LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Curatola: In Iraq per salvare l'arte islamica
Giovanna Dal Bon
Corriere del Veneto 10/4/2005

È uno degli esperti impegnati ad avviare l'opera di recupero e salvaguardia del patrimonio artistico iracheno. In quel Paese ha trascorso un lungo
periodo, chiamato dal Cpa (Civil provisional authority, il governo provvisorio). Giovanni Curatola, 52 anni, toscano, da molti anni abita a Venezia ed è docente di Archeologia e Storia dell'arte musulmana all'Università di Udine. Segno distintivo: un papillon sgargiante che non ha omesso di indossare neppure nel periodo nevralgico a Bagdad.
Quando è iniziata la sua missione in Iraq?
«Nel dicembre 2003, presso il governo provvisorio guidato dal plenipotenziario di Bush, Paul Bremer, fino al 28 giugno scorso. Un ministero è stato offerto come direzione politica agli italiani, con un ambasciatore, Mario Bondioli Osio, sotto la cui guida abbiamo operato».
In quanto archeologo ed esperto di arte islamica qual era il suo compito?
«Indipendentemente dalle nostre specifiche competenze ci siamo trovati a occuparci di tutti i problemi riguardanti la cultura, a 360 gradi: dalla danza al cinema, alla musica, le biblioteche... un'emergenza da pronto soccorso. Ognuno poi è intervenuto in modo mirato. Io, in quanto islamista, mi sono occupato del monitoraggio capillare dei monumenti, delle moschee».
Qual è stato il primo impatto con la realtà dissestata di Bagdad?
«Nessuno era ancora andato a controllare lo stato di salute dei monumenti. Sono subito andato in giro per la città e mi sono reso conto che i danni alle opere d'arte erano molto inferiori a quanto ci si aspettava».
Come avete operato?
«Dall'inizio in sinergia con gli iracheni. Mi è stato chiesto di che cosa avevo immediato bisogno. Ho risposto: una macchina per gli spostamenti, un autista, due storici dell'arte e un fotografo. Prendevo ogni giorno precauzioni per la sicurezza, partivo sempre a orari diversi. Gli spostamenti venivano resi noti all'ultimo momento».
Dov'era il vostro quartier generale?
«Dentro la green zone, con le altre forze d'occupazione. Stavamo nel Palazzo di Saddam, spaventosamente enorme».
Come hanno preso gli iracheni questa «intromissione» nelle loro questioni?
«Come solidale condivisione del loro dramma. Il nostro atteggiamento è stato da subito quello di far capire che non si era lì per comandare o decidere, ma per mettere a disposizione le nostre esperienze e collaborare. Si è trattato soprattutto di instaurare rapporti personali, di correttezza. Il ministro alla Cultura, Mufid al Jazairi, è una persona di grande fascino e capace; un curdo, con il quale si è instaurato un rapporto di reciproca stima e collaborazione. Va detto che a differenza degli americani, che hanno modalità operative diverse, e diverse responsabilità, noi italiani abbiamo avuto un contatto più immediato. E poi, dal punto di vista archeologico, museale, sono quarant'anni che operiamo in Iraq. Per esempio con il Crast, il Centro ricerche archeologiche e scavi Torino, diretto dal professor Giorgio Gullini, recentemente scomparso. Spesso mi sono sentito dire "abbiamo bisogno di avere accanto degli amici"».
Come era scandita una sua giornata tipo a Bagdad?
«Mi alzavo presto la mattina, colazione alla mensa in uno degli enormi saloni del palazzo di Saddam. In ufficio per controllare le email e programmare gli spostamenti. Alle 7.30 si univa il Consiglio dei ministri. Poi discussione sul da farsi con il ministro della Cultura e alla direzione delle antichità che coincide con il Museo Nazionale di Bagdad. Poi la mia giornata trascorreva fuori dalla green zone anche se per mandato saremmo dovuti stare all'interno degli uffici».
Che cosa contiene il Museo Nazionale di Bagdad?
«Un enorme patrimonio. È un museo gigantesco, con circa 600mila pezzi di cui 200mila sono tavolette con scritte cuneiformi».
Si è tanto parlato delle ruberie e dei saccheggi. Che cosa è rimasto e in quali condizioni?
«Dopo il saccheggio sono spariti circa 10mila pezzi, questa è più o meno la stima. Il materiale restante è stato messo in sicurezza. Sono stati trasferiti nei depositi tutti i pezzi custoditi nelle vetrine danneggiate. Il museo adesso è chiuso, apre solo per gli addetti ai lavori o per personalità di passaggio a Bagdad. Si tratta di rimettere in moto la macchina amministrativa, trovare i finanziamenti, e farlo ripartire».
Qual è l'intervento italiano in questa direzione?
«Abbiamo curato interamente un settore molto importante, che è quello del restauro, di concerto con il nostro ministero dei Beni culturali. Abbiamo ristrutturato il laboratorio di restauro che non funzionava da anni, mancavano tutte le strutture. Abbiamo fatto lezione agli iracheni perché familiarizzassero con le tecniche di restauro. C'è un progetto nostro per far riaprire tre sale del Museo tra cui la sala Hatra che riguarda uno scavo molto importante che abbiamo fatto noi italiani. Fino alla fine di giugno del 2004 questo intervento è stato possibile, poi le condizioni di sicurezza sono diventate proibitive. Noi stiamo andando avanti, vedremo se ci permetteranno di ritornare. C'è un progetto, in via di costruzione, del ministero degli Esteri e del Cnr, di fare un Museo virtuale di Bagdad».
Quali sono i prossimi progetti?
«Una mostra in maggio a Udine con il materiale che documenterà le varie attività italiane in Iraq per la salvaguardia del patrimonio artistico. Fra queste, quella importante dei carabinieri nella regione di Dhi Qar (Nassiriyya)».
Che cosa le è rimasto da questa esperienza?
«La sensazione di essere stato utile».



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news