LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PALERMO - Rinasce Palazzo Fernandez
Laura Nobile
La Repubblica, ed. Palermo 17/04/2005

IL PRIMO plesso sorse nel 1727 sulle bassure del fiume Papireto, ma i lavori s'interruppero dopo la costruzione del primo piano per difficolt tecniche dovute al suolo acquitrinoso. Nel 1883 l'edificio, acquisito da Giovanni Fernandez, era ancora incompleto e i lavori di consolidamento e completamento furono affidati all'architetto Giuseppe Damiani Almeyda, che in tre anni lo defin ispirandosi a repertori classici: aggiunse due livelli e lo consegn per l'inaugurazione, nel 1886, al commissario ministeriale Giovanbattista Basile. Stralci di storia della sede storica dell'Accademia di Belle arti di Palermo, che oggi pomeriggio, alle 18,30, dopo cinque anni di restauri, rientra in possesso dell'edificio di via Papireto. Dal 2000, l'Accademia ha subito un totale restyling, con un intervento della Provincia di poco pi di un milione di euro che ha interessato la facciata originaria in tufo, e i pavimenti in marmo bicromo, le mura dipinte a stucco e la realizzazione ex novo dell'impiantistica. Alla cerimonia d'inaugurazione, durante la quale il presidente della Provincia Francesco Musotto consegner l'mmobile alla presidente dell'Accademia Giovanna Bongiorno, prender parte anche Livia Titi Basile, nipote di Ernesto Basile. A siglare la cerimonia, un concerto per violino, pianoforte e contrabbasso del trio Omniart: l'ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili.
Palazzo Fernandez destinato a diventare sede museale dell'Accademia spiega Giovanna Bongiorno con una biblioteca, attualmente smembrata nel vicino palazzo Santa Rosalia, e una videoteca al primo piano. E qui saranno ospitati incontri culturali, conferenze, mostre legate all'attivit dell'Accademia: con la Provincia studieremo le modalit per la fruizione pubblica permanente.
Oggetto dell'esposizione museale, saranno i gessi della Gipsoteca storica dell'Accademia, che dei 2000 pezzi originari, ne conserva circa un decimo: alcuni donati da Francesco I o da Archimede Campini, altri acquistati nel 1866 a corredo didattico, e i gessi architettonici donati da Ernesto Basile. Proprio l'architetto del teatro Massimo fu direttore dell'Accademia di Belle arti dal 1897 al 1923 e presidente dal '24 al '31. Palazzo Fernandez conserva anche gessi degli oratori di Serpotta, la Piet di Campini e una testa del David di Donatello.

CONCEPITO come esempio programmatico di architettura circense, collocato ad apertura dei quartieri borghesi di nuova espansione, il Politeama infatti un vero e proprio crocevia degli studi archeologici (anche siciliani) che sull'onda degli scavi di Pompei ed Ercolano aveva scoperto la fascinazione della policromia antica, sbarazzandosi in un solo colpo dell'immagine neoclassica di un mondo greco-romano tutto affidato al levigato chiarore del marmo. E alla policromia dell'arte greca in Sicilia, reinventata nella decorazione del Politeama da una avvertita quipe di artisti coordinati da Damiani con accenti pi nervosi che precorrono il gusto modernista, erano stati dedicati, ad esempio, studi
fondamentali da eruditi isolani come il Duca di Serra di falco e da viaggiatori e teorici stranieri come Hittorff. Un eclettismo attento alle esigenze di rappresentanza ma anche funzionali della citt moderna di cui Damiani stato interprete avvertito, mosso da un acuto spirito sperimentale e antidogmatico che lo ha posto spesso in antitesi con l'opera dell'altro grande interprete di quella stagione palermitana, Giovan Battista Filippo Basile.
Se infatti Basile il grande stratega del volto monumentale e celebrativo della Palermo del secondo Ottocento, Damiani (nato a Napoli nel 1834 e trasferitosi nell'isola nel '59; muore nel 1911) ha agito, invece, per direttrici pi ellittiche e trasversali; come appare del resto evidente mettendo a raffronto il progetto presentato per il Teatro Massimo, pensato come una misurata e pi discreta quinta urbana, e la solennit grandiosa che invece caratterizza l'edificio di Basile e che rappresent la
carta vincente per l'aggiudicazione del concorso. La metodologia e il repertorio di Damiani sono pi duttili: capaci ad esempio di alternare l'ufficialit neorinascimentale nel restauro del Palazzo Pretorio ai mercati in ferro realizzati (e poi smantellati) a piazza degli Aragonesi e a Porta San Giorgio come alternativa moderna agli antichi suk dei vicoli del centro storico; ma anche di abbinare la decorazione "alla pompeiana" delle esedre di Villa Giulia (esempio raffinatissi-mo di decoro per il verde pubblico) all'uso accorto delle nuove tecnologie industriali, come nel caso della copertura metallica proprio del Politeama che rappresent, per l'epoca, una soluzione di avanguardia. Uno sguardo aperto sia ai valori della tradizione liberamente reinterpretata come alle esigenze della citt moderna, e ai suoi nuovi miti di efficienza e praticit.
Senza che tra questi piani della sua attivit fosse avvertita alcuna discrepanza o frattura, come dovette ben
comprendere Ignazio Florio senior commissionandogli, nel 1875, la propria abitazione residenziale nell'isola di Favignana, l'isola dove si concentrava una parte cospicua della ricchezza della famiglia di imprenditori; e che Damiani risolve in una palazzina in stile, attingendo al repertorio neogotico allora dominante in Europa ma inserendo nel prospetto un classicheggiante portico d'ingresso nella partitura di finestre ogivali e merlature.
Anche se il suo capolavoro, in tal senso, probabilmente la grande sala dell'Archivio storico comunale dove elaborala spettacolare soluzione di vertiginosi pilastri aerei e ballatoi arrampicati, elegantissimi, nello spazio e lungo le pareti: quasi una versione funzionale della folgorante profezia del moderno che Piranesi aveva inciso nei fogli delle sue "Carceri".



news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news