LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Il monastero dei Benedettini di San Nicol l'Arena
Pinella Leocata
LA SICILIA Luned 24 Marzo 2014


SICILIA - Il monastero dei Benedettini di San Nicol l'Arena un monumento aperto al pubblico perch sede di universit, di una biblioteca storica di grande importanza, di una chiesa officiata. Si pu visitare ogni giorno, senza problemi, eppure ieri, per le Giornate del Fai, stato preso d'assalto da migliaia e migliaia di persone. Sembra incredibile, ma cos.
I catanesi si sono riversati negli immensi e grandiosi spazi del complesso benedettino felici di farsi guidare da un esercito di ragazzi delle scuole dell'obbligo e delle superiori, 600 studenti che si sono preparati con cura per questo appuntamento. Hanno studiato, seguito le spiegazioni dei loro docenti e poi si sono messi alla prova, con l'orgoglio e la fierezza di chi fa qualcosa di importante per la propria citt. Una grande operazione culturale della quale dobbiamo essere grati al Fai e alla delegazione catanese, guidata dalla prof. Antonella Mandal, che, a partire da novembre, ha messo in moto una complessa macchina organizzativa che ha mobilitato enormi risorse umane e intellettuali. Uno sforzo notevole che ogni anno riscuote il gradimento della cittadinanza che, attraverso queste iniziative, scopre i propri beni artistici e culturali, impara a conoscerli, ad amarli e a rispettarli. La pi grande operazione di educazione civica per intere generazioni di catanesi.
E sono proprio loro, i catanesi pi giovani, il perno su cui si regge questa scommessa. Presidiano ogni angolo del monastero, riconoscibili dal simbolo del Fai che portano al petto, attenti ad accogliere i visitatori e ad offrirsi come guida per un tratto del lungo percorso. E se ci sono stranieri - e ce ne sono, e tanti - alcuni di loro passano all'inglese per illustrare la storia del sito.
Nella chiesa di San Nicol l'ingresso libero. Ad accogliere i visitatori, gi dal sagrato, sono gli studenti del liceo classico Cutelli e quelli del corso turistico dell'Alberghiero. Ognuno di loro prende in carico un gruppo di persone e lo guida alla scoperta di questo enorme tempio, gli occhi che brillano per la gioia di illustrare le meraviglie del luogo, per il piacere di vedere lo stupore dei visitatori e per l'orgoglio di sapere rispondere alle loro domande. Ci tengono a soffermarsi sulle particolarit: l'organo di Donato del Piano dalle migliaia di canne d'argento capaci di riprodurre tutti i suoni degli strumenti a canna e a corda e persino il canto degli uccelli, e poi la meridiana realizzata sul pavimento del transetto, le ninfee dei lampadari che una volta, prima della depredazione, erano in cristalli di Boemia. E ancora il sacrario dei Caduti delle due grandi guerre, le corone d'alloro che ogni anno ripongono insieme militari italiani e tedeschi, la lapide che ricorda il sacrificio di Jan Palack... I presenti ascoltano e fotografano con telefonini e smartphone.
Ivan, del IV Ricevimento dell'istituto Alberghiero, incede sicuro, disponibile, allegro. Mi piace la mia citt. E tutto quello che c' da sapere lo voglio sapere. No, non ho studiato molto, non mi sono stancato. Quando c' passione si fa in fretta. Quando c' passione, appunto. Ed appassionata la docente di Lettere che li ha preparati, Graziella Guerrera. Ora che la storia dell'arte stata eliminata dagli istituti professionali - nel Paese pi ricco d'arte del mondo, nel Paese che solo puntando sui suoi beni culturali pu superare la crisi che lo attanaglia - ha chiesto e ottenuto di dedicare, comunque, un'ora a questa materia. E i ragazzi la seguono, anche fuori dalla scuola. Li ha iscritti tutti al Fai e seguono le lezioni che, da quest'anno, la prof. Teresa Di Blasi ha avviato a Castello Ursino ogni gioved pomeriggio.
Per la docente dell'Alberghiero un cruccio pensare che per gli allievi del corso turistico la citt non offra occasioni per sperimentarsi. Per chi si occupa di cucina, ristorazione e servizi a tavola ci sono mille manifestazioni in cui mettersi alla prova. Nulla di tutto questo, invece, per chi si occupa di accoglienza turistica. Per questo la prof. Guerrera coglie l'occasione delle Giornate del Fai per lanciare una proposta all'amministrazione comunale. I nostri ragazzi hanno l'obbligo di fare 150 ore l'anno di stage fuori dalla scuola, e sono coperti da assicurazione. Potrebbero essere impegnati ad accogliere i turisti al porto, al loro arrivo, e, soprattutto, potrebbero tenere aperti tutti i monumenti e le chiese di Catania, a partire da quelle di via dei Crociferi. Nei cinque plessi della scuola sono circa 200 ragazzi pronti ad impegnarsi. Perch la citt spreca questa occasione a danno di tutti? . Le sue colleghe, presenti in piazza Dante, raccontano di essersi improvvisate guide per gruppi di turisti provenienti da Torino e da Ravenna. Hanno preso un pacchetto per un fine settimana a Catania, nonostante gli amici li scoraggiassero. "Che ci andate a fare? Non c' niente da vedere". Erano cos stupiti da quello che hanno visto, da quanto abbiamo mostrato loro, da decide di ritornare presto, e per un periodo pi lungo. Ecco. Vorremmo che nel futuro i nostri studenti potessero accoglierli e accompagnarli alla scoperta della citt. Una richiesta che di sicuro l'amministrazione comunale valuter con attenzione.
All'ingresso del monastero le ragazze e i ragazzi del Maria Ausiliatrice e dell'istituto artistico Lazzaro raccontano dei vari insediamenti sulla collina di Montevergine: le tombe neolitiche, i resti greci e romani, il cardo di epoca imperiale che si vede ancora nel cortile del monastero e che continua integro sotto l'asfalto di via dell'Antico Corso, e poi la prima costruzione cinquecentesca dei Benedettini, le rovine della lava e del terremoto, e infine la ricostruzione, splendida e sfarzosa.
Varcato il portone principale, ai piede dello scalone monumentale, le socie del Fai accolgono i visitatori offrendo una mappa del monastero, curata da Officine culturali, e chiedendo un contributo libero. Offerta suggerita 3 euro.


24/03/2014



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news