LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Anche l'arte ha un prezzo
Xavier Greffe
LA STAMPA 15-APR-2005

GLI osservatori del mercato dell'arte giudicano spesso aberranti le oscillazioni di prezzo a cui vanno soggette certe opere. A partire dalla fine della seconda guerra mondiale non c' record che abbia resistito a lungo, come se il mercato dell'arte non potesse che funzionare sempre al rialzo. Nel 1984 il record apparteneva a un paesaggio di Turner, Folkstone, con 9,4 milioni di dollari. L'anno dopo al Paysage au soleil levant di Van Gogh gi sfiora i 10 milioni (9,6), superati (10,4) dall'Adorazione dei Magi del Mantegna. Nel 1987 i Girasoli di Van Gogh vengono acquistati dalla compagnia d'assicurazioni giapponese Yasuda a un prezzo che fissa un nuovo limite: 39,9 milioni di dollari. Ma gi nello stesso anno quel limite viene sorpassato dagli Iris, sempre di Van Gogh, che raggiunge 53,9 milioni: la madre del venditore aveva acquistato la tela trent'anni prima a un prezzo attualizzato di mezzo milione di dollari, ci che equivale a un tasso di rendimento reale del 12% annuo. Si pu anche notare che alcune opere di Willem De Kooning hanno raggiunto i 20 milioni di dollari, mentre altre pi recenti dello stesso artista non hanno superato gli 800.000 dollari. E che dire della vendita di una riproduzione, tirata in venticinque esemplari, della Monna Lisa di Duchamp, nel 1989?
Vale dunque la pena chiedersi come funzioni il mercato dell'arte e, in questa particolare circostanza, il mercato dell'arte contemporanea. Un aspetto peculiare di questo mercato balza subito
agli occhi e riguarda la presenza di andamenti di prezzo erratici e talvolta perfino anti-ciclici. Un secondo dato evidente che in realt di mercati ne esistono due: il mercato primario, dove le opere d'arte fanno la loro comparsa e per la prima volta si vedono attribuire un valore economico, e il mercato secondario, dove l'opera viene rimessa in circolazione dopo essere stata venduta la prima volta. Se il funzionamento del mercato primario caratterizzato da oscillazioni di prezzo di difficile spiegazione, quello del mercato secondario a prima vista appare vicino a modalit pi prevedibili e conferma il ruolo di fattori economici pi tradizionali, come variazioni nel numero degli attori, effetti di reddito, variazioni del contesto macroeconomico.(...)
Per quanto significativi siano questi fattori, hanno un impatto pi di breve-medio che di lungo periodo e non ci impediscono perci di rintracciare un parallelismo di lungo periodo tra l'evoluzione del prezzo della pittura contemporanea e la congiuntura macro economica durante tutto il XX secolo.
- Durante la crisi del 1930, si passa da una media mensile di
130 vendite nel 1929, a 73 nel 1930, a 13 nel 1931, per arrivare a 8 nel 1932. La flessione delle vendite si accompagna a una sensibile flessione dei prezzi. La Peigneuse di Degas passa in quel periodo da 21.000 sterline a 4.000 sterline.
- Con gli anni cinquanta, si assiste a un risanamento, in particolare in occasione della vendita all'asta a Parigi di intere collezioni, come la collezione Co-gnacq alla Galerie Charpentier a Parigi nel 1952. Ma il rallentamento congiunturale dell'inizio degli anni sessanta si traduce in effetti nell'innalzamento dei prezzi.
- Nel 1966, la ripresa dell'economia effettiva e favorisce la moda dei surrealisti, come dimostrano il successo di Dali o di Max Ernst le cui opere sono quelle che si rivalutano di pi.
- Nel 1973-4 la crisi del petrolio fa sentire i suoi effetti, in particolare in termini di prezzo. Nel 1976 le opere di Kandinsky sono ritirate da un'asta a Londra, per essere rimaste al di sotto del prezzo di riserva. Improvvisamente chiudono anche diverse gallerie.
- Nel 1980 si assiste a una nuova ripresa del mercato in Giappone, Stati Uniti e Germania. Durante questo periodo le quotazioni delle opere d'arte si sottraggono in gran parte alle fluttuazioni borsistiche come quelle di Wall Street. Per contro, dopo la prima guerra in Iraq, si assiste a una frenata dei prezzi, che riprenderanno alla fine degli anni novanta. Ci dimostra che l'opera d'arte non un valore rifugio e che la determinazione del suo prezzo resta legata alla sua struttura specifica.



news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news