LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Galleria Principe, c’è solo degrado
Serena Martucci
Il Mattino, 18 aprile 2005

La Galleria Principe di Napoli è lì dal 1883. Ha solo 122 anni, ma ne dimostra quasi il doppio. I suoi tre bracci di ferro e vetro hanno resistito e vacillato sotto i bombardamenti della seconda guerra mondiale, ma oggi quei 3.820 metri quadri nulla possono contro il degrado dei tempi moderni. Oscurata, dimenticata, abbandonata, oggi il vecchio gioiello, nato per riproporre tra i vicoli napoletani i «passages» paragini e le «arcades» londinesi, è letteralmente a pezzi: sopraffatto dall’incuria, frantumato dalle pallonate dei ragazzi che hanno trasformato in un tirassegno gli antichi lumi, violentato dall’acqua che infiltrandosi tra le vetrate senza stucco crea pozzanghere negli avvallamenti del pavimento barocco. Quella che in origine doveva essere il nuovo centro commerciale della città, si è trasformata in una galleria sporca, buia e pericolosa dove chi decide di attraversarla lo fa accelerando il passo. Il caffè letterario «Liberty» è l’unico esercizio commerciale che ha provato a sopravvivere sotto le arcate tra i vari uffici comunali, la tesoreria e il comando dei vigili urbani. Aperto cinque anni fa, sulla scia delle promesse di riqualificazione, da alcuni mesi ha chiuso irrimediabilmente le serrande. «Impossibile vivere in quel posto - lamenta il proprietario Attilio Wanderlingh - la galleria è indifendibile: dai ragazzi che vengono a giocare a pallone, dai barboni, dai disoccupati che hanno deciso di trasformarla in sala riunioni... gli unici che non entrano sono i turisti. Per anni abbiamo chiesto all’amministrazione comunale di provvedere al restauro dell’edificio, ma tutti gli appelli sono sempre caduti nel vuoto». Lo stato di abbandono è sotto gli occhi di tutti: il lungo porticato proprio di fronte al Museo Archeologico è ricettacolo di immondizia e trasformato in cloaca a cielo aperto, mentre l’area che dà su via Bellini con il tempo si è convertita in una sorta di villaggio di cartone attrezzato dai barboni del quartiere. Progetti, discussioni, speranze ed ancora assemblee.. ma in tanti, tra abitanti e commercianti, attendono l’apertura dei cantieri. «È una vergogna - incalza Giuseppe Guida, presidente dell’associazione ”Amici di piazza Dante”, che in più occasioni ha sollecitato il Comune sulla questione - Intanto i negozi continuano a chiudere e la puzza è diventata insostenibile». Intanto dal Comune fanno sapere che per la Galleria finalmente potrebbe esserci un futuro. Ma il piano di recupero è in ritardo. La delibera contenente il progetto di riqualificazione della zona risale al 2003: solo nei prossimi giorni il piano di restauro dell’edificio, che porta la doppia firma dell’assessorato al patrimonio e quello all’edilizia, dovrebbe arrivare in giunta: 3 milioni e 700 euro di spesa per recuperare un gioiello dimenticato. «Subito dopo l’approvazione l’amministrazione comunale provvederà anche alla pubblicazione di un bando, già pronto, per l’affidamento ad un consorzio di privati delle 22 botteghe che si trovano nelle navate della Galleria», spiega l’architetto comunale Salvatore Iodice, che si è occupato del progetto di valorizzazione dell’area.



news

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

Archivio news