LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ritorna in Etiopia l'obelisco di Axum
Cinzia Dal Maso
10-APR-2005 la Repubblica


In settimana il trasporto in aereo del primo blocco della stele


ROMA II governatore della regione etiopica del Tigri lancia l'allarme: migliaia di persone si stanno riversando su Axum per accogliere la famosa stele. La stele che Mussolini port a Roma nel 1937 e che ora torna finalmente a casa. Quasi sicuramente la settimana prossima, ma una data certa ancora non c'. Si parlato dell'11 aprile e poi del 13, e cos gli Etiopi si sono messi in marcia e la piccola Axum rischia il collasso. Ma pare che alla fine molto dipenda dai piloti dell'aereo da trasporto russo Antonov 124 noleggiato per l'operazione: partiranno solo quando saranno certi di poter eseguire i voli in tutta sicurezza. Perch non saranno viaggi facili: tre in tutto, per trasportare i tre pezzi in cui la stele smembrata che pesano 48,65 e 87 tonnellate (pi un quarto viaggio per le attrezzature), con un rischiosissimo attcrraggio a oltre 2000 metri di altitudine. Ead applaudirli all'aeroporto di Axum
al termine dell'ultimo volo, previsto a una decina di giorni dal primo, ci saranno il primo ministro etiope Meles Zenawi e il nostro ministro Giuliano Urbani, Assieme a una folla di Etiopi.
Per gli Etopi quella stele ha un'importanza vitale. Perch non percepiscono distanza ma fluida continuit tra l'antico regno di Axum e il presente. La stele innalzata quasi duemila anni fa rappresenta i loro diretti antenati, i loro padri. Mussolini ha osato appropriarsene e orala restituzione sentita come l'unico gesto capace di sanare la ferita. Rappresenta quindi molto pi della semplice riparazione dei danni di guerra. E a differenza di altre opere d'arte uscite in passato dai paesi d'origine, in questo caso c' un preciso impegno dell'Italia alla restituzione. Dichiarato nel trattato di pace del 1947 eribadito dall'accordo Italia-Etiopia del 1956.
Poi per Selassi non ha mai insistito e la stele rimasta dove stava. Anche perch si era ben
capito che l'operazione di smontaggio, trasporto e rimontaggio sarebbe stata difficile, delicata e costosa. E infatti il problema si posto in tutta la sua gravita quando, dopo le ripetute insistenze dell'attuale governo etiope, l'Italia nel 1997 ha rinnovato l'impegno e a luglio 2002 ha deliberato l'avvio dei lavori. Il milione e mezzo di euro allora stanziato dal nostro governo lievitato al punto da raggiungere orai dieci milioni di euro. Per questo la stele non ha preso il volo subito dopo il suo smontaggio avvenuto nel novembre 2003. Bisognava reperire nuovi tondi. Si proceduto
insomma a singhiozzo come accade spesso in Italia, ma con gli occhi del mondo puntati e gli Etiopi esasperati.
Oraper siamo finalmente all'epilogo della vicenda. Si pensa
gi a riposizionare la stele nella sua fossa che da anni l'attende vuota, ed esperti dell'Unesco giungono oggi ad Axum per redigere un piano di lavoro. "Dovremo indagare bene l'area per avere la certezza che non ci saranno crolli" ha spiegato a Repubblica l'archeologo Rodolfo Fattovich che fa parte del team. "La stele fragile e lo anche la roccia che dovrebbe sostenerla, un tufo friabilissimo scavato all'interno da un'infinit di tombe sotterranee".
Pi ottimista invece l'ingegner Paolo Mazzalai che nel 2001 ha studiato un piano per il ri collocamento della stele su incarico dell'Iccrom: "E' un'operazione relativamente semplice. Noi avevamo progettato una sorta di tazza di calcestruzzo armato da inserire nella fossa e perfettamente in grado di sostenere la stele. Un'idea
approvata anche dai tecnici etiopi". E infatti l'Etiopia tutta condivide tale ottimismo e gi prepara i festeggiamenti. "Per settembre in concomitanza con il Capodanno etiope", annuncia Hewan Teka Legesse della comunit etiopica in Italia.



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news