LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Nuovi Uffizi, Isozaki dice s: costruir il museo sotterraneo
MAURO BONCIANI
Giornale della Toscana 14APR2005

Come Ieoh Ming Peng al Louvre. Come Gae Aulenti alla Gare d'Orsay. Arata Isozaki legher il suo nome agli Uffizi in un'operazione voluta dal ministero dei beni culturali destinata a entrare nella storia museale e dell'architettura: non la pensilina di piazza del Grano, ormai cancellata, ma un museo sotterraneo unico al mondo che permetta un'immersione nella Firenze medievale da piazza Signoria fino all'Arno.
Il s dell'architetto giapponese arrivato alla fine di una visita alla sovrintendenza durata circa due ore che stata preceduta da un breve incontro con il sindaco e seguita da un sopralluogo in piazza del Grano e agli scavi sotto la Magliabechiana e certifica il nuovo corso di collaborazione tra Isozaki ed il ministero (con Palazzo Vecchio spiazzato tanto
che ha fatto s che i giornalisti non potessero parlare con l'uomo arrivato da Tokio e che ha vinto il concorso per l'uscita dei Nuovi Uffizi). Accanto all'accettazione del nuovo e prestigioso incarico arrivata l'ennesima conferma sul fatto che la tutela degli importanti reperti trovati rende impossibile costruire la gigantesca pensilina con la quale Isozaki aveva vinto il concorso ad inviti voluto dal ministro Melandri e dal sindaco Primicerio. Non abbiamo parlato della pensilina - ha commentato lapidariamente alla fine dell'incontro con Isozaki il direttore del ministero dei beni culturali Roberto Cecchi - ma solo del percorso museale sotterraneo da integrare con quello dei Nuovi Uffizi. La questione della pensilina gi stata affrontata nel precedente incontro a Roma ed il ministro ha espresso allora il risultato: la sua costruzione incompatibile con la tutela dei reperti.
Il sopralluogo degli scavi stato voluto dal ministero ed avvenuto dopo che l'architetto giapponese aveva ricevuto tutto il materiale relativo alla campagna di studi sugli scavi dopo l'incontro avvenuto a febbraio a Roma. All'incontro e al successivo sopralluogo erano presenti, oltre Isozaki, il capo dipartimento del Ministero Roberto Cecchi, l'assessore all'urbanistica Gianni Biagi, i soprintendenti regionale Antonio Paolucci, fiorentino Paola Grifoni, fiorentino ai
beni archeologici Carlona Cianferoni, ex sovrintendnte fiorentino ai beni archeologi Angelo Bottini, l'uomo che ha redatto la relazione inviata a Roma, e l'architetto degli Uffizi Antonio Godoli. Prima i sovrintendenti, i tecnici e Isozaki hanno esaminato le carte, poi hanno visitato gli scavi a partire da San Piero Scheraggio, per poi recarsi in piazza del Grano, alla Magliabechiana ed infine fare una breve sosta nel locale dove sono custoditi gli ultimi reperti trovati, ancora in corso di catalogazione.
Al termine tutti soddisfatti per il raggiunto accordo tra l'architetto Isozaki, il ministero per i Beni culturali e il Comune di Firenze. Il comunicato diffuso al termine della visita dopo aver sottolineato come il summit sia
servito per la valutazione delle emergenze archeologiche ed alto-medioevali, preziose testimonianze delle origini della citt di Firenze emerse nell'area degli Uffizi si chiude spiegando la svolta nella telenovela Isozaki. emersa la volont delle parti a lavorare per la valorizzazione di un nuovo percorso che unisca il tessuto archeologico alla nuova uscita. In particolare il maestro Isozaki ha dichiarato la sua piena disponibilit a lavorare ad un progetto insieme ai responsabili del ministero e del Comune di Firenze. Il maestro - spiega Roberto Cecchi - si detto disponibile, entusiasta, nel collaborare al progetto di un percorso museale sotterraneo che vada da San Piero Scheraggio alla Magliabechiana. Della pensilina non si parlato - ha aggiunto - perch questo argomento stato gi affrontato nel precedente incontro a Roma ed il ministro ha espresso il risultato: la sua costruzione incompatibile con la tutela dei reperti. Isozaki - aggiungono i sovrintendenti Bottini e Cianferoni - ha esaminato con attenzione e con grande disponibilit sia le emergenza architettoniche che gi si conoscevano, come quelle di San Piero Scheraggio, sia i risultati dei nuovi scavi, in particolare l'area della Magliabechiana non era mai stata esplorata ed intatta, una vera miniera di informazioni sulla storia di quella parte di citt, ed ha dato il suo si a collaborare al nuovo itinerario museale. Ci sembrato molto contento, sereno, e a breve si rivedr con il ministero per iniziare a passare dall'idea al progetto.
Nella parte del frenatore - Palazzo Vecchio non vuole rassegnarsi a vedere cancellata la sua pensilina - come al solito l'assessore Gianni Biagi. Isozaki - ha detto Biagi - ha verificato tutta la situazione e ha chiesto 2 mesi di tempo per prendere le decisioni opportune. Rispetto al mantenimento della pensilina sar Isozaki a decidere, compatibilmente con le nuove valutazioni che sono emerse oggi.



news

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

30-03-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 30 marzo 2020

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

Archivio news