LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Quanto rende la bellezza italiana
Silvia dell'Orso
10-APR-2005, Il Sole 24 ore





Non c' da rallegrarsi, ma neppure d che rattristarsi troppo a osservare l'andamento dell'economia e della politica della cultura in Italia negli anni 90. La cultura stata riscattata dalla marginalit in cui era confinata e considerata a tutti gli effetti un settore rilevante dell'attivit economica, il ministero per i Beni culturali, forte dell'ampliamento delle sue competenze, stato ammesso al tavolo del Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica) e la spesa pubblica per la cultura a tutti i livelli, ma soprattutto quello locale - aumentata del 40%, con un relativo incremento del valore aggiunto superiore al Pil nazionale.
l'Italia del decennio compreso fra il 1990 e il 2000 quella passata al setaccio nel Rapporto sull'economia della cultura, curato da Carla Bodo e Celestino Spada. Seguito ideale dell'analoga ricognizione effettuata sugli anni 80, quando peraltro si era registrato un aumento della spesa per la cultura decisamente superiore (+90%) rispetto quello che ha caratterizzato i due ustri ora esaminati (+32,6%).
Un affondo nei variegati tenitori delle attivit e delle produzioni culturali che, secondo una recente e programmatica indicazione dell'Unione europea, comprendono i beni culturali, lo spettacolo dal vivo, gli audiovisivi e l'industria editoriale (in pi il nostro ministero si occupa di sport!).

Il Rapporto sottolinea come gli anni 90 abbiano visto da un lato un nuovo protagonismo delle Regioni e degli enti locali nel campo della cultura e dall'altro un federalismo rimasto sostanzialmente sulla carta. Cos come fa notare
che se la spesa pubblica aumentata, non altrettanto si verificato con quella privata che, invece, vuoi per l'inadeguatezza del pubblico, vuoi per la mancanza di regole chiare, stenta a decollare. Ci non toglie che l'andamento economico del settore sia in generale positivo, anche se colpisce la sperequazione tra lo sviluppo del comparto relativo ai beni e alle attivit culturali che ha beneficiato degli investimenti pubblici nei restauri, del rinnovamento del sistema dei musei e della complessiva valorizzazione del nostro patrimonio e la debolezza delle industrie culturali, tra radiotelevisione, cinema, editoria, musica registrata e nuovi media. A questo proposito il
decennio ha assistito a una forte riduzione dell'intervento pubblico che non ha coinciso con un incremento dell'apporto privato, creando una situazione tutt'altro che rosea sia nel settore televisivo, dove permane inamovibile il duopolio, sia in quello audiovisivo e nell'editoria. Per non dire che gli anni 90 hanno visto fra l'altro la vendita di casa Ricordi, Fonit-Cetra e non solo, segnando di fatto il tramonto nel cinema e nella musica delle imprese italiane non collegate alla tv.
Un dato, per, colpisce pi di altri ed che, da tutti i punti di vista, la divaricazione tra Centro-Nord e Mezzogiorno si ulteriormente aggravata. Soprattutto sul piano della domanda di consumi culturali che rimasta ben al di sotto dell'incremento medio nazionale anche in settori, come musei e spettacoli, nei quali si avuta una tendenza positiva.
Mentre i consumi sono addirittura crollati laddove in altre zone la domanda regredita, per esempio nella diffusione dei giornali.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news