LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Villari: A Pompei crolli a orologeria
Angelo Lomonaco
Corriere del Mezzogiorno 21/3/2014

Ieri un altro crollo agli Scavi di Pompei. L'ennesimo. Il soprintendente Osanna spiega: non recente. Il ministero coinvolge la Procura per far luce sugli episodi. Riccardo Villari: Crolli e furti mi sembrano a orologeria.

NAPOLI Sono molto preoccupato per ci che sta accadendo a Pompei. A Riccardo Villari, senatore di Forza Italia, ex sottosegretario ai Beni culturali ed ex componente della commissione di settore, ma tutt'ora parlamentare e napoletano appassionato delle nostre bellezze come dice lui, la situazione attuale non piace proprio.
Tutto sommato i crolli ci sono sempre stati, no?
vero, per la situazione diversa rispetto al passato, ho una brutta sensazione. Non strano che si verifichi qualche danno in una citt viva di 44 ettari, fisiologico in strutture peraltro spesso non messe adeguatamente in sicurezza, perch sembra che la sicurezza idrogeologica sia una chimera. Ma molti di questi danni non sono cos importanti. A Pompei ogni muretto importante, ma non tanto quanto un muro sul quale ci sia un affresco o un mosaico. Oggi a me sembra quasi che ci siano crolli a orologeria. In passato episodi cos non venivano neppure menzionati.
Crolli e furti.
Appunto. Si alzato il livello di allarme, per semmai si tratta di furti non eccezionali che avvenivano pure in passato ma non se ne parlava. Oggi s. Non vorrei che questo fosse il benvenuto al nuovo soprintendente.
La nomina del quale stata duramente contestata. Ha elementi concreti per ipotizzare che si tratti di un benvenuto a Massimo Osanna?
No, ma mettendo insieme le cose potrei pensarlo.
Forse perch ora a Pompei le risorse ci sono mentre in passato si diceva sempre che mancavano...
No, questa una favola. A Pompei i soldi non sono mai mancati. Nelle casse della Soprintendenza ci sono sempre state decine di milioni non spesi. Tant' che in passato si attinto a quelle casse per altre esigenze. Il ministro Buttiglione prelev 30 milioni. Quand'era ministro Galan, prelevammo 5 milioni da Pompei per Capodimonte. Il problema piuttosto la burocrazia, l'incapacit di spesa. Adesso il Grande Progetto consente maggiore agilit per gli interventi pi grandi. I fondi della Soprintendenza, invece, devono servire per fare una manutenzione puntiforme.
Con 5 operai e 4 tecnici?
Questo un altro problema. Esistono modi per fronteggiare la carenza di personale. Il Mibac ha una societ in house: paghi e ti danno i manutentori. Ma il ricorso a tale societ sempre stato osteggiato. Ora sembra che finalmente il ministro Franceschini abbia attivato un rapporto con Ales che aggira il blocco delle assunzioni. A Ercolano, sito gestito dalla stessa Soprintendenza, c' Packard certo, ma un mecenate lo trovi. Per previsto anche che con la Soprintendenza collabori la British School di Roma. Quindi a Ercolano possibile una collaborazione non solo economica ma di competenze mentre a Pompei non lo .
Perch?
Gelosie interne, tante piccole resistenze piuttosto che una sola grande. Quando ero sottosegretario mi resi conto che rischiavamo di perdere i fondi per il Grande Progetto perch la Soprintendenza non era pronta con i progetti. Intervenni e fui fortemente osteggiato dal segretario generale del ministero di allora, Cecchi, che non volle firmare per avere il supporto di Invitalia, altra societ del ministero. Sembra che a Pompei ogni volta si riparta da zero.
Lei cos sicuro che un altro Packard si possa trovare?
S. Io avevo contatti con Yamamay, Kiton, Harmont & Blaine, con Google. Tutto da verificare, ma ne vale la pena. Certo, occorrerebbero meccanismi di defiscalizzazione, con i quali per lo Stato perderebbe tasse. Dobbiamo decidere cosa vogliamo. Non penso a una privatizzazione selvaggia, ma nemmeno si deve cadere nell'eccesso opposto.
Secondo lei, alla testa del Grande Progetto Pompei ci sono le persone giuste?
Io credo che sia al ministero che a Pompei ci siano tante persone di grande qualit. Per esempio i dirigenti del Mibac Antonia Pasqua Recchia e Luigi Malnati. Ho stima del direttore del Grande Progetto Nistri e del suo vice Magani, e spero che quest'ultimo non lavori a mezzo servizio con L'Aquila. Spero anche che Osanna non trovi tanti ostacoli. Pi in generale spero che finalmente si crei un clima di collaborazione tra le istituzioni, compresi il Comune di Pompei e il Santuario. Da sottosegretario andai a parlare con il procuratore Marmo. Mi disse, e dichiar pubblicamente, che la Soprintendenza non era collaborativa. Ecco, sarebbe ora che tutte istituzioni si ponessero sulla stessa lunghezza d'onda.



news

23-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news