LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pubblica amministrazione : esteso il silenzio-assenso che snellisce le procedure
Eugenio Bruno
11-APR-2005 Il Sole 24-Ore


La discussione parlamentare sulla semplificazione amministrativa pu finalmente iniziare.
Nei giorni scorsi stato depositato alla Camera il disegno di legge sulla competitivit, varato dal Consiglio dei ministri dell'11 marzo e contenente una serie di interventi anti-burocrazia. Il testo va in due direzioni: corregge la legge 241/90 sulla trasparenza amministrativa e accelera il processo di delegificazione.

Le origini. L'intento di modificare temi e procedure dei rapporti tra utenti e pubblica amministrazione nasce quasi trent'anni fa. Di semplificazione, infatti, si parla dalla fine degli anni '70, anche se i primi interventi risalgono al 1990. Mettendo a frutto i lavori della commissione guidata da Sabino Cassese, la legge 241 crea dal nulla il diritto di accesso agli atti, il silenzio-assenso, il responsabile del procedimento, la conferenza di servizi, la dichiarazione di inizio attivit. Gli anni che seguono sono quelli dell'attuazione della "241". Protagonista di nuovo Cassese, nelle vesti di ministro della Funzione pubblica nel governo Ciampi. Nel '94 il processo si interrompe. E rester fermo per tre anni.

La svolta. Un nuovo impulso arriva con la riforma Bassanini nel '97. Prima con la legge 59, che riforma ampi strati dell'organizzazione amministrativa dello Stato e introduce la legge annuale di semplificazione; poi con la 127 (la cosiddetta Bassanini-bis) che introduce lautocerlificazione. Uno strumento che ribalta il rapporto tra cittadino e Pa, ma che non incide pi di tanto sulla vita delle imprese, che dovranno attendere ancora un anno per veder nascere, sempre da una costola della Bassanini, gli sportelli unici.

A essere coinvolti sono soprattutto gli atti di natura anagrafica, per i quali non pi necessario presentare l'apposita richiesta all'ente competente, ma basta la semplice dichiarazione dell'interessato. Fermo restando il compito degli uffici pubblici di verificare la veridicit di quanto dichiarato. Anche in questo caso, il periodo che segue monopolizzato dalla fase di attuazione.

Il recente passato. Nell'ultima legislatura l'attenzione si sposta sullo snellimento legislativo. In questa direzione va sia la riforma Frattini del 2001, sia il piano di delegificazione e codificazione varalo nel 2003. Ancora una volta restano fuori gli ostacoli burocratici incontrati dalle aziende.

Le novit. Si arriva cos ai giorni nostri. E, in particolare, ai due provvedimenti sulla competitivit recentemente emanati dal Governo: il decreto legge che attualmente al Senato per la conversione in legge e si limita ad ampliare l'ambito di operativit della dichiarazione di inizio attivit; il Ddl che appena arrivato alla Camera e contiene le novit
pi rilevanti.

In primis per le imprese, visto che estende l'auiocertificazione a ogni licenza, concessione o nullaosta (esclusi quelli in materia di difesa nazionale, pubblica sicurezza, amministrazione della giustizia, tutela della salute e della pubblica incolumit).
Ma anche per il cittadino, dal momento che trasforma il silenzio-assenso da eccezione in regola. Ogni ente ha 90 giorni di tempo per provvedere, a meno che, per uno specifico procedimento, non siano previsti tempi pi stretti. Anche in questo caso sono esclusi gli atti relativi al patrimonio culturale, paesaggistico o ambientale e quelli di competenza delle amministrazioni che si occupano di difesa nazionale, pubblica sicurezza e immigrazione.
Il Ddl contiene, infine, anche una delega al Governo a stabilire entro tre anni quali disposizioni legislative statali, tra quelle emanate prima del 1 gennaio 1970, vadano lasciate in vita o magari accorpate e quali, invece, siano da abrogare.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news