LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI-Pompei, crolla una porzione di muro in una domus
Repubblica-Napoli, 20/03/2014

Cedimento segnalato dai custodi. Sul posto la direttrice Stefani


Una piccola porzione di muro crollata in una domus che si trova nella regio V degli scavi archeologici di Pompei. A segnalare il cedimento sono stati i custodi. Sul posto si subito recata per un sopralluogo la direttrice Grete Stefani.

In una nota, il ministero per i Beni e le Attivit culturali conferma che "la soprintendenza speciale di Pompei, Ercolano e Stabia ha comunicato questa mattina al Mibact di aver riscontrato un cedimento di una porzione di muro di una domus della Regio V della area archeologica di Pompei", all'insula 2 civico E.

"Il cedimento, in base al primo sopralluogo, riguarda un tratto di muro a in opera incerta (lunghezza pari a un 1,30 centimetri; altezza pari a circa 1 metro) di un ambiente alla interno di una area interdetta al pubblico interessata da interventi di messa in sicurezza nella ambito del Grande progetto Pompei che saranno realizzati entro il 2015", prosegue la nota.

"La Soprintendenza ha informato l'autorit giudiziaria e il comando locale dei carabinieri - si legge ancora - che sta effettuando, insieme ai tecnici interni, le necessarie verifiche".

Questo nuovo crollo arriva a ventiquattro ore dalla misure adottate dal governo dopo il caso dei furti, nel tentativo di frenare questa spirale di degrado che avvolge gli Scavi: misure che comprendono il rafforzamento della sicurezza del sito anche con vigilantes specializzati, 30 nuove unit di personale da Ales Spa, l'accelerazione delle gare per la videosorveglianza e una nuova recinzione. Le misure straordinarie sono satte prese in una riunione convocata dal ministro Dario Franceschini in seguito al trafugamento di due frammenti di due affreschi.

Alla riunione hanno partecipato il capo di Gabinetto, D'Andrea; il segretario generale del Mibact, Recchia; il soprintendente di Pompei, Ercolano e Stabia, Osanna; il direttore generale delle antichit, Malnati, il direttore generale ed il vicedirettore del Grande Progetto Pompei, generale Nistri e dott. Magani; il comandante del comando tutela e patrimonio culturale dei carabinieri, generale Mossa.

Nel corso della riunione il soprintendente Osanna ha esposto i fatti relativi al furto. Nel ribadire la piena fiducia nell'operato della magistratura sono state definite le seguenti misure straordinarie: rafforzamento degli standard di sicurezza del sito archeologico anche ricorrendo ad istituti di vigilanza specializzata; sottoscrizione della convenzione con la societ Ales per l'acquisizione di 30 nuove unit di personale per l'accoglienza e di supporto alla vigilanza; sollecito espletamento delle gare per la videosorveglianza all'interno dell'area archeologica e per la nuova recinzione e illuminazione; consulenza specializzata sulle misure di protezione interna da parte del Comando Carabinieri Tutela del Patrimonio Culturale (CCTPC); utilizzo delle competenze tecnico scientifiche dell'Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro (ISCR) al fine di verificare lo stato delle aree danneggiate dal furto.



news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news