LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Badiamo noi ai nostri beni culturali
Isabella di bartolo
LA SICILIA Mercoled 12 Marzo 2014


I sindaci del Siracusano propongono una "rivoluzione" nella gestione per fare cassa e offrire opportunit di lavoro

Dalla sinergia dei Comuni iblei con un biglietto unico, all'esperimento del capoluogo per mantenere aperti i siti


Siracusa. La Regione non ha i soldi per tenere aperti siti archeologici e musei? Ci pensiamo noi. I sindaci del Siracusano scendono in campo per garantire la fruizione di un patrimonio sempre pi penalizzato da tagli di fondi e carenza di personale. Dalla zona montana al capoluogo aretuseo, passando per i territori di Avola e Noto, in atto una "rivoluzione" in termini di gestione dei beni culturali che parte dalle Amministrazioni locali e coinvolge i privati.

Ci siamo resi conto che cos non pu funzionare - dice il sindaco di Canicattini, Paolo Amenta - e allora abbiamo dato vita a una task force che vede insieme noi amministratori insieme ad associazioni, sotto la guida della Soprintendenza, per tenere aperti i musei e le aree archeologiche. Ma non solo: la proposta dei Comuni della zona iblea quella di creare un unico percorso che coinvolga tutti i paesi montani e veda il sito Unesco di Pantalica al centro delle visite.

L'idea, di cui i sindaci insieme sotto l'egida dell'Unione dei Comuni Valle degli Iblei hanno discusso con i vertici e i tecnici della Soprintendenza di Siracusa, di promuovere un biglietto unico per visitare tutti i siti e i musei di Canicattini, Cassaro, Ferla, Palazzolo, Buccheri e Buscemi.

Il progetto pronto a partire - aggiunge Michelangelo Giansiracusa, sindaco di Ferla - e ha il benestare dell'assessorato regionale. Per esempio, un turista che vuole visitare la Casa museo di Palazzolo Acreide pu acquistare un solo biglietto e spostarsi in tutti i Comuni del comprensorio ibleo scoprendo cos anche gli altri musei: da Buccheri a Buscemi, alla Casa dell'emigrante di Canicattini Bagni a Sortino e, ancora, ai tesori in mostra a palazzo Garf a Cassaro e ai paramenti sacri esposti a Ferla. Un percorso unico per provare a superare i problemi di gestione e mettere la Regione di fronte al fatto compiuto: cos non ci saranno pi scuse per tenere chiusi questi tesori d'arte e storia.

Ma non questa l'unica proposta lanciata dai sindaci per garantire la fruizione dei siti oggi negata. A Noto, Corrado Bonfanti propone alla Soprintendenza di affidare la gestione dell'area di Eloro ai suoi uffici per assicurare l'apertura del parco ogni giorno e non pi, come accade oggi, su prenotazione. Non possiamo certo restare a guardare i turisti che scuotano la testa davanti ai cancelli chiusi - dice Bonfanti - e quindi se la Regione da sola non ce la fa, abbiamo il dovere di intervenire per assicurare la fruizione di tesori che danno lustro al nostro territorio e ne rappresentano una risorsa.

La stessa proposta viene avanzata anche dal Comune di Avola. Abbiamo gi parlato con i vertici della Soprintendenza - dice il sindaco Luca Cannata - per poter gestire con il supporto di associazioni culturali e giovani archeologici, la villa romana ma anche il parco ARCHEOLOGICo di Avola e i resti dei dolmen: tutti monumenti oggi off limits. La nostra idea di promuovere una gestione condivisa che offra anche opportunit di lavoro a giovani professionisti del settore.

Il principio condiviso anche dal sindaco di Siracusa, Giancarlo Garozzo il quale, per, intende anche "far cassa" con il patrimonio della sua citt. I beni culturali sono una risorsa - dice - e come tale debbono essere sfruttati in maniera saggia, tutelandoli certo, ma anche garantendone la loro corretta fruizione che non pu non prescindere dalla loro manutenzione. Per questo la nostra proposta, gi avanzata alla soprintendente Beatrice Basile, di gestire i siti oggi chiusi per carenza di fondi come l'Ipogeo di piazza Duomo. Noi assicuriamo la cura del monumento e la sua apertura al pubblico usando il nostro personale, ma ci attraverso il pagamento di un biglietto che servir a mantenere il sito stesso. Un esperimento che funziona: da qualche mese, infatti, teniamo aperto l'Artemision 12 ore al giorno, tutti i giorni. L'area che custodisce i resti del tempio di Artemide, a due passi dal Duomo, infatti gestita dal Comune attraverso una convenzione con una societ privata. Il visitatore paga 5 euro - conclude Garozzo -: di questi 2 euro vanno al Comune che li spende per pulire e tenere in ordine il monumento. Questo significa garantire la fruizione, proviamo a fare lo stesso per gli altri siti e musei chiusi da 30 anni. Siamo pronti a varare un maxi-avviso per affidare ai privati alcuni tesori d'arte e storia che sono di nostra competenza: mi riferisco al Teatro comunale e a villa Reimann, per esempio.


12/03/2014



news

31-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 31 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news