LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Piero Dorazio: L'arte muore senza lo Stato
Gabriele Simongini
Il Tempo, 12/4/2005

Profetico, libero, anticonformista, cosmopolita: Piero Dorazio. Sfogliando la sua raccolta di scritti compresi fra il 1945 e il 2004 ed ora pubblicati da Silvia editrice nel volume Rigando dritto, ci si accorge che un artista come Dorazio, astrattista di fama internazionale, ha messo sul tappeto prima di tutti tante questioni dell'arte che solo ora sono esplose con piena evidenza. In primis, la decadenza e il progressivo impoverimento della Biennale di Arti Visive di Venezia, nella quale da alcune edizioni stato abolito il padiglione italiano, lacuna che perdurer anche nella mostra del prossimo giugno. Ora, di fronte ad una manifestazione sottomessa alla massificata globalizzazione internazionale, tutti gridano allo scandalo ma come chiudere il recinto quando i buoi sono scappati.
Da molti anni Dorazio chiede pubblicamente che all'interno della Biennale di Venezia e della Quadriennale di Roma gli artisti tornino ad avere anche un ruolo decisionale, come avveniva nel passato, in occasione delle migliori edizioni delle due manifestazioni. Nel '95 Dorazio ha sottolineato che continuando cos la Biennale rischia di morire: poich, rifiutando la consueta collaborazione degli artisti ai programmi espositivi, i responsabili di quell'istituzione hanno bruciato l'ultima carta valida che l'Italia poteva mettere in gioco nella competizione artistica internazionale.
L'origine di tutto ci sta nel fatto, secondo Dorazio, che dai tempi di Bottai, nessun uomo politico italiano si fatto veramente carico delle responsabilit che lo Stato si deve assumere nella promozione della cultura e dell'arte. Nessun governo italiano si mai posto il problema di una politica culturale. E cos - continua l'artista romano - nel corso del tempo sono diventati responsabili diretti della Biennale solo coloro che rappresentano interessi di parte e ciambellani di politici incompetenti.
In occasione dell'ultima, criticatissima edizione della Biennale tenutasi nel 2003 Dorazio ha sollecitato pubblicamente un intervento del Ministro dei Beni Culturali Giuliano Urbani per salvarla, bloccare questo costoso scempio dell'Arte Moderna, questa sciorinatura di presuntuose banalit che rischia di dare il colpo di grazia alla pi prestigiosa Esposizione d'Arte del mondo, ormai seriamente compromessa da anni. Interventi come questi e ora raccolti nel nuovo volume sono stati pubblicati dal nostro giornale e dal "Corriere della Sera". Solo adesso, per, di fronte all'evidente crisi della Biennale, ci accorgiamo di quanto fossero tempestivi e di quanto siano ancora pienamente attuali se ascoltati dalle istituzioni competenti.
Degne di nota sono anche le polemiche di Dorazio con due Ministri dei Beni Culturali come Antonio Paolucci e Giovanna Melandri, accusati di escludere gli artisti da ogni decisione che pur riguarda il loro futuro e di non voler sostenere l'arte italiana contemporanea nel sempre pi serrato e competitivo confronto internazionale. Del resto da parecchi anni Dorazio sostiene che bisognerebbe realizzare una grande mostra sullarte italiana che va dal 1890 al 2000 per farla girare nel mondo e dimostrare a tutti la sua qualit, non seconda a nessuno.
Anche se forse ne costituisce la parte pi elettrizzante l'insieme degli scritti polemici (vanno segnalate anche le controversie con Argan, Flaiano, Guttuso, Gae Aulenti e via discorrendo) non esaurisce affatto la ricchezza dei contributi scritti di Dorazio, pittore che crede fermamente nella necessit di un intervento a tutto campo nella societ, prima di tutto affidato all'opera d'arte ma sempre affiancato dalla teoria, dalla difesa degli ingegni migliori, per tutelare la libert degli artisti da ogni condizionamento.
In questo volume (curato da Massimo Mattioli) ci sono incontri illuminanti con Mir, Matisse e Braque, il racconto della riscoperta da parte di Dorazio nel secondo dopoguerra del futurismo da tutti dimenticato, i ritratti e gli omaggi alla grandezza di personaggi del calibro di Giacomo Balla, Gino Severini, Enrico Prampolini, Giuseppe Ungaretti, Lionel-lo Venturi, Sebastian Matta, solo per citare alcuni nomi, a cui il nostro astrattista stato legato da profonda amicizia.
Ogni scritto di Dorazio caratterizzato da uno stile chiaro e energico come la sua pittura. Dietro ogni suo intervento ci sono sempre l'umanit e l'etica di un uomo e di un artista che ha sempre vissuto, come dice il titolo del volume, Rigando dritto, anche in pittura, con le sue luminescenti bande di colore. Ancora, adesso Dorazio quel coraggioso "cowboy" che guarda lontano, seduto sull'asfalto di un'autostrada americana, in pieno deserto, come lo ritrae una foto degli anni Cinquanta che fa da copertina al libro.




news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news