LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Una casa del Fai tra i Sassi per far rivivere il cuore antico di Matera
Carlo Vulpio
Corriere della Sera 1/3/2014

MATERA — «Una metafora gigantesca della storia dell’umanità. Questo è il ripopolamento dei Sassi di Matera e questa è la via da seguire per tutta l’Italia, perché è nella ricchezza dei luoghi il nostro avvenire». Entusiasta come un bambino che da grande sogna di fare l’archeologo, Andrea Carandini — storico dell’arte greca e romana, archeologo, docente universitario e presidente del Fai (il Fondo per l’ambiente italiano) — ha presentato ieri Casa Noha, una bella palazzina secentesca nel cuore dei Sassi, che grazie al Fai che l’ha recuperata e alle famiglie Latorre e Fodale che l’hanno donata, diventerà una vera e propria porta d’ingresso nella storia millenaria di Matera. In Casa Noha, ogni visitatore che voglia avvicinarsi alla conoscenza dei Sassi — meraviglioso insediamento neolitico ed esempio di civiltà rupestre unico al mondo —, potrà vedere proiettate sulle pareti delle stanze riportate all’antico decoro un racconto che in venti minuti (autori Giovanni Carrada e Rosalba Demetrio, ma non vanno dimenticati gli studi di Cosimo Damiano Fonseca e i saggi di Leonardo Sacco e Raffaele Giura Longo) lo farà viaggiare dal Neolitico al Medioevo, dalla «Bibbia dei poveri» della Cripta di Adamo ed Eva — con i suoi affreschi dell’VIII secolo — al IX secolo delle contese tra Longobardi e Bizantini e Saraceni, all’XI dei Normanni «latinizzatori», fino al degrado del XIX e XX secolo, con la povertà più nera, la malaria, il 43 per cento di mortalità infantile, la denuncia di Carlo Levi con il suo «Cristo si è fermato a Eboli» e l’amore di Adriano Olivetti, che tentò di trapiantare qui il suo Progetto Comunità sperimentato nel Canavese.
Nella rinascita credono Carandini e il Fai, cercando di invertire il modello negativo di Pompei («Altro luogo abbandonato, come lo furono i Sassi di Matera») e puntano al ripopolamento, realizzando così il miracolo: resuscitare una città, farla rivivere dopo che essa non solo appariva morta, ma lo era. Carandini sa che occorre agire anche su un altro piano e coglie l’occasione per rivolgersi direttamente al nuovo governo, al nuovo ministro dei Beni culturali, al Parlamento, affinché attui subito la riforma del Titolo V della Costituzione, che fu sciaguratamente manomesso e tanti guasti ha prodotto specialmente in materia ambientale e paesaggistica, «riconsiderando un sano centralismo» che riconsegni allo Stato competenze finite nelle mani di Regioni ed enti locali che agiscono come altrettante repubblichette indipendenti e che, dice Carandini, «in tutti questi anni non hanno mai approvato un solo piano paesaggistico».
Matera, grazie soprattutto ai Sassi — che, non dimentichiamolo, sono stati inseriti dall’Unesco nel patrimonio mondiale dell’umanità nel 1993 —, ambisce legittimamente a essere capitale europea della Cultura nel 2019. Ma non ci riuscirà se non dirà di no all’installazione di ben tre inutili e orribili parchi eolici. Quaranta torri di oltre cento metri d’altezza che rischiano di sfigurare la città, così come altre duemila torri hanno sfigurato il resto della Basilicata. Carandini e il Fai hanno già promesso che non resteranno chiusi in Casa Noha.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news