LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bari. Emiliano ai costruttori: «Non fatevi illusioni»
Samantha Dell'Edera
Corriere del Mezzogiorno - Bari 20/3/2014

Il sindaco: «Nessun palazzo in quell'area»

BARI — «Parco Perotti non si tocca. Anzi sarà ancora più grande. Quell'area resta inedificabile». Il sindaco Michele Emiliano, all'indomani della decisione del Consiglio sull'adeguamento del piano regolatore a quello paesaggistico, con l'emendamento che prevede però l'edificabilità su coste (oltre i 100 metri dal mare) e sulle lame solo in presenza di un piano di rigenerazione urbana, interviene per fermare le polemiche da parte di chi considerava la decisione un passo indietro sulla questione decennale di Punta Perotti. «Fino a ieri nell'area di Punta Perotti si poteva costruire - spiega Emiliano - a condizione che ci fosse un nulla osta paesaggistico, in quanto il Comune non aveva mai vietato l'edificazione. Da ieri sera, l'area di Punta Perotti e Torre Carnosa, è inedificabile. L'amministrazione comunale, consapevole che quelle zone sono inserite in un contesto di degrado urbano, ha consentito la possibilità di presentare un piano di rigenerazione urbana». In sostanza, si potrà costruire, ma solo al di là del parco e nell'ambito di un progetto che deve avere il via libera di associazioni ambientaliste e cittadine, del Consiglio comunale e del comitato per la Via, la valutazione di impatto ambientale. «In questo modo - prosegue Emiliano - il nostro atto politico ha dato un indirizzo chiaro per il futuro. La delibera dice che l'area è inedificabile e se i proprietari vogliono utilizzare i loro terreni, possono farlo solo a determinate condizioni e nell'ambito del processo di rigenerazione, senza intaccare lo spazio dove oggi sorge il parco». Non si esclude però la possibilità da parte dei proprietari dei suoli di impugnare la delibera sull'indeficabilità. «E' vero - continua Emiliano - il rischio c'è, ma con l'emendamento si viene incontro alle diverse esigenze. Se avessimo imposto l'inedificabilità e basta, il Comune avrebbe ricevuto solo ricorsi. Abbiamo invece fatto un capolavoro». L'assessore all'Urbanistica Elio Sannicandro ha inoltre precisato l'iter più lungo che le aree sottoposte a vincolo dovranno subire prima di un via libera al piano di rigenerazione urbana. Domenico De Bartolomeo, presidente dell'Ance di Bari ha evidenziato quanto «il Comune in maniera non condivisa abbia anticipato l'adeguamento al piano paesaggistico regionale, rendendo inedificabili le aree». E aggiunge: «Per il resto è una decisione che non contestiamo perché permette di effettuare interventi partecipativi sulla città. Anche se, per quanto riguarda l'area di Punta Perotti non so se con queste restrizioni potrà mai cambiare nulla». In realtà gli ex costruttori hanno presentato già un progetto al Comune. «Non l'abbiamo ancora analizzato. Vedremo se risponde ai criteri», precisa Emiliano. Sulla questione interviene Antonio Decaro, candidato sindaco per il centrosinistra. «Se la perequazione urbanistica lo permette, in accordo con i cittadini, e presentando un progetto di rigenerazione urbana, i costruttori potranno sviluppare una parte delle volumetrie più dietro. Si potrà così chiedere in cambio ai costruttori, di realizzare la prima parte del parco costiero». «Il caso di Punta Perotti è un po' come il gioco dell'oca - commenta Mimmo Di Paola, candicato del centrodestra - 10 anni per tornare al punto di partenza». «La verità - aggiunge Luigi D'Ambrosio Lettieri (Forza Italia) - è che la vera rigenerazione per Bari avverrà soltanto quando l'allegra brigata senza vergogna smetterà finalmente di arrecare danno alla città».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news