LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Vieste, il faro non si tocca
Antonella Caruso
Corriere del Mezzogiorno - Bari 10/2/2014

I ponti uniscono ovunque ma non a Vieste dove una passerella in legno e acciaio comparsa sull'isolotto del faro, una delle "cartoline" della splendida cittadina garganica, non solo ha diviso la popolazione locale, ma ha scatenato una vera e proprio mobilitazione. Finita sulle scrivanie del ministero per le infrastrutture grazie ad una interrogazione parlamentare. Ministero che però, va detto, quel lungo collegamento ha autorizzato con il provveditorato interregionale alle opere pubbliche. Un pasticcio, l'ennesimo, consumato all'interno del grande parco nazionale del Gargano. L'isolotto di Sant'Eufemia, un enorme scoglio che si trova proprio di fronte alla città di Vieste, sin dall'antichità è risultato strategico data la sua posizione per le rotte di navigazione in Adriatico. Il faro fu progettato nel 1867 e la torre con la lanterna si trova da allora sulla vecchia abitazione, rimasta vuota dopo che l'ultimo fanalista lasciò l'isolotto a seguito dell'automazione.
Greci e latini dovevano conoscere bene quell'isolotto perché nel 1987 fu scoperta una grotta le cui pareti all'interno presentano iscrizioni votive in greco e latino che gli studiosi hanno collocato nel III secolo a.c. Preghiere, probabilmente incise sulle pareti dai marinai in navigazione. I viestani amano quell'isolotto e il loro faro, d'estate è ammirato e fotografato da migliaia di turisti. Ma il Comune tempo fa ha deciso di progettare e costruire una passerella di collegamento lunga circa 150 metri e larga 1.35 metri per consentire il collegamento tra il pontile galleggiante ed un vialetto di accesso al faro. La protesta è esplosa all'improvviso, quando a Vieste si sono accorti una bella mattina che nell'isolotto di Sant'Eufemia c'era movimento e che si stava montando la passerella. Infrastruttura autorizzata persino dalla Sovrintendenza per i beni archeologici della Puglia. Nel 2011 il Comune chiede al ministero delle infrastrutture e dei trasporti l'autorizzazione per eseguire lavori di costruzione di un nuovo attracco per il faro. Le ragioni sono legate a questioni di sicurezza. Ma ad un certo punto nelle carte del progetto compare la passerella. Si susseguono le conferenze di servizio, non è chiaro se il parco nazionale del Gargano sia stato coinvolto; fatto sta che quello che per i viestani è «un pugno nell'occhio» ottiene persino pareri favorevoli dal punto di vista paesaggistico. Ora l'opera è bloccata. E si spera che il ministero torni sui suoi passi.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news