LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Colosseo, il racket dei centurioni
PAOLA VUOLO
Il Messaggero Cronaca di Roma 15-APR-2005

Che ci fanno tutti questi poliziotti al Colosseo? I turisti cercano con lo sguardo i centurioni, ma di loro nemmeno l'ombra: ci sono solo divise blu al posto dei mantelli rossi. Ieri al Colosseo c'è stato un vero blitz, e i finti antichi romani, ben 28, sono stati portati negli uffici del primo commissariato e denunciati per esercizio abusivo della professione e violazione del divieto della Sovrintendenza ai beni culturali di svolgere attività commerciale nelle aree archeologiche. Gli investigatori hanno scoperto che i soldati romani facevano parte di un'organizzazione gestita da un personaggio della malavita romana, l'uomo che era uscito da poco di prigione dettava legge nel piazzale davanti all'Anfiteatro Flavio. Istruendo i suoi uomini su come gestire il business dei turisti. Ma prima di diventare i padroni dell'area, gli uomini del piccolo boss avevano mandato via gli altri centurioni.
Per convincerli a sloggiare avevano usato le maniere forti minacciando, e in qualche caso anche malmenando (come è successo ad alcuni cingalesi), chi non lasciava il campo libero.
I complici si sono così assicurati la gestione delle comitive dei turisti. E chi prelevando gli stranieri quando scendevano dal pullman, chi invece costringendoli col sorriso a farsi la foto con il centurione, guadagnavano migliaia di euro al giorno. In pratica gli uomini del boss fìngevano di essere vere guide, accoglievano i turisti e dopo avere mostrato la tessera (fasulla) li portavano in giro per il Colosseo. La messinscena era perfetta, le false guide avevano il distintivo e pure il microfono, e girando, girando, ecco che si avvicinava il centurione pronto a farsi scattare la foto ricordo.
L'operazione di polizia giudiziaria è scattata in seguito a diverse segnalazioni, qualcuna arrivata anche al Comune, dove si denunciava la presenza e il comportamento scorretto, in alcuni casi perfino violento, adottato dai centurioni. «Hanno mandato via chi non faceva parte della combriccola», si legge in una denuncia, «e costringono gli straniere a pagare un sacco di soldi per entrare e visitare l'area».
Le indagini hanno fatto scoprire agli uomini del commissariato Trevi Campo Marzio, guidati dal primo dirigente Antonio Del Greco, con l'aiuto dei colleghi del commissariato Celio, l'esistenza di un racket per la gestione dei turisti al Colosseo. Gli investigatori dai racconti degli abusivi scacciati, e dalle denunce, hanno anche avuto la prova delle minacce. Ieri mattina è scattato il blitz. Sono ancora in corso le indagini per accertare se i centurioni abbiano anche commesso il reato di violenza privata e sfruttamento della manodopera straniera clandestina. Gli investigatori hanno sequestrato i mantelli dei centurioni, adesivi, microfoni e i falsi cartellini usati dalle finte guide per ingannare i turisti.
E da ieri, gli abusivi che abbordano i turisti non sono più tollerati dalle forze dell'ordine (l'accordo è stato preso con il Gabinetto del sindaco Walter Veltroni). I centurioni potranno ancora girare nell'area archeologica, ma potranno mettersi in posa per la foto ricordo con i turisti, soltanto se saranno gli stranieri ad avvicinarli.

Ieri il blitz della polizia: a capo dell'organizzazione un piccolo boss
E l'Anfiteatro Flavio ora è sotto la protezione degli agenti
Per le foto con i turisti i finti antichi romani chiedevano anche decine di euro



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news