LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. Opera darte abusiva. Un cubo dacciaio al Circo Massimo
Paolo Conti
Corriere della Sera 29/1/2014

Il monumento allinsaputa del sindaco
Lautore: un test, Comune disattento

A Roma puoi fare di tutto. Anche issare un tuo monumento di tre metri per tre, due tonnellate di acciaio, e piazzarlo in una delle aree pi tutelate dItalia: di fronte alla cavea del Circo Massimo, sullo sfondo delle rovine del Palatino, delle residenze di Augusto, Tiberio e Domiziano. Tanto nessuno controller le autorizzazioni e i permessi.
Non arriver n un vigile urbano, n un funzionario della sovrintendenza comunale (peraltro vacante da ben sette lunghissimi mesi, ed ecco i frutti) o statale a capire cosa sia accaduto.
Siamo nella notte tra il 24 e il 25 novembre 2013, ore 3. Dopo numerosi sopralluoghi (indisturbati anche quelli) lartista romano Francesco Visalli arriva con un camion, devia il traffico con laiuto di collaboratori armati di segnaletica stradale e apposite luci, e pianta nellaiuola di fronte al Circo Massimo il suo monolite Place de la Concorde che si colloca dice lautore in un pi vasto progetto Inside Mondriaan. Il rinvio al grande artista olandese celebre nel mondo dellarte e della pubblicit per il minimalismo geometrico dei suoi riquadri in cui il bianco si alterna al grigio e ai colori primari, evidente. Racconta la curatrice dellartista, Valeria Arnaldi: Quella notte ridevamo tutti, sembrava una scena di Amici miei di Monicelli. Da quel giorno la scultura-installazione resta al suo posto. Nessuna ispezione. Nessun interrogativo.
Ieri sul sito www.artribune.com diretto da Massimiliano Tonelli (la casa editrice presieduta da Paolo Cuccia) apparso un intervento molto polemico sulla qualit della scultura e sulla scarsa notoriet dellartista: Come ha fatto Visalli a installare unopera permanente laddove ogni artista del mondo sognerebbe di installarla e avendo un curriculum molto distante dagli artisti pi grandi del mondo? Luned notte, un servizio sul Tg5. Di l partita la caccia alla storia, e al perch. Visalli, che ha investito 23 mila euro nellimpresa, ha emesso una nota intitolata: Monumento al Circo Massimo allinsaputa del sindaco. Scrive lartista: Non una trovata pubblicitaria ma un vero e proprio esperimento e, soprattutto, una denuncia. Testare lattenzione dellAmministrazione comunale sulla citt in generale, e sullarte in particolare. A due mesi dallinstallazione il bilancio drammatico: nessuna notifica allartista, nessuna domanda, nessuna verifica sullopera e neppure nessun controllo in termini si sicurezza. Nonostante le dimensioni decisamente evidenti, i colori accesi, la posizione centralissima e poco distante dagli uffici del Comune. Nessuno ha chiesto alcunch nemmeno durante i sopralluoghi delle tante forze dellordine prima del gran concerto di Capodanno, l al Circo Massimo. Dice sconsolato lartista: Speravo che lopera fosse scoperta dopo pochi giorni. Con tristezza per Roma, vedo che ci sono voluti due lunghi mesi. La mia intenzione era dissacratoria, nel senso di voler violare uno spazio culturalmente sacro come quello.
Ammette Flavia Barca, assessore alla Cultura della giunta guidata da Ignazio Marino: vero, non c stato alcun controllo proprio perch non c stato un avvio formale di nessuna richiesta. Perch nessuno se n accorto? Forse proprio perch Roma una citt straordinariamente ricca di arte e cultura: e pu capitare di passare di fronte a unopera senza chiedersi il perch della collocazione. Vorrei cogliere laspetto positivo della provocazione, che in qualche modo una forma di street art. La accoglieremo come capita anche con altre provocazioni, magari pi accese
C dellaltro, per. La provocatoria installazione di Francesco Visalli ricorda e sottolinea, con la sua massiccia presenza clandestina, un altro vero, intollerabile scandalo. Linamovibile, immenso camion-bar di bibite e panini che da mesi deturpa il panorama sul Circo Massimo e il Palatino. Ha resistito alla gestione Alemanno e ora prospera indisturbato anche sotto la giunta guidata da Ignazio Marino. Presidio sprezzante e volgare di uno imbattibile strapotere romano: le famiglie degli ambulanti che presidiano gli spazi di fronte ai monumenti romani, un dominio forte quasi quanto quello dei burocrati e di certi costruttori.



news

23-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news