LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Stele di Axum, addio a Roma
Claudio Pompei
il Giornale, 19/4/2005

19Stamattina, poco prima dell'alba, il primo troncone della Stele di Axum tornerà a casa, in Etiopia, dopo 68 anni. In realtà il momento sarebbe dovuto arrivare la scorsa settimana ma, a causa di un contenzioso giudiziario tra il governo ucraino - proprietario dell'aereo scelto per il trasporto - e una società cipriota, si è reso necessario un ulteriore rinvio. La situazione si è sbloccata solo grazie all'intervento di un ebreo originario della Libia, Walter Arbib, titolare a sua volta di una società aerea canadese specializzata in trasporti in aree di crisi per conto di organizzazioni umanitarie. Venuto a conoscenza delle difficoltà per il trasporto della Stele - già due aerei erano stati sequestrati in Canada e in Belgio, a causa dello stesso contenzioso - Arbib è intervenuto presso la società cipriota ed è riuscito a ottenere il nulla osta per far arrivare all'aeroporto militare di Pratica di Mare l'Antonov 124 sul quale ieri sera è stato caricato il blocco di basalto del peso di 60 tonnellate. «Avevo saputo dello stupendo gesto riparatore della restituzione della stele fatto dall'Italia - ha raccontato Arbib -. Andava fatto qualcosa. Per me, ebreo, questo è un esempio che i Paesi che hanno sottratto beni agli ebrei durante la guerra devono seguire. Ed inoltre volevo ringraziare l'Italia per quello che ha fatto per noi ebrei tripolini».
L'atterraggio sulla pista di Axum, che nel frattempo è stata allungata a 2.400 metri avverrà alle 4 di stamattina, quando le bassa temperature consentiranno il migliore funzionamento dei motori e dell'impianto frenante dell'enorme aereo di fabbricazione russa. Le operazioni di carico sono state effettuate ieri pomeriggio dai tecnici della società Lattanzi, specializzata nel restauro e nel trasferimento di opere artistiche, che da un anno lavora proprio per questo speciale trasloco. Alle operazioni ha preso parte la Sky link Aviation, la società aerea di Arbib.
Sull'Antonov 124 sono state caricate anche apparecchiature speciali della società Lattanzi, capaci di tenere sotto controllo lo stato dell'obelisco anche in caso di perturbazioni atmo-sferiche. A bordo sono saliti, oltre ai tecnici e all'equipaggio, anche Sandro Bedini della Direzione generale per l'Archeologia del ministero dei Beni culturali, Susanna Gara del ministero delle Infrastrutture, Giorgio Croci consulente per la progettazione delle infrastrutture e due tecnici dell'Istituto sperimentale di cinematografia.
Ad attendere l'arrivo della Stele ad Axum, su un altopiano a duemila metri di altitudine, ci saranno l'ambasciatore italiano in Etiopia Guido La Tella e Simone Lattanzi, contitolare della società che si occupa dell'intera operazione di trasferimento. L'aereo, dopo le operazioni di scarico, che dureranno diverse ore, ripartirà alla volta di Gibuti, dove è previsto uno scalo tecnico, per poi fare ritorno a Roma. Il secondo viaggio è in programma a metà settimana, probabilmente giovedì prossimo, mentre il trasporto dell'ultimo troncone dell'obelisco è stato programmato per il 25 aprile.



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news