LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Niente soldi per i restauri e il mestiere rischia di sparire
Alessandra Rubenni
l'Unit, 19/4/2005

Una pioggia di cartoline all'indirizzo del Ministero dei Beni Culturali e una raccolta di firme lungo tutta la Penisola per dire no a un decreto di legge che non fa ordine nel mondo del restauro, ma anche per protestare contro la politica dei tagli che ha ridotto all'osso le risorse destinate alla conservazione del nostro patrimonio culturale. quanto annunciano i sindacati confederali che dalla Casa internazionale delle donne ieri hanno dato il via a una mobilitazione nazionale: presdi e banchetti sulle strade, a partire dal 7 maggio nella Capitale, per poi attraversare nell'arco di un mese le principali citt d'arte di tutto il Paese. All'indice di Cgil, Cisl e Uil, c' il decreto che in tema di restauro dovrebbe andare a integrare il famoso Codice Urbani. E che secondo i tre sindacati degli edili (Fillea, Filca e Feneal),cos come lo ha elaborato la commissione ministeriale, lascia un bel buco nero nella riorganizzazione del settore.
Chiediamo strumenti di riconoscimento omogenei delle professionalit. Per il Ministero esistono 600 restauratori, mentre secondo i calcoli dei sindacati, ce ne sono oltre 30 mila, contesta il segretario generale di Fillea Cgil, Franco Martini. Perch di chiarezza sembra non essercene neanche un po' nel marasma in cui si trovano da sempre i restauratori usciti dalle scuole d'alta formazione, da quelle regionali, provinciali o private, insieme a quanti sono cresciuti in bottega o nei cantieri. A seconda della loro formazione, restauratori oppure collaboratori non riconosciuti dalle Soprintendenze. Il decreto Urbani dovrebbe ridefinire i profili professionali, ma si concentra solo sulla figura dei restauratori che provengono dalle scuole d'eccellenza, l'Istituto Centrale per il Restauro di Roma e l'Opificio delle Pietre Dure di Firenze, a numero chiuso, dai quali escono ogni anno 36 restauratori e che dal dopoguerra a oggi ne hanno formati 1.300. Per tutti gli altri sottolinea Livia Potolicchio, coordinatrice di Fillea Restauro - si individuano solo le competenze essenziali. Queste figure, insieme al ruolo che hanno svolto in questi anni nella salvaguardia dei beni culturali, non possono essere ignorate. Il Ministero non ha tenuto in nessun conto le richieste dei sindacati.
Intanto i corsi universitari che dovrebbero sfornare nuovi restauratori non sarebbero ancora partiti e c' chi tira un sospiro di sollievo, visto che negli atenei non sono stati attivati i laboratori per la pratica e i neo-laureati avrebbero rischiato di ritrovarsi tra le mani dei beni preziosi senza mai aver toccato prima un'opera d'arte. Ma quel che resta alla radice della protesta dei sindacati la mancanza generale di attenzione per il patrimonio culturale. Con il Ministero che da una parte intona il refrain dei tesori d'Italia come grande ricchezza e risorsa per il turismo, e dall'altra non investe. I tagli ai finanziamenti per interventi di conservazione - accusa Franco Martini - sono stati circa del 70% negli ultimi anni. Nel solo 2004 sono stati ridotti del 30% gli investimenti pubblici e tali lacune non sono state colmate dal ricorso a investimenti privati. A Livia Potolicchio basta un esempio: Per i beni architettonici, gli investimenti per il 2004-2005 erano di 267mila euro, per il 2006-2007 di 70mila. E per chi vive di questo lavoro adesso una questione di pura sopravvivenza. Siamo disperati perch il lavoro manca da troppo tempo. Le imprese - spiega Filippo Talarico, presidente del coordinamento dei restauratori della Cna (Confederazione nazionale per l'artigianato) - sono sommerse dai curricula di chi ha bisogno di lavorare e non si tratta soltanto di chi agli inizi. Il problema riguarda soprattutto chi fa questo mestiere da anni. Gli appalti pubblici non si vedono e poi gli importi sono basati sui prezzi di vent'anni fa. Con un drammatico paradosso: Ci stiamo giocando la possibilit di trasmettere le conoscenze acquisite alle nuove generazioni, perch quando le imprese chiudono si perde anche il loro bagaglio d'esperienza. Sarebbe giusto - aggiunge Talarico -che alle imprese venisse riconosciuta una parte attiva in questo percorso. inaccettabile che ci sia concorrenza tra noi e i laboratori delle scuole di restauro. Un nodo che potrebbe essere risolto se le imprese facessero una parte della formazione, sotto rigorosi controlli.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news