LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Aiuto, sta cambiando la lettura
Fiorella Iannucci
Il Messaggero, 12/4/2005

Amano la pagina scritta e ben illustrata. Adorano farsi raccontare storie. E continuano a stracciare i poveri "record" di mamma e pap. Nel 2004, il 64% dei bambini tra i 5 e i 13 anni, ha letto almeno un libro (non scolastico), contro il 41.4% degli adulti. Lo afferma la ricerca che l'Aie, l'associazione degli editori, pubblica in occasione della Fiera di Bologna, il pi importante appuntamento internazionale dell'editoria per ragazzi. I dati, freschissimi, rilevano, ancora per lo scorso anno, comportamenti consolidati: leggono pi le bambine dei maschietti (rispettivamente il 47% contro il 44% tra i 6-10 anni e il 65% contro il 56% tra gli 11 ei 13); i ragazzini del Nord (61% nel Nord ovest, 64% nel Nord est) rispetto a quelli del centro (50%). del Sud (30%) e delle Isole (33%). E' leggermente aumentato il numero dei libri acquistati (da 1,7 del 2001 al 2,1 del 2003, mentre la "quantit" di quelli pubblicati rimasta, negli ultimi anni, praticamente invariata (2089 titoli nel 2000 contro i 2060 del 2003).
Tutto oro quello che luccica? Niente affatto. Perch, sotto le rigide maglie di statistiche e percentuali, qualcosa si va lentamente assottigliando: la lettura. Meglio, la "qualit" della lettura. Per dirla con Giovanni Peresson. sensibilissimo osservatore di scenari e trend, esiste un preoccupante rallentamento in termini di crescita del mercato, accompagnato da un allontanamento precoce dal libro. Spiega il responsabile dell'Ufficio studi dell'Aie: Un dato appare chiaro: le aziende che operano all'interno di questo importante segmento non possono pi contare su una domanda progressivamente crescente. Esattamente come accade nel mercato dei libri per adulti, al quale quello riservato ai pi piccoli, per molti versi, va allineandosi. E non solo per l'andamento discontinuo (solo nel 1997 i bambini-lettori erano il 71%; scesi al 60% nel 2001). Ma per tipo di comportamento: non ultima la ricerca spasmodica del best-seller alla Harry Potter (L'ordine della fenice, di Jeanne K. Rowling stato il libro in assoluto pi venduto nelle librerie italiane nel 2003, seguito da Il giro di boa di Andrea Camilleri). capace di aggiustare conti e far risalire bilanci, spesso a scapito della ricchezza del catalogo.
Se analizziamo cosa successo in un arco relativamente ristretto di anni, dal 1997 ad oggi, ci accorgiamo che il mercato potenziale della lettura infantile ha perso oltre 500 mila bambini. E il calo della natalit non sufficiente a spiegare una tale contrazione, insiste Peresson. Piuttosto, iniziata la lenta emorragia di lettori "forti" anche tra gli under 14. Spiega l'analista dell'Aie: Nel 1997, il 26,5% dichiarava di leggere almeno un libro, un altro 18,9% due e il 50,8% oltre tre. Vi era poi un 3,8% di 5-13enni che era sicuro di aver letto dei libri, ma non ricordava quanti. Nel 2004 la situazione radicalmente cambiata. I lettori di un solo libro restano il 25%; quelli di due il 20,3%. Ma coloro che ne leggono pi di tre sono scesi al 42,2%. Quanto agli "smemorati", sono triplicati: il 12,5% del campione.
Dunque, sta cambiando il modo di leggere. Come se la lettura "scivolasse via", tra le tante attivit in cui il teenager si trova impegnato, nota Peresson. Perch proprio tra la fascia dei pre-adolescenti e dei giovani adulti che la "disattenzione" al libro pi forte. Ed inutile prendersela con l'invadenza delle tecnologie (il 29% dei ragazzini ha un suo telefonino personale: il 63% ha in casa un computer), con gli innumerevoli impegni extrascolastici (dall'attivit sportiva allo studio della seconda lingua) o con la tv (a cui i pi piccoli dedicano 80 minuti al giorno, contro i 5-6 minuti che riservano alla lettura).
In realt, e nonostante le apparenze, qualcosa sta cambiando, e in peggio, nel mondo del libro per ragazzi. Le biblioteche specializzate sono di pi, certo, ma hanno meno risorse rispetto agli anni 90. La scuola non sempre buona maestra in fatto di promozione della lettura (come spiegare altrimenti l'esclusione della letteratura per l'infanzia dai programmi delle elementari?). E le scelte editoriali, sempre pi "massificate", non promettono nulla di buono.
Semmai, c' un nuovo trend da registrare. Riguarda i libri per piccolissimi, i bambini da O a 5 anni che, ovviamente, non sanno ancora leggere. Ebbene, sono proprio loro a incrementare le vendite del mercato, con una crescita in valore, tra il 2000 e il 2003, del 20 per cento. Di pi: per la prima volta, nel 2003. il numero dei libri rivolti ai pi piccoli (0-7 anni) ha superato quelli dei pi grandi (8-14 anni): 1.115 contro 945. E' quanto emerso nel recente convengo "Cominciare da piccoli", organizzato dall'associazione Nautilus per la prima edizione del festival milanese "Quantestorie". L'epifania delle proposte editoriali, sempre pi originali e seducenti, e progetti di promozione della lettura come "Nati per leggere", si sono dimostrati vincenti. Un'indagine nazionale dei pediatri su 6 mila famiglie, negli anni 2001-2004, rivela che il 19% dei genitori legge una fiaba o sfoglia un libro di figure con i propri figli, anche solo per pochi minuti, almeno cinque giorni alla settimana, dice Gian-carlo Biasini, pediatra, tra i fondatori dell'associazione "Nati per leggere". Si comincia a pensare tra parole e figure. Inoltre, attraverso un libro, si costruiscono relazioni significative tra adulto e bambino, dice Roberta Cardarello, docente di Didattica generale all'Universit di Modena e Reggio Emilia. E la promozione del libro non pu non partire proprio dalla culla. Il rischio che gli editori si scavino una nicchia "protetta", abbandonando i progetti per quei giovani adulti sempre pi recalcitranti di fronte alla lettura, osserva Peresson. Staremo a vedere.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news