LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

"Staccare" e "strappare" affreschi, tre secoli di scempi
[p.c.]
Libero, 10-APR-2005



Spesso nelle didascalie delle mostre d'arte antica leggiamo: "affresco staccato". Adesso sappiamo che gli affreschi non si "strappano" pi. Ma come si faceva a 'trasformare" un dipinto murale in una tela?
La pi vecchia metodologia di "trasporto" degli affreschi era la tecnica dello "stacco", che "prelevava" insieme al dipinto spessi strati di intonaco. Nel Settecento stata invece messa a punto la tecnica dello "strappo', relativamente pi "moderna", che sfruttava 1 azione di tiraggio di colle soltanto sul pigmento.
L'affresco veniva prima consolidato con lo spruzzo di colla di caseina. Poi veniva applicata a caldo al dipinto una colla forte da falegname, su cui venivano disposte e pressate liste rettangolari di tela leggera. Procedendo dal basso verso l'alto (perch la colla non colasse), tutto l'affresco veniva coperto da due-tre strati di tessuto, che impiegava tra i due e i quattro giorni per seccare, a seconda della stagione.
Quando gli angoli e i bordi delle tele cominciavano a sollevarsi dal muro era il momento di passare al distacco dell'intelaggio, su cui lo strato di colore doveva aver aderito perfettamente. A questo punto la tela veniva, rovesciata su un pancone o sul pavimento e ripulita da eventuali frammenti di intonaco.
La fase successiva era il riattaccamento dell'affresco su una tela, una tavola o pi raramente un altro muro. Utilizzando una colla di caseina molto diluita si stendeva della garza sul dipinto, e con un rullo la si faceva aderire perfettamente. Si lasciava asciugare e si procedeva poi alla svelatura, cio alla rimozione delle tele usate per "strappare" l'affresco: il tessuto si staccava con spugne imbevute d'acqua (si impiegavano due/tre ore per ogni strato) e il dipinto era ripulito con lavaggi d'acqua calda per eliminare i residui di colla. A questo punto l'affresco depositato su tela era pronto per essere incollato sul nuovo supporto. Con una colla pi densa della prima si spennellava la tela, poi il dipinto veniva pressato con un rullo cercando di non creare bolle, che eventualmente andavano "bucate" con spilli e di nuovo pressate.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news