LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palazzo Grassi, Costa a cena con Pinault a Parigi
S.S.L.
Corriere del Veneto, 12/4/2005

VENEZIA — Palazzo Grassi, le trattative con Pinault proseguono e la partita potrebbe chiudersi prima del passaggio di consegne tra il sindaco uscente Paolo Costa e il neoeletto primo cittadino che uscirà dal ballottaggio di domenica e lunedì. Ieri sera Costa era a Parigi a cena proprio con il «re della moda» Pinault e, se la definizione degli ultimi dettagli non incontrerà ostacoli, il nuovo accordo di cessione al magnate francese potrebbe essere sottoposto al consiglio di amministrazione (Cda) del Casinò già dopodomani.
La Casa da gioco ha convocato per giovedì il Cda, primo passo per la ratifica che deve passare anche attraverso l'ok dell'assemblea dei soci, da tenersi non prima di dodici giorni, come prevede lo statuto del Casinò. Ma i tempi per non cedere il pallino del gioco al nuovo sindaco, che subentrerà formalmente a Costa solo dopo quindici giorni dal ballottaggio, ci sono tutti. E dunque potrebbe essere l'attuale amministrazione ad arrivare, sia pure al fotofinish, alla consegna del Palazzo ai nuovi proprietari. Una prospettiva che rischia così di infiammare ulteriormente gli ultimi giorni della campagna elettorale.
Il più critico dei due candidati è Massimo Cacciari che, in questi giorni, non ha risparmiato gli attacchi nei confronti delle mosse del sindaco uscente e della Casa da gioco. Affondi dopo che i protagonisti veneziani hanno interrotto le trattative con Angelo Guido Terruzzi (il magnate ligure, industriale «re» del nichel, disposto ad acquistare il 95 per cento del Palazzo per collocarvi la sua maxi-collezione d'arte, «accontentandosi» del piano nobile e del teatrino). Tutto per preferire chiudere la trattativa con Francois Pinault, del cui gruppo fanno parte Gucci e Fnac. La critica di Cacciari nei confronti di Costa e del Casinò investe ovviamente in modo più che diretto l'avversario Felice Casson: il filosofo contesta all'ex giudice di non aver preso le distanze da un'operazione che anche all'interno della stessa giunta Costa ha incontrato non pochi oppositori.
A cominciare dall'assessore al Bilancio, Giampaolo Sprocati, tra i fautori e i principali sostenitori della trattativa con Terruzzi) che, nei giorni scorsi, aveva invitato a lasciar chiudere gli accordi al nuovo sindaco. L'accordo con Pinault non prevederebbe l'acquisto, ma una sorta d'affitto, con il pagamento delle spese sostenute dal Casinò per il passaggio di proprietà dalla Fiat (30 milioni di euro), in cambio del quale il collezionista francese otterrebbe l'80% della società che avrà in gestione il palazzo per i prossimi 60 anni.
Pinault (con il direttore artistico in pectore Jean Jacques Aillagon, ex ministro francese) vorrebbe collocare la propria collezione d'arte contemporanea nel teatrino, da utilizzare anche come show room per le sue numerose griffe.
Per quanto riguarda la gestione culturale del Palazzo e l'organizzazione delle mostre, il nuovo consiglio di amministrazione della società sarebbe nettamente sbilanciato verso i francesi: i membri nominati da Pinault sarebbero sette mentre il Comune ne nominerebbe uno soltanto, con un presidente di garanzia super partes.



news

21-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news