LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Anche l'arte ha un prezzo
Xavier Greffe
LA STAMPA 15-APR-2005

GLI osservatori del mercato dell'arte giudicano spesso aberranti le oscillazioni di prezzo a cui vanno soggette certe opere. A partire dalla fine della seconda guerra mondiale non c' record che abbia resistito a lungo, come se il mercato dell'arte non potesse che funzionare sempre al rialzo. Nel 1984 il record apparteneva a un paesaggio di Turner, Folkstone, con 9,4 milioni di dollari. L'anno dopo al Paysage au soleil levant di Van Gogh gi sfiora i 10 milioni (9,6), superati (10,4) dall'Adorazione dei Magi del Mantegna. Nel 1987 i Girasoli di Van Gogh vengono acquistati dalla compagnia d'assicurazioni giapponese Yasuda a un prezzo che fissa un nuovo limite: 39,9 milioni di dollari. Ma gi nello stesso anno quel limite viene sorpassato dagli Iris, sempre di Van Gogh, che raggiunge 53,9 milioni: la madre del venditore aveva acquistato la tela trent'anni prima a un prezzo attualizzato di mezzo milione di dollari, ci che equivale a un tasso di rendimento reale del 12% annuo. Si pu anche notare che alcune opere di Willem De Kooning hanno raggiunto i 20 milioni di dollari, mentre altre pi recenti dello stesso artista non hanno superato gli 800.000 dollari. E che dire della vendita di una riproduzione, tirata in venticinque esemplari, della Monna Lisa di Duchamp, nel 1989?
Vale dunque la pena chiedersi come funzioni il mercato dell'arte e, in questa particolare circostanza, il mercato dell'arte contemporanea. Un aspetto peculiare di questo mercato balza subito
agli occhi e riguarda la presenza di andamenti di prezzo erratici e talvolta perfino anti-ciclici. Un secondo dato evidente che in realt di mercati ne esistono due: il mercato primario, dove le opere d'arte fanno la loro comparsa e per la prima volta si vedono attribuire un valore economico, e il mercato secondario, dove l'opera viene rimessa in circolazione dopo essere stata venduta la prima volta. Se il funzionamento del mercato primario caratterizzato da oscillazioni di prezzo di difficile spiegazione, quello del mercato secondario a prima vista appare vicino a modalit pi prevedibili e conferma il ruolo di fattori economici pi tradizionali, come variazioni nel numero degli attori, effetti di reddito, variazioni del contesto macroeconomico.(...)
Per quanto significativi siano questi fattori, hanno un impatto pi di breve-medio che di lungo periodo e non ci impediscono perci di rintracciare un parallelismo di lungo periodo tra l'evoluzione del prezzo della pittura contemporanea e la congiuntura macro economica durante tutto il XX secolo.
- Durante la crisi del 1930, si passa da una media mensile di
130 vendite nel 1929, a 73 nel 1930, a 13 nel 1931, per arrivare a 8 nel 1932. La flessione delle vendite si accompagna a una sensibile flessione dei prezzi. La Peigneuse di Degas passa in quel periodo da 21.000 sterline a 4.000 sterline.
- Con gli anni cinquanta, si assiste a un risanamento, in particolare in occasione della vendita all'asta a Parigi di intere collezioni, come la collezione Co-gnacq alla Galerie Charpentier a Parigi nel 1952. Ma il rallentamento congiunturale dell'inizio degli anni sessanta si traduce in effetti nell'innalzamento dei prezzi.
- Nel 1966, la ripresa dell'economia effettiva e favorisce la moda dei surrealisti, come dimostrano il successo di Dali o di Max Ernst le cui opere sono quelle che si rivalutano di pi.
- Nel 1973-4 la crisi del petrolio fa sentire i suoi effetti, in particolare in termini di prezzo. Nel 1976 le opere di Kandinsky sono ritirate da un'asta a Londra, per essere rimaste al di sotto del prezzo di riserva. Improvvisamente chiudono anche diverse gallerie.
- Nel 1980 si assiste a una nuova ripresa del mercato in Giappone, Stati Uniti e Germania. Durante questo periodo le quotazioni delle opere d'arte si sottraggono in gran parte alle fluttuazioni borsistiche come quelle di Wall Street. Per contro, dopo la prima guerra in Iraq, si assiste a una frenata dei prezzi, che riprenderanno alla fine degli anni novanta. Ci dimostra che l'opera d'arte non un valore rifugio e che la determinazione del suo prezzo resta legata alla sua struttura specifica.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news