LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Agriturismo a base di petrolio - Il paesaggio ragusano messo in pericolo dalle concessioni di trivellazione
Rosanna Pirajno
La Repubblica, 17/04/2005



A sentire la notizia che la Regione ha concesso di trivellare in lungo e in largo il Ragusano per un pugno di dollari, sembra di rivivere una delle scenette grotte -sche dei film di Tot. Non solo quellain cui vendevalafon-tana di Trevi ai gonzi turisti ma anche quell'altra, ancora pi esilarante, in cui con Pep-pino si presentava con col-bacco e pellicciona sul sagrato del Duomo di Milano. I due cosi addobbati per sentito dire ci facevano sbellicare.

LA SCENA infatti appariva assai improbabile e quindi risibile. Ma ora no, viene da disperarsi al pensiero che qualcuno abbia coltivato un proposito di analoga leggerezza. Perch presentarsi con benne e trivelle nelle zone di Noto Ragusa Modica dove si respira arte natura e bellezza, dove la produzione agricola e vitivinicola ha fatto circolare il nome della Sicilia fuori dai circuiti mafiosi, dove l'interesse di stranieri perl'acquisto di terre e casali ha fatto inorgoglire per il riconoscimento di una possibile Ragusashire, dove le testimonianze di un barocco unico e singolare non hanno ancora smesso di stupire gli studiosi di tutto il mondo, pur se chiese e dimore e monasteri perlopi vanno in rovina, dove insomma architettura, agricoltura, paesaggio, territorio, storia, imprenditoria, dispongono di effettive chance per coniugare finalmente in positivo cultura e turismo, ovvero tutela e occupazione, proprio l tutto ci si rinnega. Proprio l e senza guardarsi intorno, la Regione intende intraprendere la strada di uno sviluppo tanto pesante da non essere pi in grado, per averlo gi sperimentato tra Gela e Siracusa e quanto basta nella piana di Termini, di ripagare con un fittizio benessere la terra e i suoi abitanti, l'una e gli altri devastati da troppi danni e malattie e malformazioni, e mancanza di prospettive.
Una pensata tanto grave, assurda e distruttiva che meglio sarebbe, per questa Regione siciliana accusata quando va bene di immobilismo, esibirsi con il col-bacco a Milano piuttosto che pensare a come vestire la Sicilia nell'immediato futuro. Tornare a imporre (perch di questo si tratta, quali studi, quali ricerche, quali prospettive a lungo termine, individuano nelle ricerche petrolifere e metanifere il meglio che ci possa capitare?) un modello di industrializzazione
che ha fatto terra bruciata dove si installato, senza badare a tirare le somme tra costi e benefici, tra potenzialit emergenti e fattibilit progettuali, ma soprattutto tra danni irreversibili a cose e persone e occupazione effettiva e duratura, in particolare tra perdita di valore aggiunto di un territorio di straordinario fascino e ricchezza materiale ed eventuali arricchimenti (di chi? di quanti?), appare oggi insensato tanto quanto il sogno di una Sicilia texana, zampillante di oro nero, ai tempi di Mattei.
L'assessore al Turismo Fabio Granata, qualche tempo fa su queste pagine, vantava come il lavoro da lui fatto avesse riattivato il turismo culturale, per non parlare della continua azione svolta a tutela del paesaggio e dell'ambiente attraverso scelte e atti politici molto spesso non condivisi da porzioni della mia maggioranza, raramente sostenuti dalla sinistra (sic) ma, credo, apprezzati dall'opinione pubblica siciliana e nazionale. Leggiamo che Fabio Granata ha presentato una richiesta di blocco delle concessioni. Per quelle concessioni e gli stesso le ha votate come rappresentante nel governo Cuffaro.
tempo ora, subito, che chiunque faccia valere le buone ragioni, perch vero che questo pazzo progetto incardinato ma nulla, per fortuna, ancora si mosso. Occorre appellarsi ai politici di buon senso e di cultura, che di sicuro esistono o forse resistono in questo consesso di facitori (quelli cio che si vantano di fare prima ancora di pensare), perch riflettano e magari progettino con una punta in pi di democrazia la Sicilia che anche noi, non solo loro, vogliamo abitare. E lasciare in eredit non irrimediabilmente devastata.
ROSANNAPIRAJNO



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news