LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

RIAPERTURA Nuova«lettura» per i capolavori della Pinacoteca
13 APR 2005 il Giornale cronaca Milano



Riapre dopo 4 anni la civica raccolta d'arte del Castello Sforzesco: con opere selezionate e un percorso espositivo
che integrai diversi linguaggi dell'arte


Dopo poco più di quattro anni torna nei suoi spazi la Pinacoteca dei milanesi, quella del Castello, dal 2000 visitabile solo in parte per lavori di restauro e di adeguamento tecnologico.
Il nuovo allestimento studiato da Valter Palmieri e curato da Mauro Natale, amico e allievo di Federico Zeri, si inaugura (a inviti) lunedì alle 18.30.
È un percorso espositivo che ripercorre, attraverso 230 opere selezionate - tra cui capolavori di Antonello da Messina, Mantegna, Foppa, Cesare da Sesto, Procaccini, Cerano, Bellotto e Canaletto - le tappe principali della pittura lombarda. Ma l'itinerario cronologico che dalla meta del XV secolo giunge alle soglie del Neoclassicismo si snoda ora su un nuovo percorso. Fatto di sequenze, di accostamenti, di confronti che esaltano i capolavori, le scuole, gli autori e lo spirito dell'intera collezione. Una delle più innovative connotazioni di questa nuova disposizione espositiva è la presenza di opere scolpite: medaglie, bassorilievi lignei, sculture in terracotta e marmo accostati e confrontati ai dipinti coevi. In questo modo, le tele, le tavole, i quadri da stanza, le grandi pale d'altare, gli affreschi e , le miniature, testimoniano i passaggi salienti della storia dell'arte in Lombardia. Superando l'aspetto canonico della pittura, ai dipinti è accostata una rassegna di manufatti, scolpiti o intagliati, proposti con l'intento di far apprezzare l'unitarietà del linguaggio dell'arte e l'articolazione delle sue espressioni. Sono così restituiti al .pubblico, in una loro «lettura» ottimale, capolavori quali il «San Benedetto» di Antonello da Messina o la «Madonna col Bambino» del Foppa. Quella che è ospitata al Castello davvero può essere definita la Pinacoteca dei milanesi.
Non solo perché è costituita in buona parte da opere prodotte in ambito meneghino e lombardo, ma soprattutto perché la sua stessa origine è legata alla generosità -tutta ambrosiana - di alcuni collezionisti milanesi.
Furono loro che, a partire dall'Unità d'Italia, donarono alla città le loro raccolte. Decisivo, «fondativo», fu in questo senso il lascito di Antonio Guasconi, che nel 1864 donò alla città una cinquantina di dipinti di grande qualità. Si era costituito il primo fondo della Pinacoteca. Incrementato un paio d'anni dopo da altre donazioni, come le circa duecento opere lasciate dal conte Bolognini. Il restauro del Castello ad opera di Luca Beltrami fu l'occasione per risolvere, e in modo prestigioso, il problema di una sede (ai giardini di Porta Venezia) diventata insufficiente. E nel 1897 le «Civiche raccolte d'arte» trovarono adeguata sistemazione nella corte ducale.
Dalla sua origine ad oggi sono stati 93 i benefattori della Pinacoteca, che oggi possiede 1508 dipinti. Accanto al continuo flusso delle donazioni ci sono .stati anche gli acquisti straordinari del Comune, come i Canaletto e il Bellotto negli anni 1995 e 1998. Grazie a queste iniziative, essa può esporre oggi opere dei due massimi capiscuola veneti della veduta. Di Antonio Canai, detto Canaletto, sono il «Molo verso la Riva degli Schiavoni» e il «Molo verso la Zecca»; senz'altro milanese, e di cultura preilluminista, è il committente del «Palazzo dei Giureconsulti e il Broletto» di Bemardo Bellotto, una veduta databile 1744 che tramanda in forma originale uno dei luoghi simbolo della città.

Da martedì, in occasione della riapertura - ricordiamo che sarà a pagamento: 3 euro



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news