LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LA SCALA come nel '46 tra la fine e la rinascita
Fabio Zanchi
13 APR 2005



La Scala, specchio e simbolo di Milano. Lo sempre stato. All'indomani della guerra, cumulo di macerie in una citt devastata dai bombardamenti, il teatro venne rimesso in piedi nonostante la penuria di mezzi. La Prima, sotto la direzione di Arturo Toscanini, segn il riscatto milanese. Era 1' 11 maggio 1946. La citt si trovava a un bivio. Come la Scala, imbocc la strada della ripresa.
Anche in questi giorni le vicende del teatro sembrano riflettere e ricalcare quelle della citt.
Riaperti i battenti dopo un restauro straordinario, la Scala sembra non avere prospettiva. In breve tempo abbiamo assistito al licenziamento del sovrintendente Carlo Fontana. Poi sono venute le dimissioni del maestro Riccardo Muti, l'annuncio di quelle del nuovo sovrintendente Mauro Meli, quelle di Fedele Confalonieri e di altri consiglieri dalla Filarmonica. In queste ore si parla di un possibile addio di Gonfalonieri anche al consiglio di amministrazione della Scala. Un quadro devastante, che non pu essere ridotto solo al contrasto sindacale, come si tenta di fare.
Come Milano, la Scala di nuovo a un bivio. Come nel '46 si deve decidere, per la citt e per il suo teatro lirico, se possibile costruire un futuro praticabile e di prestigio. Certo non aiuta l'assenza del sindaco dalla scena. A dire il vero, Albertini aveva tentato di risolvere a modo suo il problema. Proprio allora il caso Scala si complicato al punto da dover interpellare il prefetto, per una mediazione. Le dimissioni di Confalonieri dalla Filarmonica, dal sottile sapore di ripicca, fanno ripiombare la vicenda nel buio.
Confalonieri non un imprenditore qualsiasi. Innanzitutto il numero uno di Mediaset. In secondo luogo, il candidato indicato da Albertini per la successione a Palazzo Marino, ammesso che i milanesivogliano ancoraessere governati da una maggioranza di centrodestra. Il Confalonieri che, sdegnato, abbandona il campo il rappresentante principale del sistema politico ed economico che ha accompagnato la Scala privatizzata sull'orlo di una crisi apparentemente senza sbocco. Il pericolo pi grande, a questo punto, che prevalga la tentazione di contrapporre un muro a un altro. Che chi sta alla guida della Fondazione Scala si lasci trascinare dal complesso di Sansone, aggiungendo macerie a macerie.
L'interesse del teatro, ma prima ancora della citt, che le parti in campo riescano a recuperare lucidit e senso civico: l'obiettivo comune, oggi pi che mai, non disperdere quel patrimonio inestimabile rappresentato dalla Scala. Raggiungere questo traguardo riguarda anche i partiti di centrosinistra, chiamati dai milanesi a dare prova di maturit e capacit di governo. Se vero che la dimensione aziendalistica non in grado di individuare una via d'uscita per la Scala, perch anzi uno degli elementi che complicano la situazione, sono le forze dell'opposizione che devono farsi carico della parte pi costruttiva. Mettano in campo proposte, di uomini e di risorse. Lavorino, questi partiti, a stemperare le tensioni. La prospettiva del commissariamento non pu essere ineluttabile. N quella indicata dal centrodestra l'unica strada percorribile.il destino della Scala anche nelle mani, e nell'intelligenza, di chi legittimamente sicandidaal governo della citt.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news