governo di area vasta e del controllo di dinamiche territoriali lasciate pericolosamente al caso, assumono l'aspetto ango- sciante del paradosso. Nell'area metropolitana di Napoli, ad esempio, sono presenti le aree con il maggior rischio naturaleantropico europee: il vesuviano e l'area flegrea. Dall'ultimo rapporto Cittalia (Fondazione Anci, 2013) "Le Città metropolitane", si evince che le uniche aree in crescita demografica di quella che sarà la Città metropolitana napoletana sono proprio queste due. Mentre il Comune di Napoli, infatti, dal 2001 al 2011, è passato da 1.004.577 a 959.574 abitanti, perdendo il 4.5% della sua popolazione, al pari di molti comuni della corona, il cui calo arriva al 10% (come nel caso di Portici), alcuni comuni ad est del Vesuvio (Somma Vesuviana, Ottaviano, San Giuseppe Vesuviano e Terzigno) e i comuni a nord-ovest di Napoli (Giugliano in Campania, Pozzuoli, Bacoli e Monte di Procida), hanno registrato, negli stessi dieci anni, la crescita media maggiore di tutta l'attuale Provincia di Napoli (i cui confini amministrativi dovrebbero coincidere con la futura Città metropolitana). In sostanza, anche utilizzando solamente questi dati parziali, si configura uno scenario metropolitano fatto di disordine, fallimenti nella programmazione di Provincia e Regione, prevalenza di un modello informale delle istituzioni, dove le norme, anche quelle apparentemente inderogabili legate alla prevenzione del rischio, vengono disattese e interpretate al contrario. E non è un caso che il finto piano paesaggistico che in queste settimane si sta cercando di approvare in Regione, oltre a non tutelare nulla, preveda di rimpinguare proprio l'attività edilizia nell'area flegrea e alle falde del Vesuvio. Saprà la nuova Città metropolitana, con la sua forma istituzionale ancora in embrione, capace di controllare queste derive, sostituendosi a enti decotti, prima che l'autocostruzione del territorio e l'autodeteminazione partigiana su ogni singola scelta, prevarranno irreversibilmente? Oltre Napoli (e al suo sindaco) c'è qualche altro Comune metropolitano che crede e ha voglia di investire risorse economiche e istituzionali in questo nuovo ente?



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news