LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Multata perché illustrava le catacombe L’assessore: sanzioni solo alle finte guide
CLAUDIA BRUNETTO
LA REPUBBLICA 06 aprile 2014 08 sez. Palermo




Stancheris chiede buonsenso: “Bisogna punire solo chi viene pagato illecitamente”



MILLETRECENTO firme per chiedere l’annullamento della multa di mille euro fatta dai vigili urbani ad Alessia Franco, giornalista e autrice di un libro per ragazzi sulle catacombe dei Cappuccini, colpevole di avere accompagnato gratuitamente una scolaresca a scoprire le mummie protagoniste del libro e di avere, quindi, esercitato senza titolo la professione di guida. E mentre il caso è esploso a livello nazionale, le istituzioni locali tacciono. Con l’aggravante che non si tratta di un caso isolato. Sulla pagina Facebook dedicata alle Catacombe, infatti, continuano a moltiplicarsi le testimonianze di persone prese di mira e nei casi peggiori multate per avere accompagnato gruppi di amici e parenti gratuitamente in giro per la città. Linda Mongelli, per esempio, pugliese di origine ma residente in città, è finita in tribunale per contestare la multa di mille euro, verbalizzata dai vigili per avere raccontato a un gruppo di amici pugliesi la storia di Santa Rosalia davanti alla cattedrale. La stessa cosa farà la Franco che ha deciso di non pagare la multa e di fare ricorso. Dall’ordine dei giornalisti di Sicilia è partita

anche una lettera per il sindaco Leoluca Orlando in cui si chiede di fare un passo indietro.

Ma cosa pensa di questi episodi Michela Stancheris, assessore regionale al Turismo che ha sbloccato dopo anni gli esami per guida turistica perché crede che «questa professione rappresenti un investimento necessario per il turismo in Sicilia»? «Questo non significa — dice l’assessore — impedire a una giornalista o a chiunque altro di illustrare i luoghi gratuitamente a un pubblico in assenza di un rapporto professionale. Confermo il netto contrasto all’abusivismo, ma è evidente che il sistema non può ammettere distorsioni, si creerebbe una situazione di terrore, quasi come se fosse reato parlare di un bene architettonico, monumentale o paesaggistico. Insomma, è vietato commercializzare una torta senza rispettare le normative sanitarie, ma ciò non significa non poter sfornare un’ottima crostata per una sagra di paese ». In tre parola: «Ci vuole buonsenso ». Certamente servirà per gestire l’iniziativa del Comune “Palermo apre le porte” con centinaia di ragazzini che in queste settimane illustrano ai turisti i momenti della città.

I controlli degli agenti hanno portato in un anno a circa 200 verifiche e a una quarantina di verbali con sanzioni che vanno da 1.000 a 1.600 euro. Nel 2014 sono stati effettuati 33 controlli e 4 verbali. «Credo sia sacrosanto — conclude l’assessore — distinguere tra la tutela di una professione e la libertà di espressione. Le multe dovrebbero rappresentare la giusta punizione per chi esercita impropriamente una professione, circostanza che presuppone la fornitura di un servizio contro compenso, viceversa, diviene assurdo immaginare una sorta di monopolio culturale delle guide turistiche ».





news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news