LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Tutti i no delle soprintendenze che ostacolano i tesori d’Italia
Giovanni Valentini
La Repubblica 9/3/2014

A Roma si chiama "la maledizione dei coccetti": per dire i reperti archeologici che riemergono a ogni scavo nella Caput nundi, come avviene da sempre per la metropolitana, fermando spesso lavori grandi e piccoli, pubblici e privati. E anche per questo la 'grande bellezza' della Capitale, celebrata nel film con cui Paolo Sorrentino ha vinto l'Oscar, degenera nel degrado urbanistico e sociale.
Ma non c’è praticamente comune, provincia o regione d’Italia in cui qualche soprintendente non abbia impedito o quantomeno ritardato per anni la realizzazione di una piccola o grande opera, la ristrutturazione di un edificio storico, il restauro di un monumento o di un altro bene artistico e culturale.

È la paralisi della conservazione. Il blocco preventivo, la cautela della tutela. Con le migliori intenzioni contenute nei “pareri” e nelle “prescrizioni”, a volte per prudenza e a volte per paura di complicazioni giudiziarie, la burocrazia delle soprintendenze artistiche e archeologiche imbriglia il recupero e la valorizzazione del nostro patrimonio culturale, contribuendo così a congelare la modernizzazione; a paralizzare l’assetto urbanistico delle città; a bloccare anche i progetti più innovativi e rispettosi dell’ambiente o del paesaggio. E insomma a «incatenare» il Belpaese, per dirla con Matteo Renzi: l’inventario è smisurato e converrà magari approfondirlo anche con il contributo delle segnalazioni dei lettori.

Da sindaco di Firenze, città d’arte e cultura per antonomasia, il presidente del Consiglio s’è scontrato personalmente più volte con questa situazione. Prima la decisione di affittare Ponte Vecchio alla Ferrari per un party; poi la vendita del Circolo del Tennis delle Cascine alla società che lo gestisce, entrambe contestate dalla Soprintendenza; fino al progetto di recupero della Manifattura dei Tabacchi con le due torri da 45 metri: «Spieghino perché dire no a quello e dire sì al Palagiustizia di 74 metri!», sbottò allora l’ex sindaco. E dai tavolini all’aperto in piazza del Battistero, il contenzioso artisticoculturale è arrivato addirittura nel suo ufficio, a Palazzo Vecchio, intorno al dipinto murale

La battaglia di Anghiaridi Leonardo nel Salone dei Cinquecento, su cui Renzi avrebbe voluto far eseguire alcuni sondaggi tecnici. «Le soprintendenze – ha detto allora il neopresidente del Consiglio – sono un potere monocratico che non risponde a nessuno, ma passa sopra a chi è eletto dai cittadini».

Appena nominato segretario del Pd, l’ex rottamatore ha avocato a sé il ruolo di responsabile della Cultura e ha rilanciato subito il suo cavallo di battaglia: «Abbiamo la cultura in mano a una struttura ottocentesca, non può più basarsi sul sistema delle soprintendenze ». La questione non è priva naturalmente di un riflesso economico. Artribune, rivista di arte e cultura contemporanea, valuta addirittura nell’1,5 per cento del Pil il vantaggio che si potrebbe ricavare da una gestione più aperta e moderna del nostro patrimonio.

Troppo spesso, in realtà, le soprintendenze diventano fattori di conservazione e protezionismo in senso stretto: cioè di freno e ostacolo allo sviluppo, alla crescita del turismo e dell’economia. Oppure, in qualche caso, anche centri di potere personale. La Penisola è piena purtroppo di sfregi alla sua bellezza, al suo patrimonio e al suo paesaggio; ma anche di opere bloccate o incompiute, a causa di ritardi, pastoie e lungaggini burocratiche.

Il fatto è che, come spiega chi conosce bene i meandri del ministero dei Beni culturali, si tratta di una categoria di funzionari dello Stato fortemente politicizzata, composta generalmente da persone anziane, a fine carriera e quindi demotivate. Una struttura capillare, articolata su base provinciale in tutto il territorio nazionale, come le prefetture. Equiparati a ufficiali di Pubblica sicurezza, nell’esercizio delle loro funzioni i soprintendenti possono anche denunciare i presunti trasgressori sul piano penale.

Oltre ai 24 dirigenti di prima fascia, suddivisi in 12 direttori regionali periferici e 12 addetti al ministero (guadagnano circa 6.000 euro al mese), i Soprintendenti sono in totale 157 dirigenti di seconda fascia e hanno uno stipendio tra i 3.000 e i 4.000 euro mensili: 28 amministrativi, 17 archeologi, 38 architetti, 31 archivisti, 18 bibliotecari, 25 storici dell’arte. Sotto di loro, troviamo poi i funzionari (1.500-1.800 euro al mese) che esprimono i loro pareri sui vari progetti e di fatto esercitano un potere di veto, bloccando i lavori che a loro giudizio possono compromettere la tutela dei beni artistici o del paesaggio.

Non manca, tuttavia, qualche esempio di best practice. Proprio per rendere più snello e trasparente il processo delle autorizzazioni, la Regione Puglia – la prima a dotarsi di un Piano paesaggistico regionale, dopo quello della Sardegna che però era limitato alle coste – ha messo in rete un Sistema informatico integrato e condiviso (Sit Puglia.con). È un vanto dell’Assessore al Territorio Angela Barbanente, vice-presidente della Giunta di Nichi Vendola. Dal 2011, le amministrazioni comunali si registrano sul sito e caricano le informazioni principali sui vari progetti e le varie proposte, comprese le particelle catastali: qualsiasi cittadino può accedere a questa banca dati, controllare lo stato di avanzamento di una pratica e, in forza della trasparenza, confrontare i pareri e le autorizzazioni per verificare eventuali disparità di trattamento. Ma tutto ciò non è stato ancora sufficiente per sbloccare una serie di progetti turistici, tra cui quello per la ristrutturazione della vecchia Colonia marina costruita 70 anni fa dal fascismo a Santa Maria di Leuca o quello per il nuovo porto di Otranto.

Toccherà ora al nuovo ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, affrontare il nodo delle soprintendenze. Quando prese il posto di Walter Veltroni alla guida del Pd come “reggente”, Renzi lo definì ironicamente «il vice-disastro ». Ma oggi, a cominciare dal sito di Pompei sottoposto alla stessa Soprintendenza archeologica di Ercolano e Stabia, è proprio a lui che viene affidato il compito di fermare il disastro artistico e culturale del Paese per riscoprire e valorizzare la nostra Grande Bellezza.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news