LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Archistar straniere e cultura italiana



Nel nostro Paese la debolezza della politica impedisce la formazione e la crescita di una generazione nuova di architetti italiani in grado di lasciare significative e diffuse impronte nelle nostre citta'; ma soprattutto soffoca la stessa sopravvivenza dellidentit culturale italiana, fatta anche di piccole opere, di artigianato, di mestieri, di arti, di tradizioni.

Non solo leconomia che e' in recessione, dopo un ristagno ventennale, ma lanima stessa dellItalia che sta scomparendo.
Cos il Presidente di Assoedilizia risponde a Tomaso Montanari, allievo di Settis, che in un articolo su "Il fatto quotidiano" denuncia quelli che ritiene obbrobri architettonici presenti e futuri, dal Ponte di Calatrava a Venezia, al contenitore dellAra Pacis, dal Maxxi di Roma al Crescent di Salerno.
Ma perch si chiede Montanari - specialmente in Italia, gli edifici progettati dalle cosiddette archistar sono diventati il simbolo di un'architettura insostenibile, nel pi ampio ventaglio semantico della parola?
Ribatte, ampliando la portata della riflessione, Colombo Clerici, che prende proprio il caso delle archistars straniere quale emblema della crisi italiana: Una questione rilevante si pone: esiste una generazione di architetti italiani in grado di esprimere una cultura architettonica e socio-urbanistica propria del nostro Paese?
In altri termini: la mancanza di tale cultura a causare la assenza dalla ribalta degli architetti italiani o viceversa la cultura permane, ma gli architetti italiani non sono chiamati a rappresentarla?
Ed in questo caso, c'e' da chiedersi se la mancata formazione di una generazione di architetti, in grado di interpretare lo spirito dei tempi, trasfondendo in modo diffuso nell'architettura i valori e la cultura della nostra societa' (nel bene o nel male durante il periodo fascista gli architetti lasciarono nelle nostre citta' l'impronta del loro tempo cos pure nel dopoguerra, come testimonia la Torre Velasca di Milano ), pur nel contesto del pi generale fenomeno della globalizzazione, sia la conseguenza della debolezza della nostra politica e conseguentemente della politica culturale delle amministrazioni centrale e locali.

Insomma, per l'incapacita' della politica di far crescere un milieu di architetti italiani ( abbiamo qualche illustre eccezione ) dobbiamo assistere agli interventi sul nostro territorio, nelle nostre citta' e sui monumenti, di architetti stranieri il cui merito, talvolta, quello di appartenere al "Circus" delle archistars che si riconoscono e si premiano tra loro ?

Sulla stessa linea Montanari: Oggi i rappresentanti politici della comunit non hanno quasi mai, n la cultura, n la sollecitudine sociale necessarie per intavolare un vero dialogo con le star che ingaggiano: le quali, dal canto loro, non sono quasi mai (e Piano un'eccezione positiva) interessate alla sfida di un limite sociale.
Come ha scritto Vittorio Gregotti, "il nesso tra pratica artistica e politica in quanto dottrina del dialogo sociale sembra essersi dissolto".

Ed un paradosso che la progettazione della citt non sia pi un fatto politico: perch politica viene da polis, ed cio l'arte di costruire la citt, la comunit dei cittadini. Certo, tutto questo ha invece molto a che fare con la politica deteriore, e con le amministrazioni corrotte e incapaci: ma non una grande consolazione .
Conclude Colombo Clerici:
Ed anche le opere commissionate dai privati seguono la stessa sorte, a rimorchio delle opere pubbliche: per via della atavica propensione degli italiani al conformismo.
Il problema investe l'intera categoria professionale soprattutto perche', a seguito del processo di concentrazione della capacita' di operare a livello edilizio-urbanistico nelle mani di grossi gruppi, che trovano senz'altro molto comodo rivolgersi al grande nome straniero, in grado di far superare ogni diatriba domestica, gli architetti italiani saranno sempre pi ridotti a progettare sottotetti, villette e ristrutturazioni di appartamenti .

http://www.informazionetecnica.it/tecnocomunicati/assoedilizia/226-archistar-straniere-e-cultura-italiana


news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news