LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il nuovo Museo degli Sforza. Riapre la Pinacoteca del castello Sforzesco. Parla Mauro Natale.
Paolo Vagheggi
la Repubblica, 18 aprile 2005

Milano
Chiusa da pi di quattro anni per restauri, per adeguamenti delle strutture tecniche, riapre domani a Milano la Pinacoteca del Castello Sforzesco, che con quella di Brera la pi vasta e importante della citt. Ha sede nel Castello dal 1900 e nel tempo stata arricchita da 93 lasciti di antiche e nobili famiglie milanesi e da acquisti straordinari dell'amministrazione comunale che arrivano fino al Canaletto e al Bellotto entrati nella raccolta tra il 1995 e il 1998. Oggi la Pinacoteca possiede 1508 dipinti con capolavori di Mantegna, Antonello da Messina, Foppa, Cesare da Sesto, Procaccini, Cerano, Ceruti, Fra Galgario. Il restauro delle sale non l'unica novit: accompagnato da un nuovo allestimento - voluto dalla direzione centrale cultura e la direzione raccolte d'arte del comune di Milano - affidato a Mauro Natale, amico e allievo di Federico Zeri, docente all'universit di Ginevra, autore di cataloghi di importanti pinacoteche (Poldi Pezzoli, Borromeo, Thyssen Bornemisza).
Con Mauro Natale hanno collaborato il direttore dei Musei d'Arte, Ermanno A. Arslan, il conservatore, Laura Basso, e il museografo Valter Palmieri. I visitatori dunque si troveranno davanti a un "nuovo" museo, con nuovo percorso, fatto di sequenze, di accostamenti, di confronti, che presenta una scelta di 230 opere.
Spiega Mauro Natale: La Pinacoteca torna nelle sale che erano ad essa destinate da pi di cinquant'anni ma con un nuovo allestimento basato comunque sulla storia delle collezioni. L'allestimento, portato a termine con le forze interne dell'amministrazione, stato facilitato dalla pubblicazione dei catalogo completo dei dipinti delle raccolte curato da Maria Teresa Fiorio.
Ma come arrivato alla scelta dei 230 dipinti, poco pi del 15 per cento del patrimonio della Pinacoteca?
La Pinacoteca del Castello nata in stretta aderenza con la storia comunale, con dipinti provenienti da istituzioni ecclesiastiche e soprattutto attraverso donazioni di collezioni private, di natura e qualit molto diversa tra loro. Il castello stato quasi un deposito sino all'inizio del Novecento quando l'amministrazione ha cominciato una vera politica di integrazione e di arricchimento. Le raccolte quindi rispecchiano il gusto di un certo tipo di societ milanese e lombarda della seconda met dell'Ottocento, che non del tutto coincidente con quella aristocratica a cui apparteneva, ad esempio, Poldi Pezzoli. una societ di livello pi basso, senza il criterio e le risorse del grande collezionismo aristocratico. Acquistava capolavori ma anche opere modeste e
senza un carattere sistematico. Di conseguenza la Pinacoteca ha periodi riccamente documentati ed altri quasi del tutto assenti come la pittura toscana. C' un Filippo Lippi e c' un ritratto di Bronzino, ma sono arrivati pi per un capriccio della storia che per un disegno ragionato.
Insomma l'allestimento stato un lavoro complicato.
vero, allestire la Pinacoteca non stato facile. Abbiamo dovuto tenere conto della qualit delle opere - e questo stato il primo criterio - seguire l'evoluzione cronologica della pittura e lasciare intravedere le ragioni per cui ci sono certe cose e non ci sono altre. La Pinacoteca che conosce il pubblico era il risultato di una serie di interventi che si erano succeduti nel tempo, per cui aveva un carattere molto ibrido. Oggi a mio parerei dipinti sono mostrati nella loro identit, con un particolare accento su alcune opere che finora erano in secondo piano.
Un esempio.
La Pinacoteca si apre con una sala dove evochiamo la cultura di corte del Quattrocento con opere realizzate con tecniche diverse: insieme a un grande retablo del Bembo presentiamo tre rilievi in legno scolpito e dipinto che provengono da altrettanti altari di chiese e che sono dei capolavori assoluti della scultura lignea dipinta lombarda. Nella sala successiva accanto a dipinti e polittici abbiamo esposto i busti in terracotta, appena restaurati, provenienti dal banco mediceo e le opere di Vincenzo Poppa, che affresc il banco, nonch uno straordinario affresco di Bernardino Luini e la Madonna con bambino del Bambaia che dialoga con un capolavoro di Bramantino.
E gli altri capolavori come l'Antonello da Messina?
I capolavori sono isolati, valorizzati. Il pubblico pu ammirare, concentrarsi sul San Benedetto di Antonello da Messina, che in qualche modo evoca gli Sforza che tentarono di averlo a corte come ritrattista, sul quadro di Filippo Lippi, sulla grande pala di Mantegna, opere queste ultime che provengono dalla collezione Trivulzio.
A met degli anni Trenta ci fu una vera battaglia per questa collezione. Una colletta popolare...
La famiglia Trivulzio aveva una collezione straordinaria che cerc di acquistare la citt di Torino. I milanesi, quando si accorsero di quanto stava accadendo, si precipitarono da MussoIini e riuscirono ad avere l'autorizzazione per l'acquisizione. Torino protest e in cambio arriv nel capoluogo piemontese il ritratto di Antonello da Messina e il libro con le miniature di Van Eyck. Ogni pezzo della Pinacoteca ha una storia.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news