LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Un'industria chiusa in museo
Marco D'Eramo
il manifesto 16/4/2005

Fa sempre impressione la sproporzione tra l'enorme peso simbolico dell'industria culturale e la sua quasi totale irrilevanza economica. Questo dato noto, e strutturale della nostra societ, sottolineato ancora una volta con forza nel Rapporto sull'economia della cultura in Italia (1990-2000) a cura di Carla Bodo e Celestino Spada (Il Mulino, pp. 776. 60). il secondo rapporto decennale di una serie iniziata nel 1994 con un analogo Rapporto (a cura di Carla Bodo) relativa al decennio 1980-1990, a suo tempo pubblicato dal Dipartimento della Presidenza del Consiglio allora diretto da Stefano Rolando.
La nostra vita plasmata da quel che vediamo in Tv, dai dischi che ascoltiamo, la musica che sentiamo, i film che andiamo a vedere al cinema o guardiamo in casa su Dvd, dai libri, dai giornali, dalle consultazioni on line, eppure per tutti questi settori messi insieme (con i teatri, i musei, le mostre, i concerti, le biblioteche), le spese pubblica e privata accoppiate non superavano nel 2000 il 2% del Pil (46.897 miliardi di lire, quando il Pii era di 2 milioni 258.753 miliardi).
Certo, i dati vanno presi con le molle, perch come riconoscono a varie riprese i curatori, e come insistono Paolo Leon e Giovanni Galli nel primo capitolo dedicalo ai cambiamenti strutturali del settore culturale, una vera e propria contabilit nazionale non mai stata messa in cantiere, tra l'altro a causa di un forte elemento sommerso. Basti pensare ai Cd e Dvd pirata: per estrapolarne l'impatto, un solo confronto sufficiente: nel decennio 1990-2000 la spesa ufficiale per home video aumentata solo dell'1,9%. mentre il numero di famiglie dotate di videoregistratore cresceva del 12.6%. E' paradossale, notano Leon e Galli, che nel dibattito attuale sullo 'scontro di civilt', la civilt/cultura del nostro paese non (statisticamente, economicamente, strutturalmente) ben conosciuta. Eppure. l'opinione pubblica istruita, fino alla noia, alla considerazione della cultura come elemento fondante della nostra collettivit.
Non si pu non elogiare lo sforzo compiuto da questo Rapporto nel cercare di fornire un quadro d'insieme dell'economa della cultura: un'impresa improba per chi conosce il pressapochismo del nostro istituto statistico (basti avventurarsi nella biblioteca dell'Istat per diffidare di qualunque dato fornito). Spaziando nei settori pi diversi, dalle biblioteche pubbliche alle case d'asta alle radio locali, per certi versi il Rapporto di Bodo e Spada non fa che confermarci nello sconsolante ritratto di un'Italia ignorante, che va poco al cinema, che non si tiene al corrente con i giornali, fanalino di coda dell'Unione europea per quasi tutti i consumi culturali: il mercato italiano del disco un terzo di quello francese, un quinto di quello tedesco, un sesto di quello britannico; il nostro mercato del video met di quello francese e tedesco e un quarto di quello britannico; il nostro mercato del cinema i tre quarti di quello francese, britannico e spagnolo.
Per di pi un'Italia come al solito nettamente spaccata in tre parti, dove gli indicatori sono (tranne alcune eccezioni) al Nord molto al di sopra della media nazionale, al Centro poco al di sopra della media nazionale e al Sud un baratro sotto la media.
Prendiamo la lettura di libri. Nel 2000 il 60% degli italiani dichiarava di aver letto almeno un libro: il 42,8% nel tempo libero, il 5,4% per motivi professionali o di studio e l'11.8% come lettori morbidi (che non si pensano come lettori, ma hanno letto guide turistiche, manuali di cucina, libri gialli...). Questo dato generale non fa che confermare quello che andava dichiarando in varie interviste l'allora ministro della Pubblica Istruzione, Tullio De Mauro: L'Italia un paese a rischio di analfabetismo dal momento che un terzo (il 32%) della sua popolazione adulta sostanzialmente analfabeta e un altro terzo sta uno o due gradini pi in alto, ma nel costante pericolo di regredire. [.,.] Aldi l, infatti, delle tradizionali statistiche ufficiali, che parlano di un 10% persone non scolarizzate [...] noi ora sappiamo con certezza, in base alle pi recenti ricerche dell'Ocse, che un terzo degli italiani adulti ha difficolt di lettura, di scrittura e di conteggio, ed quindi praticamente analfabeta. Un altro terzo supera queste difficolt, ma non procede oltre nei livelli di
alfabetismo, e quindi si trova in una situazione che psicologi e sociologi definiscono eufemisticamente a rischio, mentre la realt molto pi cruda.
Il 60% di lettori di libri in media nazionale diventava il 65,5% nel Nord-Ovest, il 67,0% nel Nord-Est, il 60,9% nel centro, il 50,8% nel Sud e il 52,1% nelle Isole. (L'altro dato statistico rilevante che la media di 42,8% lettori nel tempo libero si scinde in 37,1% lettori maschi e 48,1. lettrici).
Apparentemente questi dati descrivono solo il colossale fallimento della scolarizzazione di massa in Italia. Invece no. ed uno dei pochi elementi di speranza che vengono da questo rapporto: nel 1965
leggevano meno di 7,5 milioni di persone; nel 1975 erano 12 milioni, nel 2000 21 milioni: insomma i lettori sono quasi triplicati in 40 anni. Il che rispecchia la diminuzione dell'analfabetismo che negli anni '50 colpiva in realt il 60% degli adulti. Ma questo segnale positivo viene subito smentito dal rapporto che nota come dopo il 1998 il numero dei lettori sia di nuovo andato calando soprattutto tra i giovani.
E si entra qui nel carattere specifico degli anni '90, del contrastato decennio che ha visto l'ascesa del berlusconismo e quindi lo stradominio del duopolio televisivo su tutte le altre forme di attivit culturale (questo duopolio esercita per esempio un potere quasi assoluto anche sul settore cinematografico). Lo strapotere televisivo ha sottratto fondi pubblicita-ri soprattutto all'informazione scritta, ma non avrebbe avuto effetti tanto devastanti senza la cronica debolezza della domanda di cultura da parte degli italiani, un dato questo strutturale su cui incidono politiche di lungo respiro di cui si ebbero vaghi sentori solo nelle riforme di modernizzazione degli anni '60 (scuola obbligatoria fino a 13 anni...).
Persino in un settore in cui l'Italia vanta una grande tradizione, e cio il cinema, ci accorgiamo che se gli italiani vanno al cinema in media 1,7 volte l'anno, i tedeschi ci vanno invece 1,86 volte, gli inglesi 2,39; i francesi 2,8 e gli spagnoli 3.4 volte l'anno. E anche in questo settore, la crescita degli anni '90 (nel 1990 la frequenza media italiana era di 1,5) stata ridimensionata dalla crisi dei consumi del '98 che emerge chiara nei vari settori culturali da tutto il Rapporto e su cui pure i curatori non s'interrogano (era al governo il centrosinistra tutto intento all'epoca a stangare gli italiani per permettersi di entrare nell'euro).
Naturalmente, a un recensore del manifesto sta molto a cuore la crisi che ha colpito la stampa quotidiana che ha perso il 15% delle copie giornaliere dal 1990 a oggi, crollo che non pu essere spiegato solo dal dirottamento delle risorse pubblicitarie verso la tv. Anche nella lettura dei quotidiani, come nel libro, il quadro generale quello sconsolante dell'Italia fanalino di coda d'Europa: da noi viene venduto un quotidiano ogni 10 abitanti, contro uno ogni 2-2,5 in Svezia, Finlandia e Austria, uno ogni 3 abitanti in Gran Bretagna, Germania, Olanda, Stati uniti; e uno ogni 5 in Francia e Belgio. Le percentuali sarebbero ancora pi sconfortanti se depurate dai quotidiani sportivi (che vendono circa 700.000 copie al giorno su un totale di meno di 6 milioni di copie). L'andamento regionale altrettanto prevedibile: al nord vive il 44,7% della popolazione italiana che per compra il 57% delle copie di giornali; al centro il 19,3% compra il 22,7% delle copie e al sud il 36% degli italiani compra solo il 20,2% delle copie.
La lettura dei giornali aveva conosciuto una crescita durante tutti gli anni '80 fino ad arrivare al massimo del 1990 con 6,9 milioni di copie giornaliere. Il crollo degli anni '90, che ha riportato la diffusione sotto i 6 milioni di copie, tanto pi stupefacente se si considera che quegli anni hanno visto il quotidiano divenire il supporto base di un'offerta multimediale
(libri, videocassette, Cd, Dvd, inserti settimanali settoriali, femminili, di viaggio), offerta che ha salvato i conti economici dei grandi gruppi ma che non ha frenato l'erosione dei lettori. Va detto anche che i giornali italiani sono i pi respingenti al mondo. Sembra che gli editori e i direttori dei nostri quotidiani pensino che i loro giornali non vendono perch non sono abbastanza brutti: e cos a ogni riforma grafica, a ogni ritocco, i giornali diventano sempre pi illeggibili, le notizie diminuiscono, la parte internazionale si assottiglia, il tono si fa pi gridato e scandalistico.
come se in Italia mancasse una borghesia, cio una classe dominante che sia anche dirigente, interessata ai destini del mondo l fuori, attenta alla propria riproduzione in termini di potere e di cultura. Quest'assenza di una borghesia emerge dal Rapporto per quanto riguarda il problema degli investimenti pubblici e privati nel settore culturale. Nonostante le cure dimagranti ai bilanci pubblici seguite negli anni '90 (sempre per rientrare nei parametri di Maastricht), curiosamente nel settore culturale la spesa pubblica cresciuta (+ 40% in termini reali) di pi di quella privata (+ 30%), come fanno notare i curatori. Ma questa spesa ha caratteri particolari: pi che allo stato centrale, dovuta alle regioni e agli enti locali, province e comuni. E sulla propensione alla spesa conta il colore politico: contrariamente a quel che avviene in tutte le altre statistiche culturali, quelle sulla spesa pubblica mostrano che, rispetto al Nord, il Centro trasferisce alla cultura una percentuale maggiore delle proprie risorse: lo 0,89% del proprio Pil contro lo 0,61% nel Nord (e lo 0,54% nel Sud), sbilanciamento che dipende in parte dalle regioni rosse.
La stessa spesa pubblica nel settore culturale sembra poi finalizzata soprattutto a scopi di lucro immediato, cio di salvaguardia dell'industria turistica, ovvero riducendo al suo pi nudo significato commerciale l'idea che Gianni de Michelis aveva enunciato negli anni '80, dei giacimenti culturali. Notano infatti Bodo e Spada, la crescita stata trainata dagli investimenti pubblici nei restauri e nell'ammodernamento del sistema museale.
Un altro punto interessante che emerge dal rapporto l'andamento della produttivit proprio nel decennio che ha visto l'irruzione delle nuove tecnologie nell'industria della comunicazione (e anche dell'editoria libraria, musicale, cinematografica). A prima vista l'uso dei computer, l'informatizzazione, lo sfruttamento di Internet avrebbero dovuto accrescere in modo sbalorditivo la produttivit (non questo l'assunto che sta alla base della new economy?). In realt, nell'industria culturale la produttivit diminuita del 6,8% tra il 1990 e il 2000. Addirittura, nel decennio il valore aggiunto diminuito del 6,6% nell'editoria giornalistica, ed aumentato solo del 4,9% in quella libraria, ma l'occupazione aumentata dell'8,1% nei due settori combinati, col risultato che la produttivit nell'editoria libraria e giornalistica crollata del 10,1%. Che successo? Che gli industriali del settore hanno trovato pi conveniente assumere molti part-time, Cococo, cottimisti, cio precari, oltre che praticare l'outsourcing, piuttosto che puntare sull'aumento di produttivit di lavoratori stabili. Cio i benefci delle nuove tecnologie sono andati in proftti da precarizzazione. Ma gli industriali della cultura dovrebbero imparare da Henry Ford che i loro lavoratori sono anche i loro consumatori, acquirenti dei beni che producono, e che perci salari minori riducono anche il proprio fatturato. Anche sotto questo aspetto l'elemento dominante la fragilit strutturale della classe dirigente italiana.
E' forse questa diagnosi sarebbe ancora pi cupa se i curatori avessero potuto tenere conto compiutamente dell'ultimo quadriennio berlusconiano: alcuni tratti del ritratto in chiaroscuro degli anni '90 dipendono anche dall'alternarsi di fasi politiche di quel decennio, mentre dal 2001 in poi le tendenze pi negative si sono accentuate: per di pi, dopo l'11 settembre, l'Italia stata colpita dalla crisi mondiale (tra cui quella del turismo). Ma il ritardo di quattro anni nella pubblicazione rispetto al periodo trattato il prezzo che si paga per un lavoro accurato e intellettualmente onesto come quello di Bodo e Spada.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news