LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI: Arte e turismo: la città si ribella
Stella Cervasio
La Repubblica, ed. Napoli, 10/04/2005





Albergatori e operatori culturali sollevano il problema del Maggio. Il Comune: "Niente soldi, e i privati non prendono iniziative"



"Macché bocciati, non sappiamo vendere gli eventi"
In vista della prossima edizione del Maggio dei Monumenti, gli albergatori e gli operatori culturali napoletani lamentano la mancanza di un'adeguata comunicazione e pubblicizzazione degli eventi artistici e culturali della città. "Manca — dicono — un vero coordinamento sulle singole iniziative con le istituzioni. Se esistesse una sinergia, sarebbe un vantaggio per tutti". La replica del Comune, attraverso le parole dell'assessore Giulia Parente: "Non possiamo certo fare tutto da soli, il Comune non ha soldi e il Maggio non può attirare folle oceaniche di turisti stranieri". Qualche giorno fa, alla Borsa del Mediterraneo in corso alla Mostra d'Oltremare, è stata presentata una ricerca della facoltà di Economia che ha messo in luce le contraddizioni della gestione di turismo e cultura nella città. Tra i problemi, il rapporto qualità-prezzo. Gli albergatori si difendono: "Abbiamo i prezzi più bassi d'Italia, parliamo del 30-40% in meno".
A CHI li accusa di offrire un cattivo rapporto qualità-prezzo, gli albergatori e gli operatori turistici di Napoli rispondono con stupore. 1 loro prezzi, sottolineano, sono i soli ad essersi addirittura abbassati, se non sono rimasti quelli dell'anno scorso, 30-40 per cento in meno del resto d'Italia. La colpa non è certo loro, dunque, se Napoli in questa materia viene bocciata. La Borsa Mediterranea del Turismo in corso alla Mostra d'Oltremare ieri ha messo l'accento su altre ragioni del malessere di una città che si proclama "d'arte", salvo venir meno in alcuni fondamentali momenti.
Un sondaggio della facoltà di Economia ha rilevato insufficienze di vario genere. Quella che si ripropone però con maggiore insistenza e gravita è il coordinamento tra istituzioni che producono eventi e la "vendita" del prodotto nel resto d'Italia e all'estero. A metà strada sta l'informazione, la divulgazione di quanto accade a Napoli, che continuando a fare notizia per la cronaca nera e la mancanza di sicurezza, non ce la fa ad affermarsi nelle pagine culturali nazionali degli organi di informazione, imponendo quanto di buono produce.
Si da il caso che negli ultimi quindici giorni sia stato aperto un nuovo palazzo delle arti, Pan, che può ospita recentinaia di visitatori offrendo eventi multipli: "palazzoartinapoli.net " è il sito in cui vengono date tutte le informazioni sui tre program block espositivi che occuperanno l'intero anno e oltre, le visite didattiche, le proiezioni di artecinema. Collegarsi per credere. Ma Lòrànd Hegyi, il direttore artistico, afferma di essere stato costretto a fare
un"porta a porta" che tocca addirittura i singoli luoghi di ritrovo cittadini: ristoranti, alberghi. Una situazione nella quale si riconosce anche il teatro San Carlo, con la responsabile del marketing e biglietteria Patrizia Sughi. «Abbiamo battuto questa strada già da qualche anno, e comincia a dare i suoi frutti. Oggi abbiamo un notevole incremento di turisti stranieri nel nostro pubblico». Con il soprintendente Gioacchino Lanza Tornasi si era provato a inserire il lirico nel circuito di Artecard: «Ma non si sono avuti grandi risultati, purtroppo il coordinamento funziona soprattutto tra i musei». Pan, strapubblicizzato sui periodici specializzati, ha avuto poca risonanza tra i "comuni mortali". E sta in pieno centro, anche sotto gli occhi dei più distratti. C'è da preoccuparsi, allora, se la strategia dovesse essere la stessa, per Palazzo Donnaregina, in via Settembrini, l'altra struttura sponsorizzata dalla Regione e di prossima apertura, che si troverà in una zona da raggiungere apposta.
«Noi di Pan— dice Hegyi, che con Marina Vergiani "governa" Palazzo Roccella — abbiamo tre anni di mostre da raccontare sin da ora. Vorrei incontrare direttamente il direttore dell'ufficio del turismo, siamo in grado di concepire programmi speciali anche per i turisti e se ci informano sui periodi e la frequenza si può pensare insieme a una strategia della pubblicità. Il vero problema è una programmazione della comunicazione che in realtà non è stata ancora organizzata. Ma presto avremo una brochure, un folder da distribuire in giro».
«Vengo dall'esperienza del Maggio Fiorentino — racconta Patrizia Sughi — La Toscana ha una tradizione di associazionismo e cooperative che Napoli non ha, ma sarebbe vantaggioso per tutti se qualcuno che rappresenta le istituzioni riuscisse a riunirci intorno a un tavolo e a creare così un coordinamento». Concorda Martella Utili, direttore del Museo di Capodimonte. «Un tentativo ci fu con la mostra su Bacco di Caravaggio: promuovemmo una convenzione con i cinema. Devo dire che questo tipo di organizzazione non è infrequente: noi comunichiamo sempre alla soprintendenza regionale le iniziative,e loro le divulgano in una piccola pubblicazione, come fa anche Artecard. Poi c'è "Qui Napoli" dell'ente del turismo, che vedo spesso in circolazione». È evidente che però non basta, non esistendo un "Village Voice" napoletano per offrire le dritte giuste al visitatore senza che nessuna venga saltata. Pasquale Gentile è il presidente dell Adan, che riunisce 80 albergatori: «Non ho visto molta pubblicità né sulla mostra di De Chirico, né di Velàzquez. Bisogna investire in pubblicità fuori dalla Campania, stabilendo un adeguato budget, che poi risponde alla logica dell'investimento, valida anche quando si ha a che fare con bilanci ridotti. Recentemente l'assessore Luca Esposito ha espresso l'idea del budget per la promozione: una scoperta che non doveva essere fatta oggi, comunque è l'inizio di un discorso». Umberto Bausano, con i suoi due "tre stelle" nella zona flegrea, ha investito sul turismo del futuro. Ma nel frattempo risente del Maggio dei monumenti povero. «Ho ribassato i prezzi del 18 per cento—dice—ma non è bastato. È previsto come evento allettante solo un concorso ippico in piazza Plebiscito e perciò a questo proposito non è il caso di parlare di masse di turisti in arrivo. Per fortuna l'effetto deleterio della faida camorrista ha avuto un provvidenziale stop, ma sono troppe le variabili con le quali fare i conti».



news

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

Archivio news