LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Axum, sbarca l'Unesco per indagare sulla sicurezza del sito
Paolo Brogi
Corriere della Sera - cronaca Roma 13/4/2005

«Dobbiamo capire bene che cosa c'è nel terreno, siamo in mezzo a una zona di tombe ipogee, non vorremmo che dopo tanti sforzi l'obelisco venisse inghiottito dalla terra di Axum, per ora abbiamo individuato solo muretti sotterranei...». La voce di Rodolfo Fattovich, l'archeologo alle prese con l'ultimo e più inquietante rebus per il ricollocamento dell'obelisco, giunge quasi a fatica dalla lontana Etiopia. Mentre a Roma si consuma l'ennesimo stop nell'annosa vicenda del ritorno a casa della stele trafugata sdal fascismo, ad Axum sono iniziate altre indagini.
Per ora nella cittadina del Tigrai sono arrivati solo loro, i sei esperti dell'Unesco. Sono sbarcati sabato scorso e da lunedì hanno cominciato ad operare. Sono sei tecnici che il «bureau» di Parigi ha inviato sul posto in accordo con i governi italiano ed etiopico. Li guida Elisabeth Wangary, responsabile per i siti patrimonio dell'umanità in Africa. Con lei Jim Williams e A. Merlo, sempre dell'Unesco e tre «esperti» ingaggiati ad hoc: l'ingegnere dell'Enea Morgantini, la geofisica della Sapienza Luciana Orlando e l'archeologo Rodolfo Fattovich dell'Istituto Orientale di Napoli. Tutti alle prese con l'ultimo rebus.
Scopo della missione è infatti lo «studio d'impatto» per il ritorno dell'obelisco. Tutti gli occhi sono rivolti al professor Rodolfo Fattovich, archeologo di fama, e grande esperto di antichità nubiane ed etiopiche, strappato ai suoi studi presso l'Istituto Orientale di Napoli. Da lui l'Unesco vuole l'ultima parola sul sito in cui deve tornare l'obelisco. La domanda è: cosa c'è sotto il punto esatto che le autorità scientifiche e governative etiopi hanno scelto, con un'opzione a metà tra il sacro e il politico, per il ricollocamento dell'obelisco ad Axum?
Secondo l'Iccrom, che ha effettuato uno studio sul problema, il terreno, pur friabile, è ok. Un bacino di calcestruzzo posato sul tufo dovrebbe risolvere la questione, consentendo all'obelisco di 160 tonnellate di avere un fondamento su cui reggersi.
Diverso l'input dell'Unesco. A farla accorrere ad Axum sono stati infatti i risultati di due campagne archeologiche condotte dagli inglesi nella zona, tra il 1973-74 e il 1993-'97, che hanno scoperto
proprio in quella zona una serie di tombe ipogee unite da un dedalo di cunicoli sotterranei.
L'ìngegner Giorgio Croci, lo «strutturista» italiano incaricato dell'operazione conclusiva, affronta la novità così: «Verificherò anch'io con gli esperti Unesco e se sarà necessario ideeremo insieme le opportune opere di sostegno per garantire l'incolumità del monumento». Per Croci, dunque, l'eventualità di dover ripiegare su un altro punto è al momento «remota».
L'Unesco sta procedendo invece in punta di piedi. «Stiamo verificando -spiega da Axum al telefono il professor Fattovich, reduce dalla seconda giornata di sondaggi -. Operiamo con un controllo geologico e col georadar su un terreno in effetti friabile, di tipo tufaceo. Secondo i miei colleghi inglesi là sotto, a una profondità di cinque metri, ci sono delle tombe con dei pozzi che scendono in profondità e alla cui base si aprono cunicoli a raggiera per le camere sepolcrali. Insamma un piccolo labirinto. Al momento abbiamo individuato solo muretti. Presto avreno un'idea generale sul punto prescelto per rimettere in piedi la grande stele».
Il saggio è stato appena avviato, prematuro prevederne il risultato. «Effettueremo il rilevamento geofisico di tutta l'area circostante - aggiunge l'archeologo -. Insomma, al momento non si può aggiungere altro».
La scoperta di questo ulteriore tassello problematico è emersa da poco. Merito degli studiosi che si sono ricordati delle ricerche archeologiche effettuate ad Axum e che hanno fatto scattare quest'ultimo allarme. Tocca ora a un'esperta della Sapienza di Roma, a un ingegnere dell'Enea e a un archeologo dell'istituto Orientale di Napoli dire l'ultima parola sull'ultimo anello dell'annosa questione: è ok oppure no il posto prescelto per il ritorno dell'obelisco? «Nessuno, qui - rispondono da Axum - vuole che l'obelisco cada a pezzi inghiottito da una voragine del terreno...». Sempre che ci sia un Antonov che ce lo porti.



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news