LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Costa ci mostri il contratto
Enrico Tantucci
la Nuova Venezia 16/4/2005

La vicenda Palazzo Grassi resta al calor bianco, anche dopo il formale stop al perfezionamento della vendita della societ all'industriale francese Francois Pinault dal Consiglio di amministrazione del Casin, che pur esprimendo gradimento sulla proposta, ha demandato all'Assemblea dei Soci, e dunque al nuovo sindaco, la decisione finale. Botta e risposta tra Alessio Vianello e Paolo Costa sulla mancanza di trasparenza della trattativa francese e sul rischio che il Casin e il nuovo sindaco restino con il cerino acceso in mano e il possibile esborso di circa 29 milioni di euro. Sono costretto a deludere Vianello replica Costa e coloro che, pur dicendo di aver a cuore Venezia, sembrano augurarsi che l'operazione Palazzo Grassi non vada a buon fine: la trattativa infatti stata completata e l'accordo sar formalizzato dal nuovo sindaco, attraverso le delibere dell'assemblea del Casin che si svolger dopo la fine del mio mandato.
Vianello ora consigliere comunale in pectore della Margherita ricorda che a oggi il Comune, attraverso il Casin, impegnato a pagare al gruppo Fiat circa 29 milioni di euro, ma non si sa se il Comune abbia gi in mano un impegno vincolante di riacquisto da parte di questo nuovo acquirente francese. Visti pertanto i contorni del tutto ignoti ai cittadini veneziani dell'operazione Palazzo Grassi, il precedente acquirente "scaricato" Terruzzi e il rischio teorico che a pagare debba essere la citt Vianello si chiede: E allora delle due l'una: o il sindaco-commissario Costa ha gi in mano l'offerta vincolante di acquisto da parte del gruppo francese, ed allora chiedo che se ne renda noto il contenuto alla citt, oppure, se non ha in mano tale offerta, dobbiamo concludere che l'interruzione delle trattative rischia di sottrarre, di fatto, ingenti risorse alle casse del Comune di Venezia storicamente destinate al sostegno delle fasce sociali pi deboli. Se infatti la trattativa con i francesi dovesse saltare, il nuovo sindaco dovrebbe smantellare da subito l'impianto del welfare sociale, fiore all'occhiello da un decennio della nostra amministrazione. Non ho sentito alzarsi, per rischio di scempio di risorse pubbliche, non dico indignazione ma nemmeno perplessit da parte del polo rossoverde di Bettin, secondo artefice della candidatura di Casson.
L'operazione con cui Comune e Casin si sono impegnate ad assicurare continuit all'importante attivit di Palazzo Grassi replica Costa non affatto segreta e occulta, se non nei limiti di riservatezza che sono propri di ogni operazione finanziaria: le persone e le istituzioni che hanno lavorato in questi mesi hanno perseguito infatti, nei modi e nei tempi, gli obiettivi che gli organi di governo della citt hanno vagliato e approvato, ritenendoli fondamentali per Venezia. Per evitare ogni strumentalizzazione, val la pena di ripetere che l'operazione non impegna il bilancio del Comune, che non spende un solo euro, n vede decurtate di un solo euro le entrate provenienti dal Casin, ed vantaggiosa anche in termini finanziari per la casa da gioco.
Solo con la formalizzazione, ovviamente, i termini dell'operazione - conclude - saranno resi noti nei dettagli secondo le modalit concordate dalle parti, e non certo secondo quelle che Alessio Vianello vorrebbe imporre oggi, con intenti evidentemente strumentali. Anzi: dopo quella deliberazione mi aspetto anche da lui complimenti e felicitazioni per questo ulteriore eccezionale servizio reso a Venezia dalla mia Giunta e dal Casin, a dispetto dei corvi maleauguranti che hanno continuato a gracchiare in questi mesi. Non resta che aspettare fine mese per sapere chi ha ragione.



TERRUZZI
L'offerta del finanziere Guido Angelo Terruzzi prevedeva l'acquisto del 95 per cento della Palazzo Grassi spa per circa 28 milioni di euro, lasciando il 5 per cento al Casin. La societ sarebbe stata trasformata in una fondazione intitolata a Terruzzi che avrebbe legato perennemente al Palazzo anche la sua collezione d'arte, esposta in permanenza al piano nobile e all'ultimo piano dell'edificio di San Samuele. Terruzzi si impegnava anche a restaurare a sue spese e a trasformare in un moderno spazio espositivo (affidato a un grande architetto) il Teatrino di Palazzo Grassi. Disponibilit del finanziere anche a integrare annualmente la collezione esposta con nuovi acquisti. Nel Consiglio di amministrazione della Fondazione, cinque membri scelti da Terruzzi e uno dal Casin, con presidente scelto di comune accordo. Creata una nuova societ a cui affidare il settore mostre di Palazzo Grassi, interamente gestita da Comune e Casin, senza nessuna ingerenza da parte di Terruzzi. Il collezionista non era disponibile a coprire le spese di gestione del Palazzo e chiedeva che dopo 30 anni quelle di manutenzione della collezione passassero alla parte pubblica.

PINAULT
L'offerta dell'industriale Francois Pinault prevede l'acquisto del 100 per cento deEa Palazzo Grassi spa per circa 30 milioni di euro, cedendo poi il 20 per cento al Casin. La societ non sarebbe stata trasformata in una fondazione vincolandosi dunque a Venezia, ma sarebbe rimasta tale, occupandosi anche delle attivit espositive sotto la direzione artistica di Jean-Jacques Aillagon consulente di Pinault ma definendo la programmazione con Comune e Casin. Palazzo Grassi sarebbe interamente a disposizione per le mostre e per altre eventuali attivit culturali. Pinault si impegnerebbe a restaurare a sue spese anche il Teatrino di Palazzo Grassi, che poi gestirebbe, per, in piena autonomia. Disponibilit dell'industriale anche a coprire le spese di gestione di Palazzo Grassi e a pareggiare gli eventuali deficit provenienti dall'attivit espositiva (95 per cento a carico suo, 5 per cento a carico del Casin. Dopo un periodo di 99 anni, la propriet di Palazzo Grassi tornerebbe da Pinault alla citt. Non chiaro se come nel caso di Terruzzi anche la collezione d'arte contemporanea di Pinault parte dell'accordo e del nuovo Palazzo Grassi.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news