LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Rinasce la Pinacoteca del Castello Arte e storia di Milano in 230 dipinti
Pierluigi Panza
Corriere della Sera, 18 aprile 2005

Rinasce il Castello, in mostra 230 dipinti
Riapre la Pinacoteca dopo 4 anni di restauro. Da Mantegna a Canaletto, in queste collezioni arte e storia milanesi
Dopo 4 anni, riapre questa sera (da domani per il pubblico) nei suoi storici spazi completamente riallestiti la Pinacoteca del Castello Sforzesco. Insieme a Brera la pi vasta di Milano. Saranno esposte 230 opere. Pu essere definita la Pinacoteca dei milanesi, poich accoglie alcune antiche e nobili collezioni della citt, come quella dei Trivulzio, acquistata con sottoscrizione cittadina nel 1935.
Dal suo ingresso nel restaurato Castello Sforzesco nel 1900, la Pinacoteca stata arricchita da un continuo flusso di donazioni fino all'acquisto da parte del Comune di opere di Canaletto e Bellotto tra il 1995 e il 1998. Dal 1867 a oggi 93 donatori hanno arricchito le collezioni della Pinacoteca che oggi possiede 1508 dipinti, tra i quali capolavori di Mantegna, An-toneUo da Messina, Foppa, Cesare da Sesto, Procaccini, Cerano, fino a Bellotto e Canaletto.
Riapertura dopo quattro anni Zecchi: risposta a un bisogno di cultura Capolavori in mostra dal Medioevo al 700. C' lanima della citt

La riapertura, questa sera (per il pubblico da domani alle 9), della Pinacoteca del Castello Sforzesco, con 230 opere esposte nel progetto curato da Mauro Natale (allievo di Federico Zeri) con Laura Basso, e con nell'allestimento di Valter Palmier, dovrebbe pi di tante mostre e mostrine sugli Impressionisti attirare a Milano gli interessati alla divulgazione culturale. Che, stando ai dati, sarebbero il 13% della popolazione con punte del 18% tra coloro che hanno una et tra i 18 e i 29 anni. La Pinacoteca offre infatti uno spaccato della linea lombarda di pittura dalla fine del Medioevo al Settecento, una linea certo inferiore a quelle venete e romano-fiorentina, ma alla quale parte della critica sta ormai riconoscendo un autonomo ruolo nella storia dell'arte.
La Pinacoteca era chiusa da quattro anni, stante i lavori di restauro al Castello intrapresi nel 1999 per tappe successiva, anche se parte era stata allocata in alcune sale per un allestimento temporaneo. Questa davvero la Pinacoteca dei milanesi, poich accoglie alcune antiche e nobili collezioni della citt, come quella dei Trivulzio, acquistata con sottoscrizione cittadina nel 1935, fino a quelle donate per due secoli da cittadini illustri o acquistate dal Comune. Dal suo ingresso nel Castello appena rifatto da Luca Beltrami sulle rovine sforzesche nell'anno 1900, la Pinacoteca civica stata arricchita da un continuo flusso di donazioni e acquisti, ultimi Canaletto e Bellotto tra il 1995 e il 1998. Dalla nascita a oggi 93 donatori hanno arricchito le sue collezioni, che ora conservano 1508 dipinti (230 quelli esposti), tra i quali capolavori di Mantegna, Antonello da Messina, Foppa, Cesare da Sesto, Procaccini, Cerano, fino a Bellotto e Canaletto. In occasione della riapertura viene anche pubblicata dalle edizioni Skir una documentata e aggiornata Guida della Pinacoteca del Castello Sforzesco, a cura degli stessi Natale e Basso.
La riapertura un impegno afferma l'assessore Stefano Zecchi , che l'assessorato riuscito a onorare nel corso di questi anni. Credo che questa sia la collezione pi legata allo spirito della citt. Le sue collezioni sono frutto dell'attenzione dei cittadini per l'arte. Racconta l'aspetto virtuoso della borghesia milanese e lombarda.
E veniamo al percorso. Qui si rispetta la tradizione cronologica (a contrario del Louvre, ad esempio) ovvero l'idea che il museo debba essere una ricapitolazione della storia di un argomento e di una civilt o societ. S parte pertanto dal gotico lombardo con il Polittico di Torchiara, firmato dal cremonese Benedetto Bembo e datato 1462, e con l'arte dei Visconti e degli Sforza. Poi la pittura lombarda dalla met del Quattrocento fino ai primi decenni del Cinquecento, che ha come protagonista Vincenzo Foppa e il Borgognone, Marco d'Oggiono; il Bramantino, il Bambaja (del quale il Comune ha acquistato anni fa una Madonna in marmo). Si passa poi ad Antonello da Messina con la tavola San Benedetto (1470) miracolosamente integra, a Giovanni Bellini, con una Madonna con il Bambino (1460-1465 ca.) e Andrea Mantegna con la pala Madonna in gloria tra Santi e angeli (1497). Nella sala XXV si pone attenzione a Influssi e legami con la pittura veneta, in particolare con Ritratto di poeta (1467 ca.), attribuito a Giovanni Bellini, e l'inquietante Ritratto di giovinetto (1524-1527 ca.) di Lorenzo Lotto. Sempre riguardo ai Veneti, sono esposti capolavori come il Ritratto di Jacopo Soranzo di Tintoretto e il Molo verso la Riva degli Schiavoni e il Molo verso la Zecca del Canaletto.
Ben rappresentata la stagione di Carlo e Federico Borromeo, quindi della peste e della pittura religiosa investita dalla riforma liturgica post Concilio di Trento: qui emergono le personalit di Giovan Battista Crespi, Pier Francesco Mazzucchelli e la Procaccino.
La pittura lombarda della prima met del Settecento vanta, infine, due caposcuola nel genere del ritratto: Fra' Galgario e Giacomo Ceruti. Tra le immagini milanesissime la vivace descrizione del Verziere di Alessandro Magnasco e il Palazzo dei giureconsulti di Bernardo Bellotto.



news

09-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 9 NOVEMBRE 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news