LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

AMBIENTE E SVILUPPO: In Val d'Orcia l'Italia virtuosa
Il sole 24 ore 13-04-2005


Ambiente "vittima" del declino del Paese.
Ma anche arma principale per contrastarlo. Sono le due facce di una realt, a pi tinte e velocit, fotografate dal rapporto Ambiente Italia 2005 di Legambiente. Un'analisi a tutto campo sui principali indicatori che misurano lo stato di salute del Paese. Flash che evidenzia ritardi notevoli e modelli interessanti, in cui l'ambiente motore di crescita e di sviluppo economico, fattore di competitivit che garantisce buona qualit della vita e business.
Come nel caso della Val d'Orcia in Toscana. Uno degli esempi della piccola grande Italia, un'evidenza delle potenzialit della competitivit ambientale fondata sulla qualit spiega Duccio Bianchi, curatore insieme ad Ermete Realacci dell'analisi che sar presentata domani.

Un'area che con turismo di qualit, riqualificazione dei borghi, valorizzazione dei prodotti agricoli locali ha segnato record di crescita. Un successo economico che ha visto ira i) '96 e il 2001 una crescita del valore aggiunto doppia (+28%)rispetto a quella nazionale(+11%), con aumento degli occupati del 21% contro il 6% nazionale.

Ma accanto ad esempi di questo tipo il Rapporto evidenzia ancora forti criticit, il ritardo del Paese in tema di tutela ambientale, contenimento dell'abusivismo edilizio, illeciti ambientali, smaltimento dei rifiuti, dissesto idrogeologico, nelle fonti rinnovabili di energia.


Anche se le stime sulle emissioni segnalano un trend decrescente, i livelli di inquinamento nelle aree urbane restano elevati. Benzene e pmlO rappresentano le forme di inquinamento pi preoccupanti per gli effetti diretti sulla salute.

I livelli di pm 10 continuano infatti a rappresentare un grave problema per molte citt: in38 sui 71 comuni capoluogo che hanno rilevamenti (nel 54% dei casi) vi almeno una centralina che ha registrato un valore medio annuo superiore al valore limite tollerabile.

Situazione che peggiora rispetto allo scorso anno, sottolineano i curatori del Rapporto, quando i comuni che non rispettavano i limiti erano il 45%.
La qualit dell'aria in genere migliorata da 10 anni sottolinea Bianchi il problema per che questo miglioramento, favorito da un maggior utilizzo del metano e dal numero crescente di vetture catalizzate, si interrotto anzi facciamo passi indietro con aumenti dei valori delle polveri sottili perch alcune delle cause strutturali di questa realt non sono state rimosse.

Per non parlare del fronte rifiuti: in molte regioni, soprattutto al sud si fronteggia una vera e propria emergenza. Cresce intanto la produzione: nel 2003 ha superato i 30 milioni di tonnellate, con forti scarti tra le regioni: dai minimi registrati in Molise e Basilicata (rispettivamente 372 e 431 kg per abitante) ai massimi di Toscana ed Emilia (rispettivamnte 671 e 640 kg). E anche se cresce la raccolta differenziata (in media nazionale al 21,5%) l'Italia secondo l'analisi di Legambiente non ha centrato gli obiettivi di legge per il recupero da rifiuti urbani. Nel 2003 infatti solo Veneto e Lombardia hanno superato l'obiettivo del 35% di raccolta differenziata e solo 5 regioni del Nord hanno registrato il 25% (deciso per legge nel 2001). Lo scarto tra nord e sud del Paese in materia di gestione dei rifiuti ammonisce Legambiente resta forte e inalterato.

Oltre al Lazio, tutto il sud (tranne Abruzzo e Puglia) resta anche sotto il 10%.

In un confronto (su dati 2001) su scala europea il tasso di recupero dell'Italia 10 punti sotto la media europea e lontano da Germania (42%), Olanda (45%) e Austria (60%). Migliora per la capacit di trattamento meccanico-biologico. Mentre pi lento l'adeguamento della capacit di recupero energetico ancora oggi concentrata nel centro-nord del Paese e giunta a 3,1 milioni di tonnellate. La precariet del sistema di smaltimento ancora molto accentuata in varie zone, con una vera e propria emergenza in Campania. Lo sviluppo della raccolta differenziata e della capacit di trattamento tecnologico ha provocato una riduzione dei conferimenti a discarica pari a 4 milioni di tonnellate rispetto al 2000.

Sul fronte abusivismo e illegalit ambientale l'allarme resta alto. Nel 2003 dopo la frenata dell'anno precedente, si registrata una nuova e forte impennata degli illeciti (+33%), delle persone denunciate (+18%), raddoppiati sequestri e arresti. Con picchi nelle regioni del centro sud. Fenomeni di criminalit che mantengono livelli inaccettabili per un paese civile. Riduzione degli alti livelli di inquinamento acustico, gestione ambientale dei comuni, miglioramento dell'efficienza energetica delle abitazioni, riduzione dell'inquinamento atmosferico, rappresentano ancora le sfide pi urgenti per cittadini e classe dirigente. Anche l'ambiente paga il prezzo della crisi economica sottolinea Roberto della Seta Presidente di Legambiente vittima del declino ma anche parte integrante e decisiva delle strategie pi efficaci per contrastarlo.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news