LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pinault sposa Palazzo Grassi, ma la sua dote in forse
Serena Spinazzi Lucchesi
Corriere del Veneto 15APR2005

Palazzo Grassi parler francese. Fatto sfumare l'accordo con il finanziere ligure Terruzzi, il magnate del lusso d'oltralpe Francois Pinault si aggiudicato per 30 milioni di euro il controllo del gioiellino sul Canal Grande, per tanti anni fiore all'occhiello di casa Fiat. Ieri il doppio blitz, prima in laguna e poi a Milano, che ha di fatto chiuso la partita. In mattinata nella sede di terraferma del Casin, si era riunito il consiglio di amministrazione della Casa da gioco, gi impegnata per conto del Comune ad acquistare da Fiat il 51 per cento del Palazzo per 15 milioni di euro. Il cda con 4 voti su 5 per l'assenza di un consigliere, ha approvato le linee della proposta avanzata da Pinault. Subito dopo il presidente del Casin Giorgio Piantini si messo in viaggio per raggiungere a Milano l'avvocato Carlo Pedersoli, che cura gli interessi del gruppo francese in Italia, e mettere nero su bianco l'accordo quadro.
Il finanziere francese, proprietario del gruppo Ppr (Fnac, Gucci, Saint Laurent, Bottega Veneta) verser al Casin 30 milioni di euro (Terrazzi ne offriva 28 per l'acquisto del 95 per cento). In cambio otterr il controllo dell'80 per cento della societ Palazzo Grassi spa, di propriet del Casin e a sua volta proprietaria del Palazzo. Il resto rimarr alla casa da gioco, consentendo cos, almeno sulla carta, al Comune, di avere voce in capitolo nella gestione delle attivit espositive. Alla direzione arriver con ogni probabilit Jean Jacques Aillagon, ex ministro della Cultura francese, che lo scorso anno aveva redatto un piano strategico per il palazzo insieme al direttore dei Musei Civici Giandomenico Romanelli e all'assessore alla Cultura Armando Peres.
Pinault garantir la copertura del 95 per cento delle spese di gestione, mentre il Casin si prender carico del restante 5 per cento. E fra 99 anni il Palazzo torner al Comune per la cifra simbolica di un euro. Sar il successore di Paolo Costa, dopo il ballottaggio di domenica, a porre il sigillo sull'acquisto nel corso della convocazione dell'assemblea dei soci, il 28 o il 29 aprile prossimi. Un passaggio non formalmente necessario, visto che l'assemblea a dicembre aveva dato ampio mandato al Consiglio, ma richiesto dallo stesso Pinault con una mossa dettata da ragioni diplomatiche nei confronti del futuro primo cittadino.
Intanto il sindaco Costa, che aveva guardato con non troppo favore all'accordo con Terrazzi, esprime la sua soddisfazione per un accordo quanto mai vantaggioso per Palazzo Grassi e per la citta. Un accordo che, come convenuto, sar consegnato nelle mani del nuovo sindaco. Perplessit invece dai sindacati: l'operazione, dicono sar a totale vantaggio del Casin e senza ricadute sul suo bilancio. Per rispettare la volont di Pinault alla riservatezza, anche il Casin non entra nei dettagli, ma parla solo di proposta vantaggiosa che consentir di evitare qualsiasi ricaduta negativa sul Bilancio della Casa da Gioco. Dall'operazione il Casin guadagner sei milioni di euro, oltre al fatto che Finter palazzo sar libero per le esposizioni d'arte, compreso il piano nobile che invece l'ex re del nichel Terrazzi chiedeva per esporre la sua collezione.
Pinault per la sua raccolta d'arte moderna si accontenter del teatrino da restaurare, dove eventualmente porter anche qualche passerella d'alta moda. Ma non detto che la collezione Pinault arrivi in laguna (come previsto dall'accordo quadro), visto che in Francia sarebbe emersa una forte opposizione del presidente Jacques Chirac a veder uscire dai propri confini capolavori inestimabili dei vari Gaugin, Mir, Mondrian.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news