LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BARI-Punta Perotti, via libera: «Ora si può ricostruire»
n. sign.
Gazzetta del Mezzogiorno-Puglia, 19/03/2014

A Punta Perotti si potrà costruire. Il via libera è arrivato ieri sera in Consiglio comunale con l’approvazione della delibera di adeguamento del Piano regolatore generale al Putt/p, il piano tematico del paesaggio.

A sbloccare la situazione è l’emendamento presentato dalla maggioranza, a firma del sindaco Emiliano, che integra due articoli delle Nome tecniche di attuazione per ammettere «gli interventi previsti da piani integrati di rigenerazione urbana», se risultano «incluse negli ambiti già individuati dal documento preliminare di rigenerazione urbana».

Di fatto, i due articoli 71.2 e 71.3 delle Nta che avrebbero reso inedificabile l’area vengono disinnescati. Erano l’ultimo, eventuale ostacolo al progetto che il consorzio tra i costruttori Matarrese e Andidero hanno presentato un mese fa al Comune per costruire nuovi palazzi a Punta Perotti dopo la restituzione dei suoli ai proprietari, per effetto della sentenza della Corte europea di Strasburgo.

La Gazzetta ha già descritto i tratti salienti del progetto, o meglio dello studio di fattibilità predisposto dall’architetto milanese Ottavio Di Blasi. Una proposta che, infatti, allarga lo sguardo ben oltre l’area di Punta Perotti, fino a Torre Carnosa, come è richiesto da un piano di rigenerazione urbana. L’idea consiste nel far arretrare i palazzi rispetto alla costa, per realizzare un parco urbano lungo due chilometri e mezzo e grande quasi 20 ettari. I progetto limita le altezze dei palazzi tra i 26 e i 35 metri, comunque al di sotto dell’altezza massima consentita dal piano regoltore è di 40 metri. In sostanza, lì dove sarebbe possibile costruire 5 metri cubi per ogni metri quadrato, le imprese si accontentano di realizzarne meno di 4. Tutto ciò è possibile - sottolinea l’architetto Di Balsi, grazie allo spostamento dei binari previsto dall’accordo sul «Nodo ferroviario». La proposta, insomma, punta ad affermare il diritto dei proprietario dei suoli a ricostruire i palazzi demoliti nell’aprile del 2006 e al tempo stesso a non cancellare del tutto il parco realizzato sette anno fa al posto delle macerie.

Il caso di Punta Perotti è clamoroso, ma la delibera approvata ieri con gli emendamenti investe altre zone della città, zone edificabili, ma su cui ricadono i vincoli paeaggistici. Archiviata la polemica sul «vincolo diffuso» nei quartieri centrali San Nicola, Murat, Madonnella e Libertà (la delibera regionale di salvaguardia è decaduta dopo due e sentenze del Tar). Restano però i vincoli su centinaia di singoli fabbricati, individuati dall’ufficio tecnico in un censimento e dichiarati non sostituibili, perché di valore storico e architettonico. In definitiva, nel confronto con la Regione e con la Soprintendenza ai Beni architettonici e del paesaggio, l’ha spuntata Palazzo di città. Anche se la Regione Puglia - ha ricordato il direttore della Ripartizione iunbankistcia Anna Maria Curcuruto - potrà sempre imporre un vincolo. «Ci auguriamo però che la Regione ritenga sufficiente il nostro regime di tutela»

Un altro emendamento sul quale si è sviluppato il dibattito (è stato approvato alla unanimità) è quello che ha ridimensionato la fascia di rispetto dei canali artificiali, così come previsto nel piano paesaggistico regionale e riportandola alla dimensione dei 30 metri: una decisione che interessa in particolare i suoli edificabili di Carbonara.

La delibera è stata illustrata dall’assessore all’Urbanistica Elio Sannicandro: «Con questo atto, che è un atto dovuto, il Comune di Bari può finalmente considerarsi virtuoso e perciò sul territorio di Bari non saranno applicate le norme di salvaguardia previste dal piano paesaggistico regionale. Le procedure di approvazione dei progetti saranno più rapide: basterà ora un unico passaggio».

A sostegno della delibera sono intervenuti tra gli altri Carlo Paolini (Gruppo misto), Federico Pirro (da ieri nel gruppo Pd; era nell’Idv) e Roberto Carbone (Pd) che ha sottolineato la necessità di regole chiare perché «non esistono vincoli di destra e vincoli di sinistra».

Non sono mancate le critiche dai banchi dell’opposizione, che pure sugli emendamenti della maggioranza si è astenuta quando non ha votato a favore. Il consigliere Giuseppe Loiacono (Forza Italia) ha preso più di una volta la parola, per criticare la generale impostazione vincolistica che riduce le possibilità di costruire rispetto al piano regolatore che prefigurava una città di 600mila abitanti. Contro l’opinione diffusa, secondo Loiacono «le previsioni di Quaroni non erano sballate, ma più che fondate», perché il vano per abitante considerato allora andrebbe sostituito oggi con il coefficiente di un vano e mezzo. «Auspico che i terreni edificabili, nel rispetto dei vincoli, restino edificabili», ha spiegato Loiacono.

Chiusura preelettorale di Ninni Cea (Forza Italia): «La proposta di delibera in una materia fondamentale, che interessa tutti i cittadini, proprietari e no, che doveva essere il fiore all’occhiello dell’amministrazione, oggi la maggioranza di centrosinistra la approva con meno di 20 consiglieri e solo per fedeltà». La delibera è stata infatti approvata con 18 sì, 7 voti contrari e un astenuto.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news