LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Restauro, arma a due tagli
Pia Capelli
Libero 10 aprile 2005



Con la guida di Marco Ciatti, Direttore del Laboratorio di Restauro Dipinti Mobili dell'Opifcio delle Pietre Dure di Firenze, entriamo nei misteri delle antiche tecniche di restauro, scopriamo le tecnologie del futuro e capiamo perch a volte le opere appena restaurate ' stonano" ai nostri occhi.
In Italia le opere d'arte si restaurano, in senso moderno, sin dal Seicento ci spiega il professor Ciatti.

Oggi le tecniche pi antiche cadono progressivamente in disuso, altre vanno affinandosi, e nuove tecnologie, specie degli ultimi 30-40 anni di ricerca, consentono un approccio pi scientifico rispetto al passato. L'obiettivo utilizzare metodi sempre pi rispettosi della natura dell'opera d'arte e avviare interventi pi leggeri, mirati. Per quanto riguarda i dipinti murali, nel Settecento si iniziato a staccare le pitture dai muri per spostarle su supporti mobili, tavole o tele. Questo avveniva sia per necessit pratiche, cio per salvare dipinti che sarebbero andati distrutti (come nel caso dei centri medievali delle citt smantellati nell'Ottocento), sia per provvedimenti conservativi, cio preservarli dalle intemperie o combattere malattie che colpiscono l'intonaco, come la solfatazione, che lo trasforma in gesso e ne rende facile la distruzione prosegue Ciatti.

Due sistemi sono stati in uso per secoli: lo "stacco" e lo "strappo".

Entrambe le tecniche, continua Ciatti, sono state quasi del tutto abbandonate a par tir e dagli anni Sessanta: sono
processi molto invasivi, devastanti, che infliggono alla pittura pesanti alterazioni. Tra Sette e Ottocento se n' malamente approfittato e sono stati staccati affreschi per questioni commerciali, per poterli immettere sul mercato antiquario. Un meccanismo che ha impoverito il nostro patrimonio artistico permettendoilttasferimento all'estero dei dipinti staccati. Oggi gli affreschi si staccano solo in casi rarissimi. La tendenza un restauro in situ che risani gli intonaci e conservi opera nel luogo per cui era stata pensata.

Anche per quanto riguarda il restauro di dipinti mobili, cio tele e tavole, l'Italia detiene un primato mondiale di eccellenza assoluta.
Ancora Ciatti: Abbiamo i restauratori pi bravi del mondo, da tutto il mondo ci mandano capolavori da salvare.
In questi anni stanno emergendo tecniche sempre pi interessanti: c' una grande evoluzione nei sistemi di pulitura. Con nuovi materiali estremamente sicuri e facili da dosare siamo in grado di rimuovere i residui sovrapposti ai dipinti e alterati nel tempo. Dove una volta si usavano solventi aggressivi, oggi abbiamo ampi margini di sicurezza: riusciamo per esempio a eliminare le aggiunte posteriori senza danneggiare il pigmento originale. I nuovi sistemi prevedono l'uso di enzimi, di sostanze a base acquosa, di "resin soaps" di sintesi in grado di legarsi
solo ad alcuni materiali lasciando intatti gli altri. Sulle tele restaurate in passato con colle proteiche, che si sono poi alterate scurendo o appannando il dipinto, oggi si usa la proteasi, che "mangia" via solo il materiale proteico e non la vernice usata dall'artista. Da vent'anni sono poi allo studio nuovi tipi di laser, che funzionano gi molto bene sui materiali lapidei e sul bronzo. Per i dipinti si stanno sperimentando ora emissioni laser pi soft, pi regolabili e "morbide", adatte anche alle pitture pi delicate.

In epoca di grandi mostre, sempre pi spesso le opere esposte escono da un restauro ad hoc, e Ogni tanto l'occhio del visitatore ha un'impressione di vividezza innaturale. Vado controcorrente premette Ciatti e dico che Oggi si fanno troppe mostre. Siccome fa chic dire che questo o quel pezzo stato restaurato per l'occasione, si finisce per restaurare troppo, e velocemente. Ma un lavoro ben fatto richiede anni: deve partire da un progetto di ricerca, dall'analisi dei materiali e dall'esame iconografico dell'opera. Quando un quadro vi colpisce per l'aspetto troppo nuovo e vivido, pu voler dire che siete davanti ad un restauro frettoloso. In altri casi per sono stati fatti male i restauri precedenti: le ultime puliture portano soltanto alla luce danni passati. Che hanno acceso troppo i colori o consumato zone di pigmento con materiali abrasivi.
Il mio motto, conclude il direttore del Laboratorio di Restauro, : restauriamo meno, ma restauriamo meglio! In fondo nessuno ci obbliga a restaurare tutto: se un'opera non chiede aiuto a gran voce, meglio lasciarla com' piuttosto che intervenire senza la calma necessaria. Ricordiamocelo, il restauro ha comunque una conseguenza drammatica: cambia per sempre l'aspetto di un'opera.



news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news